Pubblicità

Controllo della rabbia (1524997739838)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 901 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoSte, 53

domanda

 

 

Buongiorno, sono una donna di 53 con un figlio di 16. Sono sempre stata una persona rigida e con "momenti" di rabbia che giustificavo con il mio carattere forte.

Ho iniziato 4 anni fa una rapporto con un uomo di 56 anni mai sposato, senza relazioni "incisive" e senza figli. Abbiamo fatto tanti passaggi faticosi in questa coppia che sembrava crescere sempre di più fino a pensare di andare a convivere. E qui iniziano i problemi. Lui, nascondendo le sue paure, si spostava dalla scelta di una casa da comprare, a una da fittare a rimanere dove è e sistemarla per noi a d andare insieme alla mamma malata in una casa più grande tutti insieme... senza mai arrivare al punto!

Tutta questa "instabilità" nelle sue scelte ha creato tensione tra noi ed enormi insicurezze in me fino ad una "ossessione" sulla questione casa e una enorme delusione che ho cercato di controllare cumulando la mia rabbia.

Due anni fa, poi, ho perso il mio lavoro dopo 16 anni di precariato con un "capo" che mi ha finito di destabilizzare con il suo comportamento ricattatorio e schiacciante. E, da un anno ho perso il mio prezioso papà.

Il punto è che io mi sento sopraffatta, non gestisco più la rabbia che esplode per i motivi più stupidi con tutti quelli che mi stanno intorno estranei compresi. ho degli scatti di ira che mi esenuano portandomi dopo ad una calma innaturale. Divento ossessiva sulle cose che non riesco a controllare anche le più banali, scatenando delle tensioni spropositate intorno a me. Credo di avere veramente bisogno di aiuto.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Cara Ste,

nella sua lettera narra di alcuni eventi molto rilevanti che sono accaduti nella sua vita in un breve arco temporale: la perdita del lavoro, il lutto per la morte di suo padre e la delusione che ha provato per via di un mancato accordo con il suo compagno rispetto ad una soluzione abitativa condivisa. Si trova dunque oggi ad affrontare una situazione complessa in cui si sommano fattori sia personali che lavorativi.

Afferma di essere sempre stata una persona rigida con momenti di rabbia con cui giustificava il suo carattere forte. Ultimamente però, a seguito di tali eventi, riconosce di avere degli scatti incontrollati di ira e di non gestire più la rabbia che a suo avviso esplode per i motivi più banali.

La rabbia è un’emozione, non un disturbo, tuttavia può diventare disfunzionale nel momento in cui assume un carattere di incontrollabilità. La manifestazione degli scatti di rabbia rappresenta un importante segnale di uno stato di disagio interno che probabilmente è stato trattenuto, non avendo trovato un canale alternativo per esprimersi. Risulta quindi importante imparare a riconoscere lo stato di disagio interno che sta dietro l’espressione della rabbia, acquisirne consapevolezza ed elaborarlo prima che possa tramutarsi in un picco emotivo incontrollato.

Si può immaginare la rabbia come una forma di energia che ha bisogno di fluire; viceversa nel caso in cui viene bloccata, nel tentativo di controllarla, può assumere una connotazione negativa con conseguenti processi di somatizzazione ed “esplosione”.

Ad esempio, in riferimento alla delusione provata per la mancanza di accordi con il suo compagno afferma:

“Tutta questa "instabilità" nelle sue scelte ha creato tensione tra noi ed enormi insicurezze in me fino ad una "ossessione" sulla questione casa e una enorme delusione che ho cercato di controllare cumulando la mia rabbia”.

Se lo stato di disagio (l’enorme delusione) fosse stato espresso e comunicato anziché trattenuto, probabilmente non avrebbe dato origine ad un “accumulo di rabbia”. A tale riguardo, potrebbe essere utile per lei attivare delle riflessioni riguardo le modalità di comunicazione e di dialogo che ha con il suo compagno.

In sostanza, la rabbia è un campanello di allarme, una parte importante di sé cui bisogna prestare cura e attenzione. Per favorire il riconoscimento e l’espressione della propria parte emotiva può risultare benefica anche la pratica di attività fisica o discipline psicocorporee, quali ad esempio lo yoga o il training autogeno.

In questo momento di difficoltà, a mio avviso, un percorso di sostegno terapeutico con uno psicologo potrebbe essere funzionale ad aiutarla nella elaborazione dei contenuti evidenziati e in un processo di mobilitazione delle sue risorse personali al fine di attivare le modalità più efficaci di gestione della situazione. E’ possibile anche fare riferimento ai servizi sanitari offerti dalla propria regione che hanno costi contenuti.

Cari auguri per un positivo superamento

 

Pubblicato il 14/05/2018

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita stress rabbia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni