Pubblicità

I malati oncologici lottano, raccontano, insegnano. Sono eroi

0
condivisioni

on . Postato in Il lavoro della psicologia | Letto 3086 volte

4.6 1 1 1 1 1 Votazione 4.60 (5 Voti)

La malattia oncologica e la sua cura si dispiegano in un tempo relativamente lungo per assistere a delle fasi in cui possiamo osservare tanti cambiamenti... 

la malattia oncologicaSono un po' rattristata ed anche, lo ammetto, un po' irritata.

Per un buon periodo di 8 anni ho visitato 'persone' con patologie e sofferenze oncologiche, 5 giorni su 7. Ne vedevo almeno 7 al giorno. Continuo ancora oggi ad ascoltarne altri.

Ascolto loro, i loro familiari. A volte anche i loro figli. Vi assicuro che non uno ha mai smesso di lottare con forza e coraggio, col sorriso e con le lacrime, con la voglia ancora di accompagnare i figli a scuola, di continuare a fare con le proprie mani e gambe quanto sarebbe stato opportuno delegare, sottacendo o rivelando a seconda dei gradi percepiti di possibile migliore adattamento per sé e per gli altri, facendo delle sedute di chemio dei momenti migliori in cui condividersi con gli altri le proprie storie, decidendo di occuparsi di un animale domestico, continuando cioè a cercare un dialogo e un contatto fisico diversi dove i primi fossero venuti meno, aderendo alle terapie con slancio e senza angosce per i postumi.. -addirittura qualcuno mi riferiva : 'non vedo l'ora di operarmi..prima comincio più a lungo resto' -o potendo chiedere bibliografia scientifica per informarsi meglio.

Chi tenta di aprirsi dedicando parole, componendo poesie, ispirati da rigogliose e fiorite immagini bucoliche, canzoni scritte su note, lettere a volte da destinare al mittente solo dopo la propria consapevole sobria attesa dipartita.

Chi consegna speranze in una confidenza che ha per taluni del segreto proposito. Quando li si percepisce 'deboli' con poca voce ed entusiasmo, poche perle di saggezza in bocca, non è legittimo pensare ad una debolezza morale caratteriale. Non lo è per nessuno di loro.

È il corpo che si aggrava, si affatica e lotta ancora senza esuberanza. E' la sofferenza che chiede di non essere vista come la prova di una lotta, di una sfida tra la vita e la morte, tra vincere e perdere, ma di essere legittimata per quello che è, perchè quello è il suo momento nel tempo della cura che si desidera abbracciare in un terreno neutro di riposo e pace.

Pubblicità

Quella è la stanchezza e la sofferenza di star lottando ancora e aver lottato senza per questo dover riferire di un bollettino di guerra, è il corpo provato che però ti racconta di non essere rassegnato al fatto che un coniuge li abbia abbandonati o un figlio stia evitando il solito abbraccio o un fratello si vergogni di sopravvivere verosimilmente al suo gemello quando questo ti chiede di convocare l'altro perchè l'altro smetta di sentirsi in colpa.

La malattia oncologica e la sua cura si dispiegano in un tempo relativamente lungo per assistere a delle fasi in cui possiamo osservare tanti cambiamenti...dalla forza allo sconforto dal silenzio al grido dalla distruzione alla creatività, dalla rabbia alla pietas dalla negazione all'accettazione, dall'abbraccio alla distanza al sorriso, dalla guarigione alla recidiva alla guarigione o la morte.

Tutti lottano. Tutti raccontano qualcosa, tutti insegnano, tutti sono eroi.

È che non li incontrate in TV. Se non li avete a casa e non li incontrate alla scuola di un vostro figlio o al supermercato, li trovate in ospedale. E quello che trovate, lo trovate per un momento soltanto.

E se non avete un loro libro che abbiano scritto e da citare, li dovrete saper leggere negli occhi in quel momento e provare ad azzeccare il tono giusto per farvi rispondere al buongiorno con cui salutereste se entraste in una stanza in cui alloggino malauguratamente con un vostro conoscente.

Se lì avete il coraggio di guardarli senza offendere la loro condizione con l'indiscrezione di chi guarda ma non vuole davvero vedere o guarda e indugia troppo sul particolare, saprete che è da una vita che ciascuno di loro lotta per qualcosa di importante per loro senza passare per grandi e senza farsi mancare un sorriso. Nel tempo del sorriso. Di un pianto nel tempo del pianto.

E poi..se anche uno non riuscisse o non volesse lottare, avrà le sue ragioni che noi tanto mi sa non vorremo né conoscere né riconoscere.

Essere forti fino alla morte ..sti cavoli...

 

(articolo a cura della Dottoressa Liuva Capezzani)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: cancro tumore oncologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

News Letters

0
condivisioni