Pubblicità

Far fronte alle grandi tragedie

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 770 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Tutti possono essere colpiti da eventi traumatici stravolgenti

calamità naturaliCosa succede quando ci si sente coinvolti emotivamente in eventi tragici successi a terze persone?

Prendiamo in considerazione la vita di persone innocenti sconvolte da accadimenti tragici; ciò ci permette di riflettere sulle diverse e complicate situazioni nel loro complesso.

Il pensiero che determinati eventi possano essere tragici per gli altri ci mette di fronte alla realtà che anche per noi possono verificarsi situazioni similmente drammatiche.

L’imprevisto mette i brividi, soprattutto quado si pensa che la vita può essere rubata in un attimo.

Recentemente alcuni eventi tragici sembrano verificarsi in maniera più rapida e frequente: crimini violenti, atti di terrorismo, incidenti, uragani, cicloni, inondazioni, o incendi.
Ci si sente come se immersi in una stessa realtà senza scampo anche se vista da lontano.

E’ opportuno comprendere che la consapevolezza di tali eventi è riconducibile ad una maggiore esposizione alle informazioni dei media, talvolta essa diventa ossessiva, influendo negativamente sulla salute emotiva.

Supponendo che non si è coinvolti direttamente in uno di questi eventi terribili, che cosa si dovrebbe fare per proteggersi da tale coinvolgimento?

Tutelarsi non significa respingere la gravità degli eventi altrui, ma, piuttosto, individuare un mezzo per salvaguardare la vita e il benessere nostro e di coloro che amiamo.

In primo luogo è necessario ottenere informazioni accurate sugli eventi; è necessario non guardare o leggere gli stessi fatti di cronaca più volte.

Una volta avute le informazioni di base, bisogna  venire a “patti con esse”,  con la consapevolezza che ci sono alcune circostanze della vita per le quali non è possibile avere risposta.

Bisogna  anche salvaguardare il benessere emotivo dei più giovani e rassicurare, soprattutto i bambini, effettuando riflessioni e considerazioni, attraverso un linguaggio appropriato all'età.

Tuttavia è necessario rendere omaggio alle vittime dei diversi eventi traumatici, nella maniera che si ritiene più opportuna: piccoli gesti ,preghiere quotidiane, riflessioni e note scritte.

Poi, però, bisogna focalizzarsi anche sulla propria vita personale, apprezzando i piccoli eventi della vita per i i quali riteniamo sia opportuno essere riconoscenti.

Rifocalizzarsi sulla propria vita non significa essere irrispettosi nei confronti delle persone meno fortunate, ma, piuttosto, rappresenta un modo per mantenere vivi la cultura e i valori per i quali abbiamo combattuto.

Quando si comprende che non è possibile separare sentimenti e paure personali da eventi tragici, diventa difficile controllare la propria vita, ed è necessario, dunque,  mettere in atto strategie di coping per ristabilire l'equilibrio nella vita quotidiana.

E’ possibile sentirsi stressati o ansioso, avere disturbi del sonno,disturbi  fisici  o si può essere più irritabili del solito.

Mettere in atto strategie di coping rappresenta un mezzo per alleviare i fattori di stress e le sfide della vita quotidiana.
 
E’ possibile utilizzare una vasta gamma di tattiche per questo scopo, come ad esempio la distrazione attraverso hobby o attività, esercizi , condotti in maniera regolare, o individuare strategie che aiutino a rilassare: meditazione, l'esercizio fisico e altre tecniche.

Provare per scegliere cosa meglio funziona per noi.

 

Tratto da Psycology Today

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Ilaria Addorisio De Feo)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: tragedia strategia di coping eventi traumatici terrorismo benessere emotivo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni