Pubblicità

Domande imbarazzanti: mamma, come sono nato io?

0
condivisioni

on . Postato in Sessuologia | Letto 1470 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (6 Voti)

“Si vedano una buona volta i bambini per come sono, e non per come vorremmo che fossero, e nell’educarli si segua la linea di sviluppo dettata dalla natura, invece di dar retta a morte prescrizioni.” C.G. Jung

domandeIl grande maestro della psicologia Carl Gustav Jung scriveva queste parole già più di 100 anni fa, riferendosi al desiderio dei bambini di sapere da dove vengono, qual è l’origine della vita e come funziona il mistero della nascita.

Perfino una delle menti più geniali del ventesimo secolo giungeva a questa conclusione solo in seguito alla propria esperienza di genitore, molto simile a quella di chiunque.
Il presentarsi di domande “scomode”, come quelle sull’origine della vita, è uno dei momenti più importanti dello sviluppo di ogni bambino: un atteggiamento corretto e una buona risposta da parte dei genitori in questo frangente possono fare davvero molto per prevenire disagi profondi e gettare le basi di uno sviluppo affettivo sereno.

Quello che a noi può sembrare solo un momento imbarazzante a cui porre fine nel modo più rapido possibile, è in realtà una preziosa occasione per trasmettere al bambino un messaggio che resterà con lui per tutta la vita, fissato negli strati più profondi del suo essere come una gemma grezza nelle viscere della terra.

Pubblicità

Ma che cosa sono la sessualità e la procreazione per noi? A ben vedere, uno dei motivi per cui le domande dei bambini su questi temi sono così imbarazzanti è perché ci costringono a confrontarci con noi stessi e a metterci in gioco con loro.
Ecco alcuni consigli per affrontare bene il tanto temuto dialogo con i nostri figli sulla sessualità.

 

Assecondate le loro domande

Aprire voi per primi il discorso, magari con l’atteggiamento di chi ha deciso di tenere una lezione, o con quello di chi vuole togliersi un peso dal cuore, potrebbe paradossalmente generare imbarazzo e rifiuto nel bambino. Aspettate che sia lui o lei a fare domande, mantenendo nel frattempo un atteggiamento di base aperto e disponibile: lasciate loro intendere che possono chiedere senza paura e che le loro domande troveranno accoglienza.

 

Prendete la cosa sul serio, ma con leggerezza

Probabilmente, prima di arrivare a porvi le fatidiche domande sull’origine della vita, vostro figlio ci ha rimuginato a lungo e ha faticato non poco a trovare il coraggio e le parole.

Non ridete delle congetture che può aver fatto e che potrebbe raccontarvi, per quanto assurde siano.
Non minimizzate l’importanza di questo momento e non siate sbrigativi: se le domande arrivano proprio in un momento inopportuno, spiegate che preferite rimandare il discorso alla sera o ad un momento tranquillo, più vicino possibile, proprio perché è importante e non volete snocciolarlo in un momento di fretta e trambusto.

Allo stesso tempo, non inquietatevi più del necessario o il bambino lo intuirà e si sentirà a disagio a sua volta. Bastano poche parole semplici e sincere, che trasmettano quanta gioia e quanto amore c’è all’origine della vita.

 

Create intorno alla sessualità un clima sereno

I bambini intuiscono, associano, collegano molto più di quanto immaginiamo, e spesso le loro congetture possono essere peggiori della realtà, se percepiscono intorno ai temi della sessualità un alone di vergogna, disgusto e disprezzo.

Abbiate e trasmettete un atteggiamento sereno intorno alle piccole cose che costellano la sessualità.
Ad esempio, creare un senso di proibito intorno alla nudità non farà che aumentare la curiosità, ma anche la paura e il sospetto nei bambini. Non è necessario evitare a tutti i costi che i vostri figli vedano nudi voi o i loro fratelli: sarà un’occasione per spiegare le differenze anatomiche tra maschi e femmine come il dato di fatto naturale ed utile che sono.

Se capita di vedere due animali che si accoppiano, non esprimete disgusto o scandalo davanti al bambino.
Non è necessario nemmeno che vi precipitiate a cambiare canale non appena la televisione mostra un accenno di scena erotica, magari sottolineando la cosa con un “non è roba per te!” pronunciato con tanta concitazione da sembrare un rimprovero.

E se la vista di un seno nudo potesse traumatizzare un bambino, non credete che Madre Natura avrebbe fatto in modo che il latte sgorgasse dalla punta dei pollici, o magari da un bel foro sulla fronte come quello delle balene?
Spesso l’imbarazzo deriva da una malizia che i bambini non hanno ancora.

I vostri figli, non sapendo cos’è la sessualità, devono impararlo da voi: comunicategli che è qualcosa di sporco e scandaloso, e ne avranno paura e la vivranno con profondo conflitto; comunicategli che è qualcosa di molto sano e naturale, e cresceranno con un atteggiamento sereno.

