Pubblicità

non riesco a capire e passo le giornate in cerca di "qualcosa che mi definisca" [1601830717291]

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 125 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Luca, 47 anni

domanda

Buongiorno a tutti
Ho 47 anni e sono un docente di ruolo (solo da due anni). Ho faticato tutta la vita per avere una posizione come questa e quando finalmente ci sono riuscito, mi si è aperto un baratro di senso di vuoto.

Il fatto è che fin da bambino ho dovuto fare da genitore emotivo ai miei genitori. Litigavano e mi usavano come cuscino emotivo, dovendo forzatamente
consolare l'uno o l'altro.

Crescendo la situazione loro non è cambiata e anche se mi sono sposato (loro non sono nemmeno venuti al matrimonio) ed io ho sempre avuto una sensazione di colpa nei loro confronti per non essere riuscito ad aiutarli. Mi sono sposato con una donna che amo ma è gelosa ed ha attacchi violenti nei miei confronti (anche se io non le ho mai dato modo di esserlo).

Ora mi sento solo e senza una strada da seguire. Passo le mie giornate aspettando di iniziare a lavorare, perchè mi sento utile solo quando lavoro.

Per il resto della giornata mi alzo presto e non vedo l'ora che venga sera. Non so fino a quando resisterò in questa situazione.

Che devo fare? Il fatto è che io non mi amo abbastanza (non so come si faccia) ed ho sempre nella mia mente i giudizi negativi dei miei: non vai niente, non sei nulla, ecc.

In più mi sono reso conto che cercavo negli altri una figura genitoriale di riferimento, ma ogni volta venivo tradito e tornavo nella mia condizione (coazione a ripetere?).

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

Gent.le Luca,

la tua infanzia non è stata facile per niente, sia per carenze affettive sia per mancanza di figure di riferimento; il vissuto di essere cresciuto senza un
sostegno genitoriale ti ha davvero rubato tanta energia e ti ha arrecato tanta tristezza.

I tuoi genitori soffrono, ma non sanno come affrontare le loro difficoltà cercando in te figlio il tuo sostegno.

Ora che sei adulto è comprensibile, ma non quando eri piccolo "non visto" nei tuoi bisogni e necessità.

Adesso sei sposato  ma non ti senti realizzato come marito. E' necessario che iniziate un percorso di psicoterapia che vi faccia comprendere in cosa come coppia non riuscite ad andare avanti?

La gelosia eccessiva distrugge i rapporti, ma occorre comprendere l'origine del suo problema con te o in generale. E' gelosa in generale o di
persone specifiche? Da parte tua cerca il dialogo con lei, cerca di farle comprendere le tue necessità senza sentirti in colpa di ciò di cui hai bisogno.

La Comprensione reciproca e l'ascolto saranno fonte di riconciliazione ( soprattutto se la ami).

Inoltre ti suggerisco di iniziare un percorso di psicoterapia individuale ove puoi affrontare il dolore del piccolo Luca, che necessita consolazione. Il dolore di Luca racconta il suo non sentirsi visto, il non sentirsi tranquillizzato nelle sue paure dai genitori "tranquillo Luca ci siamo noi...". Ti servirà iniziare un percorso di Psicoterapia.
Cordiali saluti

dott.ssa Iolanda Lo Bue

 

Pubblicato in data 06/10/2020

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione senso di vuoto

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sono dubbiosa sul futuro di mi…

lucia, 60 anni Buongiorno , mi presento , sono una mamma sessantenne e ho due figli maschi di 43 anni uno e l'altro di 34 anni . Devo dire che sono stata u...

Ansiosa [1603834827112]

mirca, 66 anni Ho un marito sulla sedia a rotelle invalido. Io lo seguo tutto il giorno e faccio una vita faticosa visto che lui è anche obeso e con varie ...

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il termine ...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

News Letters

0
condivisioni