Pubblicità

Il mio compagno (156087164017)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 62 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoSimy, 42

domanda

Il mio compagno è un uomo straordinario, nn mi fa mancare nulla materialmente, ama i miei figli (avuti da un matrimonio precedente).

Purtroppo lui rientra a casa solo il sabato e la domenica e il sabato, giustamente, è dedicato a suo figlio naturale (avuto anche lui da un matrimonio precendente) ma tra lui e suo figlio è un inferno, il bambino cresce con la mamma e non ha regole di educazione e pulizia e il mio compagno impazzisce quando ci sta insieme, poichè noi a casa, per i miei figli, abbiamo stabilito delle regole (lavarsi i denti e le mani, non usare il cellulare più di 2/3 ore al giorno, ecc), quindi quando suo figlio è a casa, io e i miei figli viviamo l'inferno, si sente proprio un'aria di fastidio rabbia.

Mio figlio è un dsa/adhd senza iperattività, molto calmo e tranquillo,mentre suo figlio è iperattivo, quindi tutto questo destabilizza l'attuale famiglia. Inoltre, per il mio compagno, io vengo all'ultimo, esisto solo quando mi altero, mai una carezza, prima un "ti amo" ogni tanto, ma ora da mesi niente.

Dice di amarmi ma non fa nulla che mi faccia sentire amata, mi compra cose ma non le voglio...voglio la sua presenza.

Mi sento stanca sola e non posso permettermelo perchè devo pensare ai miei figli. Un consiglio vi prego. Io sono un Oss e faccio supporto infermieristico e psicologico....ma non sono laureata e comunque non sarei in grado di aiutarmi da sola


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


risposta

Carissima Simy,

Cerca di dialogare con lui per verificare cosa sta succedendo in questo momento storico della sua vita. I figli a volte possono unire la coppia ed a volte allontanarla, dipende dalle situazioni.

Soprattutto nella vostra situazione che provenite da differenti relazioni ed ad oggi risultate essere una famiglia ricostituita, una famiglia che ha storie differenti e che adesso avete deciso di unirvi, ma portando gli strascichi delle storie precedenti.

Accettate le ferite che portate , cercando di trovare un accordo comune, dove entrambi i partner potete essere sereni e i vostri figli a loro agio.

Cordiali saluti

 

Pubblicato in data 19/06/2019

 

A cura della dottoressa Iolanda Lo Bue

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: consulenza online gratuita relazioni coppia famiglia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

News Letters

0
condivisioni