Pubblicità

Continue ricadute (1460783536348)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 947 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAlbani, 18

 

D

Ciao!Sono una ragazza di 18 anni.

Vi scrivo per avere un consiglio riguardo alla mia situazione. Ormai è da 3 anni che ho disturbi alimentari.

Tre anni fa facevo uno sport a livello agonistico e seguivo una dieta dimagrante; inoltre ero stressata perché stavo decidendo se intraprendere o meno un anno di esperienza all'estero; infine nello stesso periodo ho affrontato una situazione particolarmente difficile a casa ( mio papà era violento e aggressivo) .

Così ho iniziato a sfogarmi nel cibo. Ho avuto più episodi di bulimia, senza che nessuno sospettasse nulla.

Un giorno decisi di dirlo a mia madre e da quel momento le cose sono migliorate ma non sono mai andata da un esperto.

Nel frattempo scelsi di partire per la mia esperienza all'estero, e andai da un nutrizionista siccome mia madre era preoccupata di mandarmi lontano senza la "garanzia " che io mangiassi bene.

Una volta partita non ho più avuto alcun problema di alimentazione ( ero molto attenta ) , finché la situazione lì è diventata difficile: non uscivo mai, la gente era difficile da conoscere e avevo pochi amici, inoltre non mi trovavo più bene nella mia famiglia ospitante e ho dovuto farmi in quattro per cambiarla .

In questo momento di grande difficoltà , sola all'estero, ho ripreso a mangiare in maniera compulsiva, non ero più bulimica. Mi abbuffavo e basta.

Fortunatamente ho trovato poi 2 amiche che mi hanno aiutato a stare meglio. Comunque tornata in Italia avevo preso 10 chili. Il ritorno è stato un po' traumatico da tutti i punti di vista, peró ero contenta di tornare dalla mia famiglia e dai miei amici.

Ho perso qualche chilo da subito senza sforzi. Però ero cambiata. L'estero mi aveva cambiata: non avevo più voglia di praticare lo sport fatto con tanta passione precedentemente per esempio e questo metteva in dubbio la mia identità ( lo sport era tutto per me prima).

Comunque socialmente ho molti amici , nonostante qualche litigio acceso il rapporto con mio padre è migliorato e io sono riuscita a perdonarlo per l'episodio di 3 anni fa in cui mi ha picchiata. eppure continuo ad alternare momenti in cui sto molto bene a momenti in cui mi sento davvero uno schifo e tutto diventa insensato ( faccio persino fatica ad alzarmi dal letto la mattina).

L'alimentazione era migliorata però ogni tanto sprofondo nell'qbisso e mi abbuffo di qualunque schifezza riesco a trovare. così siccome mi vedo più gonfia e mi sento sconfitta entro in uno stato di schifo nei miei confronti, perdo vitalità e non voglio vedere nessuno.

Come pensate che debba fare per uscire definitivamente da questa brutta situazione?

Grazie mille per il vostro tempo e disponibilità

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

R

Gentile utente
"noi siamo ciò che mangiamo", afferma Feuerbach un famoso filosofo tedesco. Tralasciando le derive filosofiche a cui conduce questo concetto prendo in prestito l'affermazione per riflettere su alcuni aspetti psicologici dell'alimentazione.

Il cibo non è solo un nutriente essenziale alla nostra sopravvivenza ma è anche un canale comunicativo intimamente collegato con il nostro centro emotivo.

Il rapporto cibo-emozioni nasce sin dalle primissime ore di vita e sorregge forti valenze psicologiche per l'intera esistenza della persona.

Il cibo infatti risponde a dei bisogni fondamentali a livello psichico che sono quelli della cura, dello scambio con l'altro da sé e con il mondo esterno e il bisogno di affetto.

Se nel processo di educazione alimentare del bambino intervengono degli intoppi compare, come lei ben descrive, una difficoltà a distinguere tra bisogno fisiologico e altre emozioni o sensazioni legate allo sconforto e alla tensione.

Un percorso psicoterapeutico con un esperto del settore diventa funzionale alla comprensione e alla rieducazione del suo personalissimo rapporto con il cibo determinato dalla sua unica e irripetibile narrazione di vita.  
Le auguro buona fortuna.
Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Bonaccio

 

(A cura della Dottoressa Valentia Bonaccio)
 
Publicato in data 11/05/2016
 

Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 
 

Tags: sconforto bulimia esperienza nutrizionista fatica vitalità bisogon d'affetto

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Sindrome dell’arto fantasma

Il dolore della Sindrome dell'arto fantasma origina da una lesione diretta o indiretta del Sistema Nervoso Centrale o Periferico che ha come conseguenza un...

News Letters

0
condivisioni