Pubblicità

Paura della morte nell'infanzia (142755)

0
condivisioni

on . Postato in Minori | Letto 400 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Mariella 42

 

Salve, la mia bambina di 9 anni ha spesso paura di morire. Descrive queste sensazioni come "pensieri improvvisi", che dice di volere "scacciare dalla testa". Mi dice che ha paura di diventare grande e definisce il suo malessere come "il pensiero del futuro". Sono sensazioni di breve durata, che richiedono una consolazione, che cerco di affrontare con dolcezza, senza mentire, cercando di rassicurarla e invitandola a raccontarmi le sue sensazioni. Da adulta, definirei quegli stati come angoscianti, e mi rendo conto che qualsiasi cosa io possa dire, ogni parola, resta confinata all'interno di un percorso che lei comprende con la "ragione", ma che poco serve alla sua "anima". La bimba è entrata in contatto con l'idea che la vita ha un termine a 3 anni, in occasione della morte di mia nonna. La bambina ha da subito manifestato il suo malessere, al quale non sapeva attribuire un nome data l'età, ma che si è andato consolidando e definendo nel tempo. Nonostante in famiglia abbiamo cercato di fornire risposte per quanto possibile adeguate all'età. Immagino che abbiamo sbagliato qualcosa, ma purtroppo non so cosa e neppure so come poter affrontare un argomento del genere. Durante l'infanzia, nessuno in famiglia ha mai pensato alla morte, perciò siamo disarmati. Vi chiedo gentilmente un consiglio, se esitano testi sui quali approfondire l'argomento o se, a vostro avviso, sia necessario un consulto da uno specialista. Vi ringrazio per l'attenzione.

Gentile Mariella, l'ansia che coglie sua figlia non è salutare per la sua età. Certo è possibile che questo suo malessere sia conseguenza di quanto accaduto quando la bambina aveva tre anni, ma può anche essere che ci sia qualcos'altro, poichè mi sembra strano che a tre anni possa essere stata così segnata dalla morte della bisnonna. A meno che non l'abbia vissuta da vicino. Le suggerisco, come ha già pensato lei, di contattare uno specialista che abbia la possibilità di capire da dove venga il malessere di sua figlia e aiutarla a venirne fuori.

(Risponde la Dott.ssa Magno Agnese Tiziana)

Pubblicato in data 20/03/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

MUTISMO SELETTIVO

Il "Mutismo Selettivo", è un disordine dell'infanzia caratterizzato dall'uso appropriato del linguaggio in alcune situazioni, in particolare quelle familiari, e...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

News Letters

0
condivisioni