Pubblicità

Disfunzione erettile psicogena: alcuni consigli per affrontarla

0
condivisioni

on . Postato in Sessuologia | Letto 1677 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (6 Voti)

Dopo aver approfondito in un precedente articolo la natura della disfunzione erettile psicogena e le dinamiche che le danno origine , vorrei dare alcune idee e spunti utili per le coppie che vivono questa situazione.

psicogenaSia l’uomo che porta il sintomo, sia la persona al suo fianco, infatti, possono avere un ruolo ugualmente importante.

Naturalmente non c’è alcuna pretesa di esaustività, e questi consigli generali non possono sostituire un vero percorso terapeutico personale e di coppia.

Pubblicità

Affrontate il problema

Anche se una parte dei disturbi sessuali in genere è transitoria e si risolve spontaneamente, la disfunzione erettile, soprattutto in età giovane, comporta un significativo calo della qualità della vita. Ogni uomo che ne soffre merita quindi di risolvere il problema nel modo migliore e più rapido possibile, e questo comporta prendere in mano attivamente la situazione, piuttosto che aspettare che la tempesta passi.
Questo talvolta è reso più difficile dalle tipiche affermazioni che si sente rivolgere, o rivolge a se stesso, chi soffre di un qualsiasi disturbo psicosomatico: “è solo una tua fisima”, “basta che non ci pensi”, “è solo nella tua testa” e frasi simili contengono l’idea che quando un disturbo non è di origine organica sia meno reale. Anche quando questi messaggi vengono espressi con le migliori intenzioni, hanno implicazioni svalutanti e banalizzano il vissuto di chi porta il problema.
Non lasciatevele rivolgere, non rivolgetele a voi stessi e non rivolgetele al vostro compagno se lui soffre di disfunzione erettile.
Affrontare il problema diventa particolarmente importante se si considera che la probabilità di risolverlo è tanto più alta quanto prima si interviene, mentre tutto diventa più difficile se si lascia che la disfunzione si incisti per mesi o addirittura anni.

 

Create le condizioni ottimali

Può darsi che ci sia qualcosa di concreto nelle vostre abitudini sessuali che ostacola la serenità del rapporto, sarà allora utile scoprire cos’è e cambiarlo.
Alcune coppie, oberate dai ritmi frenetici della vita quotidiana, non riescono a dedicarsi ai momenti intimi con sufficiente calma e tranquillità: la fretta imprime all’incontro un’ansia e una necessità di “efficienza” che rischiano di produrre l’effetto contrario. Se questo è il vostro caso, chiedetevi quanto la vostra intimità sia più importante per voi di altre attività, e dedicate ad essa un tempo maggiore e migliore di conseguenza.
Altre coppie sono penalizzate dal non aver ancora trovato il metodo contraccettivo più adatto a loro. I metodi contraccettivi efficaci e sicuri sono i prodotti a base di ormoni, in pillole o in cerotti, e il profilattico, quest’ultimo è inoltre l’unica protezione contro le malattie a trasmissione sessuale. Accorgimenti approssimativi come il coito interrotto non sono sufficienti, e il permanere della paura di una gravidanza indesiderata o di un contagio può alimentare la disfunzione erettile.
Ogni metodo contraccettivo è diverso ed ha i suoi pro e contro: valutateli, provatene diversi, cercate informazioni corrette e affidabili presso il vostro consultorio, parlatene e scegliete insieme.

 

Liberatevi dei “terzi incomodi”

Chi mai riuscirebbe ad avere un rapporto sessuale in presenza di altre persone che osservano la scena, a parte i pornoattori? Forse nemmeno loro, se quelle altre persone fossero un capo che li rimprovera, un commercialista che rammenta insistentemente la scadenza di un pagamento o una madre che sottolinea quanto sia sbagliato secondo lei avere rapporti sessuali fuori dal matrimonio.
Per molte coppie che soffrono di disfunzione erettile il problema è proprio questo, ovviamente in senso metaforico. Qualcuno o qualcosa è psichicamente presente nella camera da letto e disturba l’intimità della coppia.
Può essere un pensiero intrusivo da cui non si riesce a prendere le distanze nemmeno nel momento dell’incontro erotico: ad esempio pressioni lavorative o incombenze quotidiane, con l’ansia e il  senso di impotenza che comportano.
A volte, un altro legame è così forte da invadere spazi e momenti che vorrebbero essere dedicati alla persona amata. Un genitore iper-affettivo e controllante può restare presente nella mente del figlio al punto da invadere i suoi momenti intimi con proibizioni, messaggi svalutanti e paure.
E’ necessario lasciare tutto ciò fuori dalla camera da letto. Se questo risulta particolarmente difficile, è probabile che ci sia bisogno di regolare i conti con tali pensieri o relazioni in altri spazi e momenti.

