Pubblicità

Le mani della madre. Desiderio, fantasmi ed eredità del materno, di Massimo Recalcati

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 554 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le mani della madre recalcatiUscito quest’anno pochi giorni prima della festa della mamma – e non a caso -, questo libro chiude il discorso sui pilastri della triade familiare: dopo aver parlato del padre (Cosa resta del padre?) e del figlio (Il complesso di Telemaco) ora Recalcati parla della madre con Le mani della madre.
Ho scritto questo libro perché volevo essere giusto con la madre. Bisognerebbe provare ad esserlo.

Recalcati, passando per il cinema, la letteratura ed altro ancora, si interroga sull’immagine della madre nel mondo contemporaneo e lo fa in chiave psicoanalitica (è un lacaniano) e non sociologica, tentando di fornire una nuova interpretazione ed operare un eventuale smantellamento delle rappresentazioni canoniche del materno.

Figure bibliche come Sara, protagoniste di romanzi, film di Bergman, Pasolini, Almodovar et alii, sono funzionali al disvelamento del volto nascosto e multiforme della maternità, fatta di luci ed ombre.

Non esiste un istinto materno, bisogna accettarlo e farsene una ragione. La madre non si esaurisce nel figlio e il padre non è il suo salvatore. L’amore materno non è un sentimento puro, quasi angelico, non esclude pensieri cannibalici, fantasmi di morte.

Una madre ha mille volti e tutti rappresenteranno quell’unico volto che i suoi figli vedranno e nel quale cercheranno il proprio volto.

Una madre, però, è anche mani che possono curare e salvare dall’abisso: Benedette – scrive Rilke – siano le mani della madre. Benedetto il sostegno che offrono alla “rugiada” e ai “giorni” della vita. Benedetta la “pianta” della madre e la sua memoria.

 

tratto da recensionilibri.org - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters

0
condivisioni