Pubblicità

Proteggere il proprio nome online: la web reputation

0
condivisioni

on . Postato in Vita da Psicologo | Letto 1283 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il sito e rispettare i criteri SEO per vendere i propri prodotti/servizi on line. Un elemento che dobbiamo ancora imparare a considerare adeguatamente è la Web Reputation ovvero quello che si dice di noi e della nostra attività sul web.

Proteggere il proprio nome online la web reputationDa vari anni, complice l'incredibile diffusione degli smartphone, i Social Network (Facebook, Twitter, Instagram, YouTube, etc.) sono diventati così facili da utilizzare e così indispensabili, sia a livello personale che professionale, che è diventato indispensabile gestire e monitorare la propria Web Reputation, cioè la nostra immagine sul web.

Ma capiamo meglio di cosa si tratta: la web reputation è l'insieme di commenti e opinioni che gli utenti, i clienti, gli impiegati, la concorrenza, insomma chiunque, pubblica sul web relativamente a noi e alla nostra attività. Queste opinioni, siano esse positive o negative, sono espresse sui social network, nei blog oppure nei forum o sui uno dei tanti siti di recensione.

Le aziende che si occupano di vendita on line sono particolarmente sensibili a questi commenti che possono, quando sono positivi, favorire l'interesse dell'azienda (ad es. la comunicazione da parte di un utente di una vendita flash o di un'offerta speciale) oppure, quando negativi (un ritardo nel servizio o un prodotto non conforme alle aspettative), danneggiare l’immagine e la reputazione dell’azienda.

Ma c’è anche un altro aspetto da considerare, soprattutto se siamo alla ricerca di un lavoro (le società di selezione del personale cercano informazioni sui candidati utilizzando i principali motori di ricerca) oppure se la nostra è una libera professione: ogni azione sul web lascia una traccia che racconta di noi. Ogni parola, ogni commento, ogni foto dice qualcosa su chi siamo.

Il web è diventato LA fonte di informazione per eccellenza. Reale e virtuale si confondono e troppo spesso si integrano.

La reputazione si crea sul web, ma sono pochi coloro che sono veramente capaci di adottare le strategie adatte. Eppure la reputazione è essenziale per chi fa della propria serietà e della propria professionalità il proprio biglietto da visita. E’ come se avessimo sempre degli occhi puntati addosso, un megafono collegato, un microfono acceso, una finestra aperta e tutto quello che facciamo, scriviamo, diciamo, commentiamo, rischia di essere letto da chiunque.

Proprio in quest'ottica Psiconline ha deciso di fare un concreto regalo ai colleghi che ci seguono costantemente e a tutti gli utenti che quotidianamente scelgono il nostro sito per informarsi di psicologia.

Giorno dopo giorno, capitolo dopo capitolo, pubblicheremo il bellissimo libro di Anna Fata "#MyWebIdentity. Elementi psicosociologici dell’identità online", pubblicato da Edizioni Psiconline nel 2016.

Pubblicità

Tutti, consapevolmente o meno, abbiamo un’identità, un personal branding, cioè un “marchio” che sancisce il nostro essere e fare, i nostri talenti, risorse, unicità che ci distinguono dagli altri, nella vita privata e nel lavoro.
Il personal branding è anche e soprattutto frutto della percezione che gli altri hanno di noi. Per questo è fondamentale essere consapevoli dell’immagine che trasmettiamo ed eventualmente modificarla per veicolare un messaggio autentico, coerente ed efficace di ciò che siamo e di quello che possiamo offrire, nella vita privata e nel lavoro.
Questo libro offre le basi teoriche e pratiche, con le apposite sezioni #ComeFare per costruire giorno dopo giorno un’identità integrata, online e offline e si rivolge a liberi professionisti, psicologi, manager, imprenditori, tecnici ed esperti nel web e tutti coloro che desiderano comprendere le basi e acquisire gli strumenti concreti per crearsi un’identità online, professionale e/o amatoriale, coerente, efficace ed efficiente per il proprio personal branding, il marketing on e offline, il social networking.

Quindi seguiteci con attenzione e non perdetevi l'appuntamento con la vostra guida di Personal Branding e di Web Reputation.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

 

Tags: web reputation web identity reputazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni