Pubblicità

Signora (1513381147883)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 569 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

depressioneArabella, 53

domanda

 

 

Cinque anni fa ho perso mio marito per un attacco improvviso di cuore.

Il giorno del funerale ho scoperto che il nostro commercialista ci aveva truffato e sono in causa da allora.

Tre mesi dopo ho perso il lavoro. Da oltre un anno devo fare da badante a mia madre invalida che vive a casa mia senza l'aiuto di nessuno. Per fortuna ho amici che mi aiutano con i soldi perché anche i pochi lavoretti che riesco ad avere (faccio la traduttrice) mi pesano moltissimo e li faccio dieci volte più lentamente di prima.

Ho continue crisi di pianto perché mio marito mi manca, e di rabbia contro la vita. Finora ho cercato di andare avanti un giorno alla volta, ma negli due mesi ho cominciato a
sperare, ogni volta che vado a dormire, di non risvegliarmi più.

Non ho la possibilità di uscire di casa per andare dal psicoterapeuta della mutua (che sta a oltre 15 chilometri) perché non posso lasciar sola mia madre. Non mi posso permettere una badante né ho trovato uno psicoterapeuta che venga a casa a pagamento. Cosa posso fare?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 




risposta

 

 

Cara Arabella,

comprendo pienamente il suo dolore e il suo stato di sofferenza interiore a fronte di una situazione molto delicata in cui si è trovata ad affrontare la morte di suo marito, la perdita del lavoro e la concomitante condizione di disabilità di sua madre. Condizione quest’ultima che si trova ad affrontare da sola senza poter condividere le responsabilità con altri, venendosi a creare in tal modo una sorta di “gabbia” che non le consente di disporre di suoi confini personali definiti e di ricaricare le sue “batterie interne”.

A mio avviso è fondamentale che lei intraprenda un percorso psicoterapeutico che la sostenga sia nel processo di elaborazione del lutto di suo marito che nella gestione della condizione di disabilità di sua madre.

Un percorso che la aiuti quindi ad uscire dallo stato depressivo e a riattivare le sue risorse personali con l’obiettivo di riacquistare uno stato di maggiore serenità e fiducia sia nello svolgimento della sua attività lavorativa che nel fornire cura e sostegno a sua madre.

Secondo il mio parere risulta inoltre importante che sia lei a recarsi dallo psicoterapeuta, e non viceversa, in quanto la decontestualizzazione è funzionale nella misura in cui favorisce un processo di ridefinizione del suo spazio personale.

Date le sue attuali oggettive difficoltà a potersi assentare da casa potrebbe fare riferimento ai servizi sociali e sanitari del luogo in cui risiede nei termini di una possibile presa in carico della situazione da parte di un assistente sociale, la verifica di eventuali misure di sostegno previste, in modo da vagliare tutte le piste percorribili con l’obiettivo di estendere il raggio di azione tramite una rete di sostegno sociale che possa coadiuvarla.

Se lo ritiene utile, può riscriverci per eventuali approfondimenti/chiarimenti.

Cari auguri



Pubblicato il 31/01/2018

A cura della Dottoressa Ariannna Grazzini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione consulenza online gratuita madre dolore perdita lutto marito

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attività motoria, che compare spe...

MUTISMO SELETTIVO

Il "Mutismo Selettivo", è un disordine dell'infanzia caratterizzato dall'uso appropriato del linguaggio in alcune situazioni, in particolare quelle familiari, e...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

News Letters

0
condivisioni