Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Stranieri a se stessi. La depersonalizzazione

on . Postato in Psicopatologia | Letto 4315 volte

6 Segnali di pericolo per chi soffre di Disturbo di Depersonalizzazione

disturbo di depersonalizzazioneNegli Stati Uniti il 50 % degli adulti, almeno una volta nella vita, ha sofferto di Depersonalizzazione, intesa come episodio isolato o vero e proprio disturbo.

Il Disturbo di Depersonalizzazione e i sentimenti di irrealtà (DPAFU) sono fenomeni complessi e la stessa condizione della malattia mentale, spesso, è mal diagnosticata. Per comprendere la depersonalizzazione, è necessario capire prima di tutto la dissociazione.

La dissociazione è “un’interruzione” che si verifica nei vari elementi della coscienza, dell’identità, della memoria, delle azioni fisiche e / o dell'ambiente.
È una disconnessione o assenza di una connessione tra cose che sono normalmente associate tra loro. Si tratta di uno scollamento tra l'esperienza e il vostro senso di sé.

Sentirsi emotivamente insensibili e distaccati può essere allarmante e spaventoso. A volte, la depersonalizzazione è sintomo di un altro disturbo, come l’ansia, la depressione, il disturbo post-traumatico da stress, il disturbo di panico, oppure può essere il segnale di una malattia come l'epilessia o l’emicrania. Addirittura, in altri casi, la depersonalizzazione può essere semplicemente un effetto collaterale di alcuni farmaci.

Sei sono i segnali d'allarme o gli indicatori del Disturbo di Depersonalizzazione:

1. Sentirsi come un'entità completamente distaccata dal proprio corpo

Senti il tuo corpo come un estraneo, senza vita. Alcune persone perdono, addirittura, il loro senso del tatto, del gusto e dell'olfatto.

2. Non sentire alcun legame con la propria persona quando ci si specchia

Senti un senso di profondo distacco quando vedi il tuo riflesso, pertanto cerchi di evitarlo, ed eviti di uscire di casa o di stare in mezzo alla gente.

3. Si percepisce un senso di distacco dal proprio ambiente

Spesso la depersonalizzazione è associata alla derealizzazione, il sentirsi scollegati non solo dal mondo ma anche perdere quel senso di familiarità con esso, con gli individui, con gli oggetti inanimati e / o con ogni ambiente.
La derealizzazione spesso comporta distorsioni soggettive di tipo visivo, come confusione, insensibilità, percezione di un campo visivo più grande o più piccolo del normale, bidimensionalità o visioni esagerate in 3D con dimensioni alterate degli oggetti.

4. Sentirsi un robot

Quando si verifica la depersonalizzazione, le persone a volte si sentono come se fossero semplicemente degli osservatori del proprio corpo e dei propri processi mentali. Possono percepire la loro voce come poco familiare ed i loro pensieri, il loro modo di parlare e le loro reazioni non sono più spontanee.
Si diventa semplici esecutori di movimenti, con la conseguente incapacità di provare emozioni, anche per le persone che si sentono più vicine.

5. I propri ricordi appartengono a qualcun’altro

Si è sempre in lotta con l’attenzione e la memoria: chi soffre di depersonalizzazione ha difficoltà a ricordare le cose di tutti i giorni, apprendere nuove informazioni e fare esperienza di nuove cose che solitamente vengono confuse.
I ricordi possono mancare di un nucleo emotivo e, pertanto, vengono percepiti come tanto lontani, a tal punto che non possono essere personali.

6. Sentire di star male

Non si è deliranti, bensì consapevoli che qualcosa dentro di se non funziona nel modo giusto e non corrisponde a come si è e si concepisce il mondo esterno.

Il miglior trattamento per la depersonalizzazione è la terapia, dal momento che non ci sono farmaci specifici ed esclusivi per questo disturbo ma alcuni di quelli adottati per la depressione e l'ansia potrebbero aiutare. L'intervento è giustificato solo se il disturbo è persistente, recidivante, oppure genera sofferenza

Una guarigione completa è possibile per molti pazienti, specialmente per quelli i cui sintomi si manifestano in occasione di fattori stressanti che possono essere affrontati nel trattamento. Altri pazienti non rispondono in modo soddisfacente alla cura, ma possono migliorare gradualmente e spontaneamente in quanto la sensazione di depersonalizzazione è spesso passeggera e retrocede spontaneamente.

 

Tratto da PsychCentral

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: depressione ansia memoria coscienza sentimenti identità, disconnessione emicrania Disturbo Post Traumatico da Stress malattia mentale dissociazione disturbo di depersonalizzazione irrealtà interruzione disturbo di panico epilessia derealizzazione

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

News Letters