Pubblicità

stress o paura di perdere la persona amata malata di tumore? (1496329232616)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 479 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertosara, 36

domanda

 

 

Salve,

sono una donna che ama la vita e vede il bicchiere sempre mezzo pieno, sono lavoratore autonomo e con tanti sogni nel cassetto.

Il tutto però è caduto in secondo piano dato che il mio fidanzato lotta contro un tumore, premetto che sono la persona che ha cercato di stargli sempre accanto e sostenerlo emotivamente, psicologicamente e anche economicamente. Ma il tumore non li da tregua l'ultimo ha toccato la testa, ha subito un intervento per la rimozione del tumore però sembra che si sposti nel resto del corpo, negli ultimi tempi sta molto male.

Sto male anche io perché soffro di insonnia, ho spesso mal di testa, non riesco a studiare più nemmeno poche pagine (io sempre amato lo studio) sto avendo problemi economici date le molte spese che dobbiamo sostenere, a lavoro negli ultimi tempi non riesco a concentrarmi faccio spesso errori, insomma sembra che non vada niente bene.

Il medico oncologo mi ripete che devo essere pronta perché la malattia avanza ed è solo questione di tempo. ma io non riesco ad immaginare un epilogo del genere non riesco pensare alla fine non riesco nemmeno a pensare la parola morte.

Il mio fidanzato ha bisogno del mio sostegno e io cerco di darglielo ma non so come fare per aiutare lui e me stessa.

La mia domanda è: si tratta di stress? si tratta di paura? oppure può essere un inizio di depressione?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

risposta

 

 

Cara Sara,

posso immaginare la sua fatica, la sua stanchezza (soffro di insonnia, ho spesso mal di testa, non riesco a studiare più nemmeno poche pagine (io sempre amato lo studio) sto avendo problemi economici date le molte spese che dobbiamo sostenere, a lavoro negli ultimi tempi non riesco a concentrarmi faccio spesso errori, insomma sembra che non vada niente bene.). A volte ci si scontra con il senso di impotenza, di rabbia perchè sembra che ciò che facciamo per l'altro non sia sufficiente. E' così anche per lei?

A queste emozioni e sentimenti, immagino ce ne sia un altro: il grande dolore che prova e quello che  proverebbe  chiunque viva e condivida questa ultima fase della malattia.

Per rispondere alla sua domanda, vorrei soffermarmi sulla frase che ha scritto: "il mio fidanzato ha bisogno del mio sostegno e io cerco di darglielo ma non so come fare per aiutare lui e me stess, dia"...  Fermandosi e scrivendo ha già fatto un primo passo: sta ascoltando il suo corpo, i sintomi di stanchezza. Inoltre ha compreso che in questo momento per proteggersi è necessario non pensare al dolore o a ciò che le ha anticipato l'oncologo, perchè aprirebbe una ferita,  che non troverebbe guarigione, senza avere le risorse, le energie e le strategie efficaci per affrontarli.

Sara, quante emozioni sta vivendo, quanta dedizione e cura nello stare insieme alla persona che ama! Da tempo sta aiutando il suo fidanzato, ora per poter continuare a stargli accanto, è necessario che si prenda dello spazio per se, per recuperare le sue energie, anche se può sembrare egoistico. Le sue disattenzioni, la mancanza di concentrazione, il mal di testa e l'insonnia se potessero dirle qualcosa, cosa le direbbero?

Se pensa che per lei tutto questo stia influenzando la sua vita, le sue modalità di affrontare la quotidianità e in qualche modo sta mettendo in difficoltà anche le sue capacità di organizzazione nello studio e nel lavoro, io le consiglio di leggere questo libro "Nuove vie per uscire dal trauma. Un manuale di primo aiuto in caso di gravi disturbi psichici" .E'  una guida per comprendere e fronteggiare i traumi.

Secondo G. Fischer il trauma è un'azione interrotta ossia la persona  percepisce che le sue risorse e capacità sono inferiori e non sufficienti per affrontare l'evento. Qui sono descritte alcune strategie e tecniche che possono esserle utili. Inoltre le permetterà di comprendere se sarà necessario fare un altro passo dove trovare uno spazio di terapia personale per avere un aiuto, un sostegno e non sentirsi sola, trovando nuove modalità per affrontare questo momento per voi così delicato.

Spero di esserle stata utile.

A cura della Dottoressa Silvia Errico

 

Pubblicato in data 09/06/2017

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: ansia stress paura malattia tumore

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

News Letters

0
condivisioni