Pubblicità

Che fare? (1520934157214)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 500 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoRoberta, 26

domanda

 

 

Buongiorno, sto insieme al mio ragazzo da 5 anni e dopo alcuni alti e bassi, circa 6 mesi fa abbiamo deciso di provare a vivere insieme nella casa dove lui vive (la casa dei suoi genitori, anche se loro vivono di fatto altrove).

Io ho 26 anni, lui va per i 31. Il rapporto in questi mesi è cambiato, le liti per le sciocchezze (anche per questioni relative alle mansioni domestiche) sono state quasi sempre all'ordine del giorno e alcune settimane fa, prima che lui partisse per un viaggio con l'università, ci siamo promessi di riprovarci tenendo in considerazione che se le cose non fossero andate come avremmo voluto, avremmo troncato la relazione.

Tutto sembrava andar meglio e anche mentre era via, mi scriveva messaggi belli che mi facevano sentire amata, mi raccontava di come stesse andando bene questo viaggio con i compagni conosciuti e allo stesso tempo di come non volesse che il viaggio finisse. Quando è tornato, era il nostro anniversario, avremmo festeggiato 5 anni insieme, gli avevo preparato una torta e un pensierino e abbracciarci al suo arrivo è stato qualcosa di emozionante, indescrivibile. Per qualche giorno ha dormito e mi ha raccontato del viaggio che lo aveva stremato.

In settimana siamo tornati a lavoro e per 5 giorni, ho percepito il suo distacco senza farglielo presente, non volevo essere pesante e pensavo che fosse destabilizzato dal viaggio, che lo aveva colpito sia dal punto di vista fisico che psicologico. Finché non ho resistito più: gli ho chiesto se fosse una mia percezione o se era particolarmente distaccato. Non sbagliavo. Ci siamo promessi di parlarci in serata ma per mancanza di volontà di entrambi, non lo abbiamo fatto. Il weekend lo abbiamo passato separati perché alle volte lui segue un corso molto impegnativo.

Passo quei giorni col chiodo fisso che qualcosa non va, il lunedì sera parliamo e mi rivela che nonostante la promessa fatta prima della partenza, il viaggio lo ha destabilizzato a tal punto da fargli capire ciò che vuole nella vita, e se fino a un po' di tempo fa vedeva il suo futuro con la mia figura al suo fianco, ultimamente tutto ciò non lo vede più. Crede di non amarmi più. Mi ha assicurato che in viaggio non è successo nulla, che non mi ha tradito. Ho passato delle settimane pessime, non credevo di provare tanto dolore. Negli ultimi giorni ci siamo riavvicinati moltissimo sotto ogni punto di vista, ma lui sostiene che sia troppo tardi, che tutte le attenzioni di questi giorni avrebbe voluto riceverle tempo fa quando ne aveva bisogno.

Io ho sempre cercato di stargli vicino e non so se sono stata carente in qualcosa, evidentemente sì ma mai avrei creduto che il nostro rapporto si affievolisse così. Forse ho dato per scontato il sentimento da parte sua. Ora è quasi un mese che viviamo ancora sotto lo stesso tetto perché io sto cercando una sistemazione temporanea per i mesi a venire. Sì perché per convivere insieme avevo deciso di trovare un lavoro vicino casa con l'obiettivo intanto di laurearmi, fare il lavoro per cui ho studiato e poi andare a vivere in una casa nostra.

Da quando mi ha confessato di non amarmi, cerco di comportarmi come sempre anche se non è facile, in casa ho sempre fatto quello che mi sentivo di fare, come se nulla fosse successo, le attenzioni che avevo prima non le ho di certo soppresse, ma alla lunga mi rendo conto che forse mi sto facendo solo del male. Lui dice che prova tanto affetto nei miei confronti, che non è facile separarsi dopo così tanti anni ma che non è più come prima. E io non so se ho ancora voglia di dormire accanto a una persona che non mi ama più. Forse devo comportarmi male e distaccarmi per fare in modo che anche lui si renda conto della situazione? Ieri sera non ce l’ho fatta e ho deciso di dormire sul divano con scarsi risultati per il mio sonno.

Finora abbiamo cercato di viverla serenamente e di affrontarla insieme ma è una situazione strana. Probabilmente finché non me ne andrò definitivamente da casa, non ci renderemo conto dei nostri sentimenti e di quello che vogliamo. Ma sono tutte mie ipotesi... Che posso fare? Grazie sin da ora per l'attenzione e i consigli che saprete darmi.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Cara Roberta,

purtroppo i sentimenti non possono essere forzati e se il tuo ragazzo dice di non amarti più è difficile pensare che le cose possano continuare ad essere uguali a prima.

Se vivere insieme non ti pesa puoi anche continuare a farlo, ma non con l'intento che cambi qualcosa, perchè affinchè sia così deve desiderarlo anche lui. Potresti provare a parlarci e capire se è sicuro che ora prova solo affetto e, se così fosse, capire che anche se è dura separarsi dopo tanti anni è necessario per poter ritrovare una serenità e guardare avanti.

Se non sei in grado di riuscire da sola a separarti da lui puoi rivolgerti ad un esperto che ti possa aiutare a superare questo difficile momento.

Un caro saluto.

 

Pubblicato il 19/04/2018

 

A cura della Dottoressa Eleonora Mercadante

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita sentimenti problemi di coppia fare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Sindrome dell’arto fantasma

Il dolore della Sindrome dell'arto fantasma origina da una lesione diretta o indiretta del Sistema Nervoso Centrale o Periferico che ha come conseguenza un...

News Letters

0
condivisioni