Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Il pensiero delirante. Intervista a Magni e Scaccabarozzi

on . Postato in Le interviste di Psiconline® | Letto 1106 volte

Delirio. Composizione e scomposizione del pensiero delirante di Enrico Magni e Simon Pietro Scaccabarozzi (Punti di Vista - Edizioni Psiconline) è stato appena pubblicato e registra una particolare attenzione da parte degli operatori del settore.

enrico magni, autore di DelirioSi tratta di un volume che entra nel profondo della struttura delirante e la viviseziona per renderla concreta e comprensibile al lettore e Psiconline.it ha voluto, grazie a questa nuova intervista, realizzata della dottoressa Alice Fusella, che analizza dettagliatamente i contenuti del volume, consentire ai propri visitatori di apprezzare fino in fondo i particolari contenuti del volume.

D. Partiamo dal titolo: “Delirio. Composizione e scomposizione del pensiero delirante”. Cos’è il delirio e cosa vuol dire comporre e scomporre il pensiero delirante? Cosa comporta?
R. Rispondere a questa domanda in sintesi è quasi impossibile. Il concetto di delirio si rifà a DMS-IV o V , senza scomodare tutto quello che sta dietro. Delirare è un atto psicotico, è un distacco dalla realtà del qui ed ora del presente. Il delirio si caratterizza per un'alterazione del pensiero e delle emozioni. Il pensiero subisce delle alterazioni di significato, di composizione della struttura linguistica, è una confabulazione che esclude la terzietà; inoltre si possono manifestare anche delle alterazioni sensoriali con allucinazioni visive, il paziente vede delle cose che non esistono, delle alterazioni uditive, sente delle voci che sono solo nella sua mente, oppure percepisce delle deformazioni corporee irreali.

La domanda ne include una seconda. Il delirio non è soltanto una alterazione biologica legata ai neurotrasmettitori che coinvolgono prevalentemente il sistema dopaminergico: la dopamina aumentando favorisce uno stato di eccitazione e di confusione.
Fermarsi alla dimensione neuropsicologica che coinvolge le vaie aree encefaliche e i neuromediatori è importante ma è riduttivo. Ogni delirio si esprime per mezzo di un costrutto che concerne a come si formano i pensieri e i ragionamenti. Scomporre il ragionamento del pensiero delirante permette di prendere conoscenza di come è strutturato e quindi si possono inserire delle proposte linguistiche modificanti.

Nel libro, dedicate la prima parte ad una dissertazione di carattere principalmente storico-concettuale. Perché questa scelta? Non temevate di poter uscire dal tema (o dal seminato, per restare nel linguaggio da voi usato)?
La ricostruzione storia è indispensabile per poter provare a fare un passo in avanti. Sul delirio si è riflettuto, scritto molto sul piano psicopatologico, nosografico, fenomenologico, psicoanalitico e attualmente le neuroscienze si stanno sbizzarrendo alla ricerca di nuclei, molecole e geni, ma poco o nulla si è scritto della patologica del ragionamento. La psicologia del ragionamento si è impegnata in ricerche specifiche che coinvolgono il come si compiono errori, si formano convinzioni... tutto però all'interno della normalità.
La seconda domanda è un po' criptica perché sottende il rischio di scivolare e confondersi. La conoscenza della psicolinguistica postchomskyana, quella sperimentale e alcune curiosità riguardanti l'intelligenza artificiale sono state indispensabile per stare dentro il solco.

Procedendo con la lettura della prima parte, spicca il ruolo della logica. Come siete arrivati a determinare la sua importanza?
Sono stati i pazienti a farci incontrare la logica formale. L'attività clinica è stato il punto di volta per modificare l'angolo di osservazione sulla patologia. Le conoscenze psicopatologiche cognitive e psicoanalitiche non bastavano. La scoperta terapeutica e linguistica della metafora è stata utile e sostanziale per fare un passo verso la psico-logica.
La lettura di migliaia di pagine scritte dei pazienti è servita per comprendere la struttura grammaticale, sintattica, semantica e disfunzionale del pensiero. Da questo lavoro faticoso e certosino è stato possibile come decriptare certi errori. Il testo, il libro riporta soltanto degli esempi tratti dagli scritti dei pazienti.
Un paziente per dieci anni, ogni volta che veniva in seduta, portava dalle dieci alle 30 cartelle scritte. Si sono accumulati scatoloni di pagine.  
Per poter analizzare il materiale è stato necessario e indispensabile adottare un metodo di ricerca attraverso una classificazione e quantificazione nominale. Poi si è applicata la logica formale.
È stato fatto un lavoro come se si fosse stati in un laboratorio: le frasi scritte sulla lavagna venivano classificate, composte e scomposte. È stato un lungo lavoro di analisi psicolinguistica.
Si sono impiegati anni di lavoro e di riflessione. La prima stesura del testo riportava in modo analitico e quantitativo le proposizioni: occupavano più o meno quattrocento cartelle fitte. Tra i vari scopi c'era quello di costruire un software per classificare e identificare la tipologia del delirio attraverso la classificazione e gli errori del pensiero, per far questo però necessitava il contributo di un informatico e di un matematico.

