Pubblicità

Disturbi alimentari (129883)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 120 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Linda 20

Soffro di disturbi alimentari da poco più di tre anni. Non riesco a specificare di che disturbo si tratta in quanto presenta sia elementi caratteristici della bulimia che dell' anoressia. E'vero comunque che fin dall'età di 11-12 anni ho un rapporto piuttosto complicato, di amore-odio per il cibo: a volte il suo solo pensiero rappresenta una fonte di felicità, piacere, a volte mi provoca ansia, tristezza, repulsione. Il discorso sarebbe comunque troppo lungo e complicato... il motivo per cui scrivo è che ho deciso di guarire. Non so se ce la farò perchè se è vero che questa malattia sta diventando un peso sempre più difficile da sostenere è anche un qualcosa che mi accompagna da molto, al quale è facile attribuire ogni sonfitta, insuccesso della vita. Vorrei capire cosa fare per uscirne, quali sono le terapie consigliate e i loro costi. Grazie.

Cara linda, sono molto contenta che tu abbia deciso di venirne fuori…e anche se sembra banale, la contemplazione è il primo passo della guarigione. Sulle terapie consigliate, i tempi ed i costi vi sono diverse scuole di pensiero. Posso dirti che molti attribuiscono enormi qualità alla psicoterapia sistemico-relazionale o familiare nell’approccio ai disturbi alimentari. Si tratta di una terapia medio lunga il cui prezzo è stabilito dal professionista. Come psicoterapeuta cognitivo-comportamentale sono invece più incline a suggerirti questa terapia, di cui sono anche più indicata a descriverti il modus operandi. Si tratta di una terapia breve e mirata. Si ottengono buoni risultati fin dai primi incontri e contribuisce ad acquisire abilità nuove sia sociali che di controllo sui sintomi del tuo disturbo. Indicativamente posso dirti che si riesce a superare il problema entro i 6 mesi di trattamento anche se, i casi più complessi possono arrivare ad un anno. Anche in questo caso il prezzo dipende dalla parcella del professionista. Spero di esserti stata utile. In bocca al lupo!.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 19/01/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

News Letters

0
condivisioni