Pubblicità

Facies

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3838 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

faciesIl termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai.

In semeiotica medica, il termine si riferisce, in particolare, alle espressioni del volto, assunte tipicamente in determinati stati morbosi.

L’aspetto del volto, in generale, è determinato da muscoli, ossa e tessuti, e da ciò che li riguarda: idratazione, motilità, eventuali anomalie scheletriche, ecc. Le varie facies, quindi, possono essere causate da eventi che comportano un’anomalia statica, ma anche da affezioni di tipo nervoso o psichico, che determinano un’anomalia dinamica.

Tra i vari tipi di facies vi sono:

  • La F. Febrilis, che è caratterizzata da arrossamento delle guance e lucentezza degli occhi.
  • La F. Hectica, che si trova nella tisi ed è caratterizzata da volto pallido con pomelli arrossati.
  • La F. Hippocratica o peritonitica, tipica della peritonite, che si contraddistingue per il naso affilato, gli occhi incavati, il colorito plumbeo o livido, le orecchie cianotiche.
  • La F. Parkinsoniana, che si costituisce per un impoverimento del gioco mimico.
  • La F. Basedowiana, che si manifesta con esoftalmo, particolare lucentezza degli occhi, espressione di persona trepida.

Pubblicità

In alcune affezioni neurologiche, inoltre, l’esame della facies può dare utili indicazioni per i fini diagnostici e prognostici.

Nel Morbo di Parkinson, come già detto, si osserva una ipomotilità della mimica facciale, con scarso contenuto espressivo, apparente ridotta partecipazione emotiva alle situazioni esterne, rigidità dei muscoli facciali (la cosiddetta facies figée).

Nella paralisi psudobulbare, d’altro canto, si osservano fenomeni di pianto e riso spastico, dovuti ad una incontinenza emotiva, su di una facies poco mobile, con gli occhi spalancati e la bocca semiaperta, mentre nei tumori frontali si possono rilevare: riduzione della mimica ed apatia, nell’ambito di un torpore psichico globale, oppure, al contrario, la moria frontale, ovvero un’espressione vivace, ilare, gaia, inadeguata alla situazione reale del paziente.

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.

 

(Dott.ssa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: facies

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters

0
condivisioni