Pubblicità

Facies

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 4845 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

faciesIl termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai.

In semeiotica medica, il termine si riferisce, in particolare, alle espressioni del volto, assunte tipicamente in determinati stati morbosi.

L’aspetto del volto, in generale, è determinato da muscoli, ossa e tessuti, e da ciò che li riguarda: idratazione, motilità, eventuali anomalie scheletriche, ecc. Le varie facies, quindi, possono essere causate da eventi che comportano un’anomalia statica, ma anche da affezioni di tipo nervoso o psichico, che determinano un’anomalia dinamica.

Tra i vari tipi di facies vi sono:

  • La F. Febrilis, che è caratterizzata da arrossamento delle guance e lucentezza degli occhi.
  • La F. Hectica, che si trova nella tisi ed è caratterizzata da volto pallido con pomelli arrossati.
  • La F. Hippocratica o peritonitica, tipica della peritonite, che si contraddistingue per il naso affilato, gli occhi incavati, il colorito plumbeo o livido, le orecchie cianotiche.
  • La F. Parkinsoniana, che si costituisce per un impoverimento del gioco mimico.
  • La F. Basedowiana, che si manifesta con esoftalmo, particolare lucentezza degli occhi, espressione di persona trepida.

Pubblicità

In alcune affezioni neurologiche, inoltre, l’esame della facies può dare utili indicazioni per i fini diagnostici e prognostici.

Nel Morbo di Parkinson, come già detto, si osserva una ipomotilità della mimica facciale, con scarso contenuto espressivo, apparente ridotta partecipazione emotiva alle situazioni esterne, rigidità dei muscoli facciali (la cosiddetta facies figée).

Nella paralisi psudobulbare, d’altro canto, si osservano fenomeni di pianto e riso spastico, dovuti ad una incontinenza emotiva, su di una facies poco mobile, con gli occhi spalancati e la bocca semiaperta, mentre nei tumori frontali si possono rilevare: riduzione della mimica ed apatia, nell’ambito di un torpore psichico globale, oppure, al contrario, la moria frontale, ovvero un’espressione vivace, ilare, gaia, inadeguata alla situazione reale del paziente.

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.

 

(Dott.ssa Alice Fusella)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: facies

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

Trinatopia

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto. E' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi: Acromatopsia: deficit di visione di t...

News Letters

0
condivisioni