Pubblicità

Perché la gente si tatua?

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 665 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Ricerche recenti approfondiscono la nostra comprensione su come vengono percepiti i tatuaggi.

tatuaggiQuando i tatuaggi emersero per la prima volta nel 1800, erano considerati un segno dell'essere un criminale o un deviante. Oggi sono sempre più all'ordine del giorno. Secondo una stima, il 38 percento degli adulti, di età compresa tra 18 e 29 anni, ha almeno un tatuaggio.

Cosa porta le persone a tatuarsi? Questa domanda è stata indagata in un recente studio condotto dalla psicologa Luzelle Naudé dell'University of the Free State in Sudafrica. PIù specificamente, lei e i suoi collaboratori hanno cercato di capire perché gli studenti universitari avrebbero scelto di farsi tatuare così come le loro percezioni che circondano questa pratica.

Per indagare su queste domande, Naudé e il suo team hanno iniziato reclutando partecipanti più anziani del college e iscritti a un corso sui metodi di ricerca in psicologia. I partecipanti hanno compilato questionari che chiedevano informazioni sulle loro esperienze relative ai tatuaggi, incluso se avevano o meno uno o più tatuaggi, quanti dei loro amici ne avevano uno o più, i loro motivi per averli e le loro opinioni sugli individui tatuati. Naudé e i suoi collaboratori hanno anche invitato i partecipanti a tornare per un'intervista di follow-up che ha approfondito le loro percezioni sui tatuaggi.

Pubblicità

I risultati furono sorprendenti. La maggior parte dei partecipanti (78%) non aveva tatuaggi, così come la maggior parte dei genitori (92%). Tuttavia, la maggior parte degli amici dei partecipanti (74%) aveva tatuaggi, e quasi la metà (47%) stava considerando di farne uno o un altro in più.

Le ragioni dei partecipanti per farsi o non farsi un tatuaggio erano all'incirca uguali, con il 47% di risposte positive e il 50% di risposte negative. La motivazione principale per coloro che si sono tatuati (25%) ha avuto a che fare con il suo significato personale (come per contrassegnare un'esperienza o una lotta significativa). I partecipanti hanno riportato ragioni come "mantenere la memoria di mia madre", "un modo di onorare il mio primo figlio" e "rappresentano ciò che stavo vivendo in un determinato momento della mia vita". Alcuni partecipanti (12%) hanno anche riferito che il loro i tatuaggi erano un'estensione o espressione di chi erano. Come ha osservato un intervistato, "Il mio corpo è un libro, i miei tatuaggi sono la mia storia". Alcuni partecipanti hanno anche riferito di aver trovato i tatuaggi come una forma d'arte accattivante.

Per i partecipanti che hanno scelto di non farsi un tatuaggio, le ragioni principali ruotavano attorno a fattori sociali e culturali, principalmente la religione (11%). Un partecipante ha riflettuto: “Sono una persona religiosa, quindi il mio corpo è il tempio dello Spirito Santo. Vorrei mantenermi pulito”. Un altro ha espresso:" Sono cristiano, e nella religione cristiana bisogna trattare e rispettare il proprio corpo come fosse un tempio".

Altre ragioni per rinunciare a un tatuaggio includevano la disapprovazione da parte della famiglia e degli amici e il verificarsi di opinioni negative sul lavoro. Alcuni partecipanti (10%) hanno espresso preoccupazione per la permanenza dei tatuaggi e la loro sensazione che sembri poco attraente per le persone anziane. I partecipanti hanno anche fatto riferimento a motivi medici o alla paura degli aghi e del dolore (10%). Inoltre, alcuni partecipanti hanno visto i tatuaggi come poco attraenti. Un partecipante ha commentato: “Non ne farei mai uno. Metteresti un adesivo sul paraurti di una Ferrari?”

Per quanto riguarda le opinioni dei partecipanti sui loro tatuaggi e quelli degli altri, i partecipanti stessi erano per la maggior parte non giudicante. Alla domanda "Qual è la tua opinione sui tatuaggi e sulle persone tatuate?" La maggior parte dei partecipanti (54%) aveva opinioni positive, il 18% aveva sentimenti contrastanti, il 13% aveva opinioni negative e il 15% non aveva opinioni o era indifferente . La maggior parte degli intervistati ha rispettato le preferenze degli individui tatuati. Un intervistato ha dichiarato: "Sono cool e tutto il resto, solo non sono per me".

