Pubblicità

Una buona comunicazione riduce il rischio di conflitto sul lavoro

0
condivisioni

on . Postato in La psicologia del lavoro | Letto 1086 volte

4.75 1 1 1 1 1 Votazione 4.75 (4 Voti)

Una buona comunicazione e La comprensione si sé e dell’altro sono alla base di una relazione utile, serena, efficace.

buona comunicazioneRaramente sul posto di lavoro si usano modalità comunicative differenti da quelle usate anche in altri contesti e la incapacità di modularsi, sapendo quando e come modificare il proprio modo di dire o quello che si pensa, è tra le cause sia del conflitto che del malessere.

Non essere capiti nella richiesta dei propri bisogni o delle proposte professionali, è frustrante, mina l’autostima e rafforza la convinzione di non essere all’altezza o di non avere sufficientemente credibilità e quindi competenza.

In realtà riuscire a sentirsi apprezzati e compresi richiede una co-costruzione nel rapporto con l’altro (capo o collega) e una comunicazione tanto efficace quanto assertiva.

Proviamo a esaminare da vicino tre degli stili comunicativi spesso usati ovvero: l’aggressivo, il passivo, l’assertivo.

Comunicare in modo aggressivo non significa solo usare un tono di voce o un atteggiamento non verbale (gesticolare con rabbia, essere troppo vicino all’interlocutore, toccarlo) ma anche esprimersi verbalmente con parole inadatte alla situazione. Chi è abituato a relazionarsi in questo modo tende a mettersi al centro dell’attenzione, senza tener conto della posizione dell’altro, rimarcando posizioni senza metterle in discussione. Alla base del comportamento c’è spesso una errata convinzione che senza mostrare caparbietà e forza si sarebbe deboli, non competitivi. Se perpetrato e usato come unisco stile comunicativo ha come conseguenza la difficoltà di tessere relazioni, creare alleanze, stress, solitudine.

Pubblicità

Lo stile passivo si potrebbe definire come il contrario del precedente. Chi lo usa non riesce a riconoscerne né il proprio valore, né i propri diritti. Tende a dare eccessiva importanza al bisogno dell’altro, a mettersi in disparte, a stare in ombra sia perché convinto di non meritare nulla, sia per evitare discussioni e conflitti che non sarebbe in grado di gestire. Le strategie usate sono il «non detto», il «mi accontento», il «a me basta questo». Le conseguenze la sensazione di non essere adatto a nessun ruolo o contento e il costante inesauribile bisogno di approvazione.  

Lo stile assertivo si osserva quando l’interlocutore è capace di adattare la sua comunicazione alla situazione e alle persone con le quali è in relazione. Riconosce i propri bisogni e riesce a esprimerli nel rispetto di quelli degli altri. Il suo non verbale è congruo al contenuto di quanto afferma, non teme l’opposizione, il confronto e neppure il conflitto. Il suo scopo è comprendere ed essere compreso. Sul luogo lavoro mantiene ben separate le problematiche personali (un problema di coppia, una complessa relazione con i figli) da quelle professionali. Se contraddetto o se non ottiene quanto richiesto, accetta la situazione senza mettere in discussione autostima ed autoefficacia.

(Articolo a cura della Dottoressa Mariangela Ciceri, dottore in psicologia e counselor
autrice del volume Il counseling in azienda e nei gruppi. Comunicazioni efficaci ed analisi delle relazioni)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

Tags: comunicazione bisogni conflitto

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolieri e clown, insomma. Ed è per questo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

News Letters

0
condivisioni