 

Non mentite

Primo: quando sarete inevitabilmente smascherati il bambino potrebbe sentirsi tradito e perdere un pezzettino della profonda fiducia che ha in voi. Secondo: non ce n’è bisogno.

Cicogne, cavoli, api e fiori hanno fatto il loro tempo e non sono una spiegazione adeguata nemmeno per i bambini più piccoli. Per non parlare dell’agghiacciante espressione che si usava fino a poco tempo fa, “comprare un bambino”: ricordo di aver passato qualche giorno tormentata dall’immagine di neonati vivi sul bancone del macellaio sotto casa o tra le casse del fruttivendolo di fiducia, in attesa di essere pesati, imbustati in un sacchetto di plastica e pagati da donne sorridenti ed emozionate, prima di decidermi a chiedere chiarimenti ai miei genitori in merito a questa frase che avevo sentito in giro.

Per quanto piccolo sia il vostro bambino, se è arrivato a fare domande allora esiste una parte di verità che è pronto ad accettare: basta saperla offrire con le parole giuste.

 

Ogni cosa a suo tempo

E’ importante calibrare quanto dire e come dirlo in base all’età e al grado di maturità del bambino. Ovviamente non è possibile stabilire a priori una sorta di “tabella di marcia” con indicazioni esatte sul da farsi a ogni età precisa: ogni bambino è diverso, e nessuno conosce vostro figlio meglio di voi.

Esiste un tempo in cui già solo sapere che i bambini crescono nella pancia della mamma rassicura. Ben presto ci si domanda come ci entrano e come ne escono: esiste allora un tempo in cui basta la scoperta che i bambini arrivano quando la mamma e il papà “si coccolano”, e viene poi un tempo in cui sono richiesti maggiori dettagli riguardo alle “coccole dei grandi”.

E se i piccoli reagiscono alle vostre spiegazioni con espressioni di disgusto o con affermazioni categoriche del tipo “io non lo farò mai!”, non allarmatevi. Date loro il tempo di elaborare le informazioni ricevute, e non temete: spesso il silenzio può fare molti più danni delle parole.

Quando poi i bambini diventano più grandi, il diritto di sapere diventa sempre più stringente.
Permettere ad una ragazzina di sperimentare le sue prime mestruazioni senza sapere di cosa si tratta, nel terrore che qualcosa di orribile le stia accadendo, o che si tratti di una grave e rara malattia, è una delle peggiori forme di violenza che le donne della sua famiglia possono farle.

Quando si avvicina la fine delle scuole elementari e l’inizio delle scuole medie, l’emergere della pubertà e delle pulsioni sessuali porta in primo piano questo discorso tra i ragazzini, e tutto ciò che i vostri figli ancora non sanno, rischiano di scoprirlo dai compagni con parole e modi probabilmente meno attenti e adeguati di quelli che potreste usare voi, con l’effetto collaterale di sentirsi inadeguati e derisi dai compagni meglio informati.

 

Serenità è equilibrio

Alcuni genitori pensano che evitare di parlare della sessualità ai figli, o trasmettere loro un atteggiamento di vergogna verso di essa impedirà loro di vivere una sessualità precoce e dal diventare ragazzi e adulti troppo disinibiti nei confronti delle esperienze sessuali; li proteggerà quindi dai rischi di gravidanze indesiderate, malattie sessualmente trasmissibili e, anche nella nostra cultura sedicente moderna e libera, disprezzo sociale nel caso delle ragazze.

In realtà, la mancanza di conoscenza è proprio ciò che espone maggiormente al rischio, lasciando l’adolescente impreparato/a al punto da non avere possibilità di discernimento e di scelta. Sono tristemente noti, anche in tempi recenti, casi estremi di ragazze giovanissime, anche di 13 o 14 anni, rimaste incinte perché totalmente ignare di cosa fosse il rapporto sessuale e che fosse proprio quello il modo in cui vengono al mondo i bambini.

Comunicare serenità, apertura e gioia intorno alla sessualità non significa rinunciare ad insegnare a viverla con un atteggiamento equilibrato e responsabile. L’importante è aiutare i vostri figli a raggiungere quella consapevolezza e sicurezza di sé, che consente ad esempio di dire no senza sentirsi “sfigati” e inadeguati, di non transigere sull’uso del preservativo, e in definitiva di essere padroni e padrone del proprio corpo.

 

A cura della Dottoressa Elisabetta Ranghino

 

Bibliografia

  • Carl Gustav Jung - La psiche infantile, Bollati Boringhieri 1994 ;
  • Fabio Veglia e Rossella Pellegrini - C'era una volta la prima volta, Erikson 2003 .

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: sessualità genitori bambino domande vita

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

News Letters

0
condivisioni