Da notare le risposte alla domanda “Quali pensi siano le opinioni della gente sui tatuaggi?”, la maggior parte dei partecipanti (39%) ritiene che le persone abbiano sentimenti contrastanti o sentimenti negativi (35%), a differenza del 17% dei partecipanti che ritengono che la gente abbia opinioni positive riguardo ai tatuaggi. Il quattro per cento dei partecipanti non ha condiviso un'opinione.

Tra coloro che nutrivano opinioni negative, affermavano che i tatuaggi erano (secondo le loro parole), brutti, trash, disordinati, scadenti e sporchi. Allo stesso modo, hanno visto le persone tatuate come malvagie, sataniche, pericolose, ribelli, empie, stupide, sconsiderate, non professionali, strane, non cristiane, associate a criminalità, crudeli, emarginati, antisociali, privi di morale e ribelli della società. Un intervistato ha osservato: "Hanno appena fatto un tatuaggio perché si ribellano o sono cattivi". Un altro ha dichiarato: "Vogliono provare un senso di appartenenza, attenzione e vogliono essere temuti".

Tra coloro che hanno punti di vista positivi sui tatuatori, hanno visto i tatuaggi come attraenti e quelli che li sfoggiano come fighi, trendy, alla moda, interessanti, spontanei, creativi, artistici, liberi, più aperti, liberali, avventurosi, forti , coraggiosi e senza paura dell'impegno e del dolore. Come ha detto un partecipante, "Le persone con i tatuaggi sono le persone più vere che tu possa mai incontrare".

Alcuni partecipanti avevano "percezioni condizionate". Cioè, potevano accettare i tatuaggi solo in determinate condizioni. La maggior parte si sentiva a proprio agio con i tatuaggi, purché il tatuaggio avesse un significato personale o fosse un mezzo di espressione. Erano, tuttavia, più negativi sui tatuaggi quando si parlava di professionalità sul lavoro o sull'età. Un partecipante ha riflettuto: “Per i giovani, è elegante e alla moda, ma quando invecchiano e hanno tatuaggi sembra disgustoso e inappropriato, come se stessero invecchiando ma non vogliono accettare la realtà delle cose. Sul posto di lavoro, i tatuaggi non sono appropriati e la persona tatuata può sembrare poco professionale o non seria riguardo alla sua carriera."

Pubblicità

Inoltre, i partecipanti sono stati molto sensibili riguardo il numero, le dimensioni e il posizionamento dei tatuaggi. Ad esempio, un intervistato ha condiviso: “Devo ammettere che tendo ad essere scettico nei confronti di qualcuno che ha un braccio,una gamba o la schiena piena di tatuaggi (di solito sono motivi). secondo me sono troppo. Tuttavia, se questi tatuaggi rappresentano qualcosa di importante per loro (ad esempio, il nome di una persona defunta o un luogo che simboleggia un evento importante nella loro vita) va benissimo, è qualcosa che potrei prendere in considerazione, magari potrei farlo anche io in futuro."

Tra quelli con un tatuaggio, la maggior parte non aveva subito conseguenze negative sul fatto di averne uno e non aveva rimpianti. Gli unici rimpianti potevano riguardare il fatto di aver scelto un tatuatore poco bravo o di averne fatto uno troppo grande o poco attraente. C'erano anche riferimenti al dolore, alla permanenza, a qualche giudizio, o al fatto di avere dei tatuaggi sbagliati (ad esempio, il nome di un ex-partner).

La maggior parte dei partecipanti con tatuaggi ha visto il pregiudizio che hanno vissuto come insignificante. Come ha dichiarato un partecipante, "Mi sento come se fossi 'ah, quindi non ti piace ... e allora? Devo svegliarmi io in questo corpo al mattino, non tu.'" Un altro intervistato ha detto: “Dovrebbero superare i loro pregiudizi. Ci sono molte persone altamente istruite e intelligenti con i tatuaggi."

L'autore Michael Biondi una volta scrisse: "I nostri corpi sono come pagine bianche da riempire con l'inchiostro dei nostri cuori". Probabilmente non aveva in mente le ricerche di scienze sociali in quel momento, ma per coloro che abbracciano l'arte del tatuaggio, questo studio sostiene il suo sentimento.



Riferimenti bilbiografici

  • Naudé, L., Jordaan, J. & Bergh, L. Curr Psychol (2019), “My Body is My Journal, and My Tattoos are My Story”: South African Psychology Students’ Reflections on Tattoo Practices. Current Psychology. February 2019, Volume   38: 177. https://doi.org/10.1007/s12144-017-9603-y






A cura del dottor Andrea di Maio



Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: tatuaggio articoli di psicologia;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Area Professionale

Articolo 39 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.39 (Formazione e informazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo...

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità. L'alcolismo può essere talmen...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters

0
condivisioni