Pubblicità

Coppia e depressione (1494409958454)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 600 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco, 27le risposte dellesperto

 

 domanda

 

Buongiorno

Mi rivolgo a Lei per un problema che in realtà non è mio direttamente, ma indirettamente si. La mia ragazza da un po di tempo si è chiusa in se stessa e non riesce ad avere più un contatto con il genere maschile. Da premettere che ha questo problema da qualche anno, ha avuto in passato degli eventi che hanno portato a questo, e in realtà sta anche facendo una terapia con uno psicologo. Non riusciva a sbloccarsi fino a quando non ha conosciuto me, e infatti per un po di tempo tra alti e bassi ci era riuscita.

Da un mese però è ripiombata nel suo problema, dice che non riesce a vedermi, ci sta provando ma non ce la fa. Ci vuole tempo mi ha detto ma non è sicura. Ora dovrebbe aver iniziato la terapia. Quello che avrei bisogno di sapere io è se posso fare qualcosa per aiutarla, se c'è un modo correto di comportarmi.

In realtà le ho chiesto anche se volesse accompagnata o fare una seduta insieme così magari il dottore avrebbe consigliato anche me sul cosa fare, ma non ha voluto. Dice che il problema non sono io, anzi la sto aiutando, ma il problema è suo e lo deve risolvere lei. Ora neanche mi risponde quasi più, dice che lo fa per non farmi male. Per questo le chiedo se può dirmi cosa fare. O magari se sarebbe meglio un colloquio per spiegare meglio.

Grazie mille.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Salve Marco,

nelle sue parole intuisco molta preoccupazione rispetto a questa vicenda che, seppur in modo indiretto, coinvolge anche lei.

Ebbene una relazione di coppia è fatta da due persone e questo problema che Lei mi ha brevemente descritto sembra non derivare da una problematica con Marco ma in generale con il genere maschile. Paradossale mi sembra la scelta della sua fidanzata di rivolgersi ad un terapeuta maschio, ma questa scelta sembrerebbe molto coraggiosa da parte sua e sicuramente utile ad affrontare meglio la radice della questione.

Ma cerchiamo di concentrarci su quello che è il suo esplicitato disagio Marco, perché nonostante Lei sia stato mosso dalle migliori intenzioni, ognuno è promotore della propria salute (soprattutto psichica) e non è possibile sostituirsi alla sua fidanzata nel lavoro che si deve fare per superare questa difficoltà con il maschile.

Sembrerebbe che Lei a sua volta stia vivendo un disagio a causa di questa situazione di lontananza affettiva. Da ciò che ha scritto però si riescono ad individuare degli elementi positivi, cioè il fatto che da quando questa ragazza ha conosciuto Lei è riuscita in qualche modo a stare a suo agio, ed il fatto che Lei si stia preoccupando così tanto per questa situazione è sicuramente un fattore molto positivo che viene indubbiamente avvertito come vicinanza emotiva dalla sua partner.

In effetti nella sua descrizione ci sono dei passaggi poco chiari che necessiterebbero maggiori informazioni e chiarimenti ma credo che in questo momento il miglior aiuto che può dare a se stesso e a lei è quello di essere chiaro nelle sue intenzioni e nelle sue emozioni a riguardo della situazione. Non considerare lei come l'unica vittima della situazione ma identificarsi come coppia anche nel disagio può risultare un'esperienza che accomuna ed unisce.

Essere chiaro vuol dire manifestare che anche lei sta soffrendo e così come Lei è disposto ad aiutarla, così anche ha necessità di essere aiutato. Cambiare il ruolo, passando dal "salvatore" a "pari nella coppia" è una opportunità di ritrovare un nuovo equilibrio che, nella situazione attuale, sembra sia andato perso.

 

A cura del Dottor Vito Leone

 

 

Pubblicato in data 15/05/2017

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione consulenza online gratuita coppia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione a r...

News Letters

0
condivisioni