Come spieghereste, ad un lettore che non è del mestiere, l’importanza di un approccio di tipo psico-logico?
Nel presentare il libro alle persone non del settore si spiega che il testo è utile per capire come si pensa e come pensa il mio interlocutore. Cioè come funziona la comunicazione.
E che è utile per riconoscere, evitare dei tranelli, inganni tra soggetti comunicanti.

La seconda parte si caratterizza per la presenza degli esempi concreti da voi riportati. Fanno parte della vostra esperienza clinica? Perché avete selezionato proprio quelli? Cosa li caratterizza?
La risposta è stata anticipata nella domanda precedente. Tutto nasce dal rapporto clinico con questa patologia e dalla necessità di trovare strumenti di lettura e di conoscenza per interagire con il paziente e migliorare il flusso dinamico della comunicazione. Se non si coglie come pensa il delirante si rischia di sollecitare delle reazioni violente con tutte le conseguenze del caso. Spesso le contenzioni sono il frutto di errori di comunicazione psico-logica tra terapeuta, operatore e paziente.

Questa seconda parte richiede la massima attenzione per i casi analizzati. Non pensate possa essere troppo articolata e complessa? Avete qualche consiglio o guida per facilitarne la lettura?
Sì, in prima battuta sembra complessa. I diagrammi, i grafici sono di aiuto. È importante cogliere l'aspetto intuitivo, non è fondamentale decodificare in modo scolastico il costrutto, non tutti sono dei logici, nemmeno noi lo siamo, però siamo passati dall'intuizione alla formalizzazione. È utile seguire il flusso dei pensieri. Non bisogna sentirsi sotto esame.

Il libro è indicato, principalmente, per professionisti del settore: psicologi, psichiatri, psicoterapeuti... ma, se ad accostarsi alla lettura fosse un “estraneo”, una persona che non conosce queste tematiche, quali consigli vi sentite di dargli per poter addentrarsi, con maggiore successo, in questo discorso?
Gli operatori del settore dovrebbero essere interessati, ma non solo. Ribadiamo il concetto. Tutti dovrebbero essere incuriositi a scoprire come funziona il pensiero disfunzionale e come si sviluppa la comunicazione.
Esempio banale. Spesso si sente dire da commentatori televisivi, politologi o generali che è asimmetrica la guerra in atto tra Isis e gli Stati perché l'Isis è composto da terroristi e non da militari, oppure perché si combatte con modalità diverse... Ma è una affermazione sbagliata: i terroristi sono persone armate come i soldati, combattono con armi come fanno gli eserciti. L'atto terroristico non è un atto asimmetrico. Affermare che è una guerra asimmetrica è funzionale alla comunicazione per ottenere un consesso e classificare in un certo modo il terrore.
Il pensiero asimmetrico è composto da eventi in cui l'inverso non è identico all'originario: il figlio non è il padre.

Qual è lo scopo principale di tutto il vostro lavoro? Pensate di averlo raggiunto?
Lo scopo più importante è stato quello di incontrare una casa editrice disponibile a pubblicare il testo.  Aver trovato l'editore è stata la cosa più importante. Solo grazie a questa opportunità sarà possibile veicolare questo messaggio.
La casa editrice Psiconline è il punto di partenza. Lo scopo principale quindi è stato raggiunto.
Le idee possono essere belle e attraenti ma se restano chiuse nella testa del ricercatore o nel cassetto non servono a niente.  Ora sta al testo crescere e far crescere.
Speriamo che appassioni che ci costringa ad un confronto con le persone che saranno interessate.
L'altro scopo è quello di sdoganare il delirio e il delirante dalla pozzo della paura e dell'angoscia.
Il pensiero delirante è interessante perché legge la realtà con un altro codice e nasconde delle verità che il normale rifiuta.

Avete considerazioni, raccomandazioni… da aggiungere?
Sedetevi comodi sulla vostra poltrona e... buona lettura.

 

 

A cura della Dottoressa Alice Fusella

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: psicosi delirio magni scaccabarozzi

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

News Letters