Pubblicità

Quanto è importante la comunicazione fra genitori e figli?

0
condivisioni

on . Postato in Infanzia e adolescenza | Letto 1090 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un recente studio ha concluso che una comunicazione positiva fra genitori e figli durante la pre-adolescenza favorisce minori comportamenti a rischio, come il consumo di alcool, abuso di sostanze e alimentazione disordinata.

Quanto è importante la comunicazione fra genitori e figli?Lo studio, pubblicato sulla rivista “Biological Psychiatry” e durato 14 anni, ha seguito partecipanti con età compresa tra i gli 11 e i 25 anni ed ha evidenziato come la comunicazione tra genitori e figli promuove lo sviluppo di una rete cerebrale coinvolta nell'elaborazione delle ricompense e altri stimoli che, a sua volta, protegge dal consumo eccessivo di cibo, alcool e droghe.

In questo modo, una comunicazione funzionale e positiva tra genitori e figli produce un impatto significativo sui comportamenti di salute durante l'età adulta.

Secondo il Dottor John Krystal, Direttore della rivista “Biological Psychiatry”, questo “potrebbe significare che le interazioni sociali influenzano realmente i modelli di cablaggio del cervello durante gli anni dell'adolescenza”.

Questo vuole sottolineare come le interazioni familiari abbiano un ruolo potenziale nello sviluppo del cervello e l'emergere di comportamenti disadattivi nell'età adulta.

Lo studio è stato condotto dal team dell'Università della Georgia, guidato da Christopher Holmes.

I ricercatori hanno concentrato la loro attenzione sugli afroamericani che vivono in zone rurali, una popolazione sottovalutata che può essere sproporzionalmente a rischio per questi comportamenti dannosi per la salute nella giovane età adulta.

Nel 2001, il gruppo di ricerca ha iniziato lo studio longitudinale che ha coinvolto famiglie afroamericane con un figlio di 11 anni. Tra gli 11 e i 13 anni, i partecipanti hanno riportato le interazioni con i loro genitori, inclusa la frequenza delle discussioni e dei confronti.

Quando i partecipanti hanno raggiunto i 25 anni di età, un sottocampione di 91 partecipanti è stato reclutato dallo studio più ampio per prendere parte a una sessione di neuroimmagine che ha misurato l'attività cerebrale utilizzando la risonanza magnetica funzionale.

Nello specifico, i ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale per studiare una rete di connessioni cerebrali chiamata rete di salienza anteriore.

Pubblicità

I partecipanti hanno anche risposto a domande sull'uso dannoso di alcool o dell'eccessivo consumo di cibo come ricompensa emotiva all'età di 25 anni.

I risultati hanno indicato che l'area di salienza anteriore è un meccanismo cerebrale che risponde a come i genitori nell'infanzia influenzano i comportamenti di salute nella prima età adulta.

Questi risultati evidenziano il valore degli sforzi della prevenzione e dell'intervento che hanno come obiettivo le competenze genitoriali nell'infanzia come mezzo per favorire uno sviluppo neurocognitivo adattivo a lungo termine”, ha concluso l'autore dello studio.

Questi risultati indicano l'importanza della comunicazione tra genitori e figli nell'età prescolare per i comportamenti adattivi e suggeriscono un percorso cerebrale attraverso una maggiore coerenza nell'area di salienza anteriore.

Questa rete è risultata implicata sia nell'uso di alcool e sostanze che nel consumo eccessivo di cibo, confermando prove di sovrapposizione nelle regioni del cervello per uso di sostanze e comportamenti alimentari disordinati, nonché la rivelazione di percorsi divergenti.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: genitori figli adolescenza comunicazione Infanzia e adolescenza gentori e figli

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. ...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

News Letters

0
condivisioni