Pubblicità

Trattamento delle fobie

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Fobie, Panico | Letto 539 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Le fobie non richiedono necessariamente un trattamento a meno che la paura non impedisca ai soggetti di lavorare, svolgere attività quotidiane necessarie o avere rapporti interpersonali sani

Trattamento delle fobieLa maggior parte delle forme di questo disturbo d'ansia sono curabili. Tuttavia, nessun singolo metodo di trattamento funziona per tutte le fobie.

Quando si ricerca un trattamento, i metodi o le strategie esatte che lo psicoterapeuta utilizza per favorire un ritorno allo stato di benessere possono variare.

Nel presente articolo si andranno pertanto a delineare alcuni tipi comuni di psicoterapia per trattare le fobie.

Terapia cognitivo-comportamentale per le fobie

La terapia cognitivo-comportamentale, consente all'utente di gestire le proprie paure attraverso un lavoro mirato al cambiamento graduale del modo di pensare.

Pubblicità

Si basa cioè sull'interconnessione di pensieri, credenze, sentimenti e comportamenti. Un soggetto che presenta una fobia crede che la situazione temuta sia intrinsecamente pericolosa.

Questa convinzione porta a pensieri automatici negativi che si verificano non appena ci si espone alla situazione temuta, ed i pensieri automatici portano così ad una reazione comportamentale fobica.

Potrebbero essere necessarie diverse sessioni di terapia cognitivo-comportamentale per contrastare questo modello di pensiero.

Per fare ciò, lo psicoterapeuta può aiutare l'utente a superare la paura dei cani, ad esempio, con passaggi terapeutici incrementali.

Un piano di trattamento potrebbe quindi includere la prima lettura sui cani, successivamente guardare un film per cani e infine portare l'utente a giocare con un cucciolo innocuo.

Le tecniche comunemente usate nella psicoterapia cognitivo-comportamentale attingono dalle scuole comportamentiste, dalla teoria dell'apprendimento così come dalle scuole cognitiviste.

Terapia di gruppo per aiutare ad alleviare le paura

La psicoterapia cognitiva-comportamentale è un tipo comune di terapia di gruppo per le fobie, sebbene molte forme di terapia utilizzino questo metodo.

Spesso possono quindi essere predisposti dei seminari, la cui durata può essere di un'ora o più giorni.

Un gruppo di persone con la paura di volare, per esempio, potrebbe riunirsi in un hotel aeroportuale per il fine settimana, il cui scopo potrebbe essere quello di impegnarsi in una serie di lezioni di psicoeducazione e sessioni di esposizione all'interno dell'aeroporto.

La psicoterapia individuale

La psicoterapia individuale consente al terapeuta e al cliente di concentrarsi l'uno sull'altro, costruendo un rapporto e lavorando insieme per risolvere il problema del cliente.

Tuttavia, la psicoanalisi e le relative terapie possono progredire per mesi o addirittura anni, mentre brevi terapie coma la psicoterapia cognitiva-comportamentale possono produrre risultati in poche sedute.

Rispetto a ciò, è bene comunque precisare che qualora l'origine della fobia fosse da ascrivere ad eventi infantili avversi, sarebbe auspicabile un lavoro più profondo che non miri esclusivamente alla risoluzione del sintomo, al fine di evitare potenziali ricadute.

Psicoterapia familiare e trattamento farmacologico

Qualora il terapeuta ritiene che la situazione familiare possa contribuire allo sviluppo o alla progressione della fobia, allora potrebbe suggerire un approccio familiare come parte di un piano di trattamento.

Pubblicità

Un'applicazione particolarmente comune della psicoterapia familiare pone il terapeuta nel ruolo di facilitare uno o più sessioni di comunicazione tra i membri della famiglia.

La psicoterapia familiare è infatti una parte comune dei piani di trattamento per i bambini che presentano forti disturbi d'ansia e fobie.

Infine, dal punto di vista medico, un buon psicoterapeuta potrebbe suggerire all'utente di rivolgersi ad uno psichiatra per la prescrizione di farmaci.

Questi solitamente vengono prescritti quando è presente una fobia sociale, piuttosto che la semplice paura di un oggetto o situazione specifica.

Tra i farmaci che possono essere prescritti vi sono i Beta-bloccanti, il cui scopo è ridurre gli effetti dell'adrenalina, gli antidepressivi, che agiscono sui neurotrasmettitori serotoninergici, ed infine i sedativi volti a generare rilassamento e ridurre le risposte ansiogene.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

 

 
 
 
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

News Letters

0
condivisioni