 

Rassicuratevi reciprocamente

La disfunzione erettile è accompagnata molto spesso da un crollo dell’autostima e da un senso di inadeguatezza in entrambi i membri della coppia.
Questi vissuti infatti, oltre a colpire comprensibilmente l’uomo con disfunzione erettile, toccano anche l’altra persona, che si trova a dubitare di essere amata e desiderata.
Entrambi possono vivere un’intensa paura di essere rifiutati, abbandonati o sostituiti.
E’ quindi molto importante per entrambi rassicurare ed essere rassicurati sul fatto che quanto sta accadendo non toglie nulla a ciò che provate reciprocamente e alla vostra relazione, sia essa una divertente avventura sospinta dall’attrazione, una storia d’amore in evoluzione o un matrimonio su cui si punta l’intera vita.
Entrambi non dovreste ingigantire il problema o comportarvi come se si trattasse di un fallimento e di una delusione irreparabile.

 

Siate protagonisti, non registi

In questo momento sono due le vostre principali nemiche: l’idea che il rapporto sessuale sia una “prestazione” da effettuare al meglio, e la tendenza ad auto-osservarvi criticamente e con ansia.
Paradossalmente, per poter tornare ad avere un rapporto sessuale soddisfacente per voi e per l’altra persona, avete bisogno di non sentire il bisogno di soddisfare nessuno. Ogni parte di voi e di questo incontro erotico va bene così com’è.
Nel momento in cui si verifica un intoppo in ciò che solitamente avviene in modo del tutto spontaneo, è molto probabile che si entri in uno stato di iper-vigilanza, in cui l’uomo è assorbito dall’osservazione preoccupata delle proprie reazioni corporee, dalla paura di non farcela e da molti altri pensieri. E’ quasi come se invece di vivere questo momento, lo guardaste dall’esterno, come un regista esigente che ha scarsa fiducia nell’attore protagonista e poca stima del suo talento.
Dovreste invece lasciare da parte tutto ciò e concentrarvi sul vivere le vostre sensazioni. Immergetevi nell’esperienza erotica anziché osservarla e osservarvi criticamente.

 

Rivolgetevi ad uno specialista

Gli uomini, al pari delle donne, sono spesso vittime di aspettative stereotipate e irrealistiche: queste comprendono anche l’idea che un uomo debba sempre e comunque “essere forte” e che ciò significhi “farcela da solo” a tutti i costi. Spesso, però, chiedere aiuto non significa essere deboli, e fare ciò che è meglio per noi indipendentemente dal giudizio degli altri può essere una grande dimostrazione di forza.
E’ comprensibile che ci si senta in imbarazzo a parlare di un problema sessuale con una persona sconosciuta, ma ci sono molte cose che uno psicologo o uno psicoterapeuta possono fare per aiutarvi a risolverlo.
Esiste un metodo chiamato terapia mansionale integrata, basato su quelli che potremmo chiamare “esercizi” sessuali da fare in coppia, diversificati a seconda del tipo di problema e in grado di aiutare le persone ad avere o riavere una vita sessuale soddisfacente.
E’ inoltre possibile lavorare su alcuni specifici aspetti psicologici che generano o alimentano la disfunzione erettile, ad esempio un’eccessiva tendenza all’autocritica o una precedente delusione sentimentale non ancora del tutto superata.
Talvolta, questo passo può essere uno stimolante e sorprendente trampolino di lancio per un lavoro terapeutico più approfondito e completo sulla vostra persona, la vostra storia di vita e il vostro mondo emozionale, che vi porterà a crescere e conquistare una consapevolezza e un benessere che vanno al di là dell’ambito sessuale.

 

Bibliografia

  • Bruna Zani e Elvira Cicognani - Psicologia della salute, Il Mulino 2000 ;
  • Fabio Veglia e Rossella Pellegrini - C'era una volta la prima volta, Erikson 2003 ;
  • Helen S. Kaplan - Manuale illustrato di terapia sessuale, Feltrinelli 1976 ;
  • Vittorio Lingiardi e Franco del Corno (a cura di) - Manuale diagnostico psicodinamico, Raffaello Cortina 2008 .

 

A cura della Dottoressa Elisabetta Ranghino

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: uomo disfunzione erettile coppie

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un neurologo francese dell’Ottocento, fu il...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Alloplastica

tendenza mentale a trasformare l'ambiente ed il prossimo. È un effetto della condotta che consiste in modificazioni esterne al soggetto, in opposizione a mod...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

News Letters

0
condivisioni