Pubblicità

Stress e differenze culturali nell'espressione della rabbia

0
condivisioni

on . Postato in Per saperne di più | Letto 3100 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Secondo alcuni ricercatori le persone che esprimono la rabbia più spesso, ad esempio urlando o sbattendo le porte, sono in genere quelle che stanno esperendo un maggior stress fisico e mentale.

cultur rabbia stresLo stress a lungo termine è sicuramente un male per la nostra salute; decenni di ricerche hanno infatti dimostrato che quando le persone esperiscono lo stress per lunghi periodi di tempo, l’attività del loro sistema immunitario tende a perdere il proprio equilibrio.

Questi soggetti sperimentano infatti problemi di salute tra cui malattie cardiache e ipertensione arteriosa.

All’interno di tali contesti sociali specifici, le persone che esprimono la rabbia più spesso, ad esempio urlando o sbattendo le porte, sono in genere quelle che stanno esperendo un maggior stress fisico e mentale.

Per questi soggetti, lo stress determina pertanto non soltanto una maggiore espressione della rabbia, ma provoca anche alcuni problemi di salute. Questa condizione sembra esprimersi in percentuali simili in entrambe le popolazioni che hanno preso parte ai diversi studi.

Un’analisi interessante è stata presentata nella rivista “Psychological Science”, e i ricercatori hanno cercato di comprendere se la stessa relazione tra l’esprimere la rabbia e i problemi di salute mentale fossero anche presenti nella popolazione giapponese.

Le culture occidentali differiscono molto da quella giapponese rispetto a diverse dimensioni; innanzitutto le culture occidentali sono “relativamente piatte”, cioè non è presenta una gerarchia forte che predomina sull’altra.

Di conseguenza, non vi è una potente pressione sociale che porti le persone a desistere dall’esprimere la rabbia quando si sentono sotto stress.

La cultura giapponese, al contrario, come molte altre culture dell’Asia orientale, è invece gerarchica.

Le persone che infatti presentano uno status sociale minore, devono infatti tenere a freno le proprie emozioni quando si trovano in presenza di persone più “potenti”. Questi ricercatori si sono quindi interessati a comprendere se questa differenza culturale potrebbe modificare la relazione tra l’espressione della rabbia e lo stato di salute.

In particolare, gli adulti giapponesi che esprimono la rabbia sono quelli appartenenti a condizioni o status sociale di maggiore potere nella società.

Pubblicità

Di conseguenza, quegli individui che esprimono la rabbia sono probabilmente più stressati rispetto a coloro che non la esprimono spesso. Per verificare tale ipotesi, i ricercatori hanno esaminato due studi su larga scala i cui partecipanti erano soggetti adulti e appartenenti a due nazioni distinte quali Stati Uniti e Giappone.

Questi studi hanno raccolto diversi dati inerenti sia a quanto spesso questi soggetti esprimono o hanno espresso la rabbia, e sia rispetto ad alcuni parametri dello stato di salute, tra cui i livelli di colesterolo, la pressione sanguigna e infiammazione delle vie sanguigne.

Gli studi hanno inoltre raccolto una serie di altre variabili demografiche per evidenziare e spiegare le eventuali differenze nei risultati.

Alla luce di tale premessa, l’analisi condotta successivamente ha evidenziato e suggerito come l’espressione della rabbia sia legata a fattori che sono diversi tra loro e che sono connessi alla cultura di appartenenza.

Negli Stati Uniti, le persone che esprimono la rabbia spesso presentano maggiori sintomi legati ad infiammazione delle vie sanguigne nonché cattive condizioni di salute.

Al contrario, i partecipanti giapponesi che esprimono la rabbia spesso presentano un minor numero di marcatori biologici legati ad un cattivo stato di salute.

Il modo migliore per interpretare questi risultati è che lo stress esperito provoca problemi di salute.  Tuttavia, il comportamento delle persone che vivono lo stress si differenzia a seconda della cultura di appartenenza.

Per gli americani, l’espressione della rabbia è correlata significativamente alla quantità di stress che sperimentano, e perché sono maggiormente liberi, culturalmente, di esprimerla.

Per il giapponese, l’espressione della rabbia è in realtà un segnale di migliore status sociale piuttosto che di stress.

Volendo concludere, in Giappone, le persone non possono generalmente esprimere la loro rabbia a meno che non si trovano in una situazione sociale in cui hanno un qualche potere o dominio.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: stress psicologia sociale rabbia differenze culturali

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Psicodramma

Lo Psicodramma è la più antica terapia di gruppo.   Lo psichiatra Jacov Levi Moreno (1889-1974) in un suo lavoro giovanile (1911) e in un suo scritto sul...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni