Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Continue ricadute (1460783536348)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 572 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAlbani, 18

 

D

Ciao!Sono una ragazza di 18 anni.

Vi scrivo per avere un consiglio riguardo alla mia situazione. Ormai è da 3 anni che ho disturbi alimentari.

Tre anni fa facevo uno sport a livello agonistico e seguivo una dieta dimagrante; inoltre ero stressata perché stavo decidendo se intraprendere o meno un anno di esperienza all'estero; infine nello stesso periodo ho affrontato una situazione particolarmente difficile a casa ( mio papà era violento e aggressivo) .

Così ho iniziato a sfogarmi nel cibo. Ho avuto più episodi di bulimia, senza che nessuno sospettasse nulla.

Un giorno decisi di dirlo a mia madre e da quel momento le cose sono migliorate ma non sono mai andata da un esperto.

Nel frattempo scelsi di partire per la mia esperienza all'estero, e andai da un nutrizionista siccome mia madre era preoccupata di mandarmi lontano senza la "garanzia " che io mangiassi bene.

Una volta partita non ho più avuto alcun problema di alimentazione ( ero molto attenta ) , finché la situazione lì è diventata difficile: non uscivo mai, la gente era difficile da conoscere e avevo pochi amici, inoltre non mi trovavo più bene nella mia famiglia ospitante e ho dovuto farmi in quattro per cambiarla .

In questo momento di grande difficoltà , sola all'estero, ho ripreso a mangiare in maniera compulsiva, non ero più bulimica. Mi abbuffavo e basta.

Fortunatamente ho trovato poi 2 amiche che mi hanno aiutato a stare meglio. Comunque tornata in Italia avevo preso 10 chili. Il ritorno è stato un po' traumatico da tutti i punti di vista, peró ero contenta di tornare dalla mia famiglia e dai miei amici.

Ho perso qualche chilo da subito senza sforzi. Però ero cambiata. L'estero mi aveva cambiata: non avevo più voglia di praticare lo sport fatto con tanta passione precedentemente per esempio e questo metteva in dubbio la mia identità ( lo sport era tutto per me prima).

Comunque socialmente ho molti amici , nonostante qualche litigio acceso il rapporto con mio padre è migliorato e io sono riuscita a perdonarlo per l'episodio di 3 anni fa in cui mi ha picchiata. eppure continuo ad alternare momenti in cui sto molto bene a momenti in cui mi sento davvero uno schifo e tutto diventa insensato ( faccio persino fatica ad alzarmi dal letto la mattina).

L'alimentazione era migliorata però ogni tanto sprofondo nell'qbisso e mi abbuffo di qualunque schifezza riesco a trovare. così siccome mi vedo più gonfia e mi sento sconfitta entro in uno stato di schifo nei miei confronti, perdo vitalità e non voglio vedere nessuno.

Come pensate che debba fare per uscire definitivamente da questa brutta situazione?

Grazie mille per il vostro tempo e disponibilità

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

Gentile utente
"noi siamo ciò che mangiamo", afferma Feuerbach un famoso filosofo tedesco. Tralasciando le derive filosofiche a cui conduce questo concetto prendo in prestito l'affermazione per riflettere su alcuni aspetti psicologici dell'alimentazione.

Il cibo non è solo un nutriente essenziale alla nostra sopravvivenza ma è anche un canale comunicativo intimamente collegato con il nostro centro emotivo.

Il rapporto cibo-emozioni nasce sin dalle primissime ore di vita e sorregge forti valenze psicologiche per l'intera esistenza della persona.

Il cibo infatti risponde a dei bisogni fondamentali a livello psichico che sono quelli della cura, dello scambio con l'altro da sé e con il mondo esterno e il bisogno di affetto.

Se nel processo di educazione alimentare del bambino intervengono degli intoppi compare, come lei ben descrive, una difficoltà a distinguere tra bisogno fisiologico e altre emozioni o sensazioni legate allo sconforto e alla tensione.

Un percorso psicoterapeutico con un esperto del settore diventa funzionale alla comprensione e alla rieducazione del suo personalissimo rapporto con il cibo determinato dalla sua unica e irripetibile narrazione di vita.  
Le auguro buona fortuna.
Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Bonaccio

 

(A cura della Dottoressa Valentia Bonaccio)
 
Publicato in data 11/05/2016
 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione
 
 

Tags: sconforto bulimia esperienza nutrizionista fatica vitalità bisogon d'affetto

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Una relazione finita... in cli…

SammySun, 30     Salve, ho 30 anni e da un mese ho messo fine ad una relazione durata 2 anni e mezzo con un ragazzo della mia stessa età. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Innamoramento

Nell'uomo, è una pulsione che provoca una varietà di sentimenti e di comportamenti caratterizzati dal forte coinvolgimento emotivo verso un'altra persona, che, ...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. È definita come una pau...

News Letters

0
condivisioni