Pubblicità

Alla faccia delle diete! Per sfatare miti e leggende sull'alimentazione

on . Postato in Libri e riviste | Letto 633 volte

copertina alla faccia delle dieteChe cos’è che ci spinge a fare certe cose, pur sapendo che sono dannose per la nostra salute? Perché pur sapendo che certi cibi o certe sostanze ci fanno del male li assumiamo ugualmente? Sembrano domande scontate, ma la risposta non è così semplice perché le ragioni sono molte e a volte complesse e cambiare le nostre abitudini alimentari spesso errate, è davvero difficile.

Rosanna Bellanich, esperta di nutrizione clinica, con il suo nuovo libro "Alla faccia delle diete! Vivere sani, forti e belli" nella Collana Punti di Vista - Edizioni Psiconline, in tutte le librerie, fa chiarezza tra informazione scientifica e disinformazione, ormai così diffusa.

Stare a dieta ci fa diventare affamati, arrabbiati e depressi, nauseati dalla monotonia degli alimenti privi di sapore. E poi ci sono quelle persone che, in nome della salute, tendono a costringersi troppo e, autolimitandosi nelle scelte alimentari, rischiano carenze nutrizionali. Però se il nostro peso aumenta o scende troppo ne va della nostra salute, perché possiamo essere colpiti da malattie, in alcuni casi anche gravi.

Tutti sappiamo che per vivere a lungo e in salute dobbiamo attenerci ad alcune inevitabili regole: mangiare moderatamente e in modo sano, non eccedere con le bevande alcoliche e zuccherate, cucinare con poco sale, ridurre i grassi animali e gli zuccheri semplici, non fumare, non eccedere con i farmaci, fare sport, ecc. ecc. Lo sappiamo, ma non lo facciamo, o perlomeno non lo facciamo in modo completo o continuo. Perché?
Perché siamo indisciplinati o ancor peggio incoscienti, direbbero alcuni professionisti della salute, perché non ci rendiamo conto dei rischi che corriamo. Ma è proprio così? È così per tutti? Ed è sempre così? Possibile che, pur ben sapendo che vivere secondo uno stile di vita poco sano è pericoloso per la nostra salute, continuiamo fare a meno di farlo?

In questo manuale l’autrice guida il lettore a scoprire un metodo di alimentazione equilibrato e personalizzato, un po’ diverso, che permette di conciliare i piaceri della vita con un modo ragionevole di vivere sano e di mangiare bene, diventando egli stesso esperto intenditoro del vivere sano, fornendogli alcuni strumenti che gli permetteranno di poter autonomamente scegliere in modo sicuro un adeguato e piacevole stile di vita, senza troppo sforzo e senza pericoli per la sua salute.
Con molti esempi pratici, spiegazioni chiare e modelli alimentari semplici l’autrice insegna al lettore a mangiare in modo sano, senza rinunciare al gusto e al piacere della tavola. Suggerisce come fare per ridurre il peso eccessivo, in modo dolce, facile e non gravoso.
Stimola il lettore, con uno stile professionale e abilità di counselling, a trovare nuove soluzioni per cercare di cambiare quello che non lo fa stare bene e che può costituire un pericolo per la salute, oppure suggerisce come potenziare e ampliare quello che già sta facendo per stare meglio.

Questo manuale aiuterà a sfatare miti, credenze e leggende sull’alimentazione, inoltre, attraverso una corretta e sensata informazione, aiuterà ad imparare e a gestire saggiamente nuovi e più vantaggiosi comportamenti, conciliando alcune regole salutari con il piacere della vita e della buona tavola, senza che questo metta a rischio la salute.

 

 Acquista il libro su Amazon

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratteristiche Le persone affette da...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters