Pubblicità

Facies

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 5271 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

faciesIl termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai.

In semeiotica medica, il termine si riferisce, in particolare, alle espressioni del volto, assunte tipicamente in determinati stati morbosi.

L’aspetto del volto, in generale, è determinato da muscoli, ossa e tessuti, e da ciò che li riguarda: idratazione, motilità, eventuali anomalie scheletriche, ecc. Le varie facies, quindi, possono essere causate da eventi che comportano un’anomalia statica, ma anche da affezioni di tipo nervoso o psichico, che determinano un’anomalia dinamica.

Tra i vari tipi di facies vi sono:

  • La F. Febrilis, che è caratterizzata da arrossamento delle guance e lucentezza degli occhi.
  • La F. Hectica, che si trova nella tisi ed è caratterizzata da volto pallido con pomelli arrossati.
  • La F. Hippocratica o peritonitica, tipica della peritonite, che si contraddistingue per il naso affilato, gli occhi incavati, il colorito plumbeo o livido, le orecchie cianotiche.
  • La F. Parkinsoniana, che si costituisce per un impoverimento del gioco mimico.
  • La F. Basedowiana, che si manifesta con esoftalmo, particolare lucentezza degli occhi, espressione di persona trepida.

Pubblicità

In alcune affezioni neurologiche, inoltre, l’esame della facies può dare utili indicazioni per i fini diagnostici e prognostici.

Nel Morbo di Parkinson, come già detto, si osserva una ipomotilità della mimica facciale, con scarso contenuto espressivo, apparente ridotta partecipazione emotiva alle situazioni esterne, rigidità dei muscoli facciali (la cosiddetta facies figée).

Nella paralisi psudobulbare, d’altro canto, si osservano fenomeni di pianto e riso spastico, dovuti ad una incontinenza emotiva, su di una facies poco mobile, con gli occhi spalancati e la bocca semiaperta, mentre nei tumori frontali si possono rilevare: riduzione della mimica ed apatia, nell’ambito di un torpore psichico globale, oppure, al contrario, la moria frontale, ovvero un’espressione vivace, ilare, gaia, inadeguata alla situazione reale del paziente.

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.

 

(Dott.ssa Alice Fusella)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: facies

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters

0
condivisioni