Pubblicità

Opinione (1458061196375)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 739 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoLuigia,  21

 

D

 


Salve,
ho richiesto un consulto per un cosa che mi turba: in genere mi hanno sempre definita superattiva, energica, espansiva (termine utilizzato soprattutto dai miei due ex), a volte anche schizzata.

E' una cosa che non ho mai accettato perché è sempre stata utilizzata in accezione negativa.

La cosa che mi turba è un'altra e, a causa di questo, non riesco ad uscire di casa da un po' di giorni. L'evento che ha scaturito questo mio comportamento è da far risalire a sabato.

Sono una studentessa, pertanto, sono stata invitata a fare una serata universitaria in un locale. Tuttavia senza rendermene conto ho bevuto più del dovuto e non ricordo molto di ciò che sia successo.

Ieri, andando in facoltà, mi hanno detto tutti che ho fatto un bel po' di bruttissime figure, che io non ho voluto sapere, perché già da domenica ho provato un senso di malessere e tristezza e non volevo che si aggiungesse alla mia vergogna.

Inoltre quel sabato c'era quasi tutto il mio corso in quel locale, infatti mi hanno detto che queste brutte figure le ho fatte con i miei colleghi ( non so esattamente cosa ho combinato).

Ora come ora, l'unica sensazione che ho è di vergogna, necessità di nascondermi. Lunedì sono andata via da lezione dopo mezz'ora perché non riuscivo a reggere il pensiero di ciò che potrei aver fatto e se penso che domani e per il resto della settimana dovrò andarci di nuovo, la cosa mi terrorizza.

Come posso risolvere questa situazione che mi sta mettendo veramente in crisi?

Cordiali Saluti,
Luigia.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 


Cara Luigia,
Capisco bene che quanto ti è successo alla festa universitaria, ti abbia creato un forte stato di agitazione.

In preda all'alcol hai fatto delle cose e ti sei comportata diversamente dal solito e tu non hai memoria di quello che è successo. Un po' come se avessi avuto un Black out e non fossi più stata presente a te stessa.

Ciò che stai vivendo adesso è uno stato di forte ansia, legato alla vergogna e all'imbarazzo, Specie perché non ricordi nulla.  Perché non hai voluto sapere quello che hai fatto?

A mio avviso invece, dovresti farti raccontare esattamente quello che è successo e che cosa hai fatto. Magari da una persona di cui ti fidi.
Nulla può cancellare ciò che è stato fatto. Il passato è passato, ma possiamo conoscere, capire e superare.

Tu stai provando una forte vergogna e tanta ansia, senza saperne neppure il motivo!  Nulla che ti diranno, potrà essere così brutto come il non sapere perché provi queste emozioni.
Non sapere perché scappi, perché eviti certi posti e persone, perché non vuoi uscire. Fai gia tutte queste cose, però non ti puoi spiegare il perché.

Non avere ricordi, quando si tratta di noi e della nostra vita, genera forte stress, ansia e un grande senso di paura. Inoltre spesso ci si sente anche guardati, crediamo che tutti parlino di noi e di ciò che abbiamo fatto.

Direi, Luigia, che è meglio che tu sappia così da poter fare i conti con quello che è successo. Coraggio!!

 

(A cura della Dottoressa Alessandra Carini)

 

Publicato in data 31/03/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: tristezza sensazione vergogna accezione negativa evento senso di malessere

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Trinatopia

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto. E' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi: Acromatopsia: deficit di visione di t...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni