Pubblicità

Richiesto suggerimento (147185296368)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 627 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoABRACADABRA, 40

 

D

 

 

Buongiorno, sono una donna di 40anni con una bimba  di tre. Mio marito ha problemi economici (un mutuo da pagare e un  guadagno mensile che è un po basso). Io riesco a far quadrare i conti a fine mese attraverso il mio lavoro e perchè attingo ai miei risparmi di  una vita di lavoro intensa.

Lui sostiene che dovrei chiedere aiuto ai  miei genitori ma io non voglio farlo. Per questo mi accuso di essere una  persona problematica e di avere grossi problemi con i miei genitori.,Mi dice cose brutte del tipo che io non valgo nulla per i miei genitori, che i miei fratelli hanno sempre avuto di piu rispetto a me e che per loro non conto nulla.

Io ripeto a lui che tutto questo non ha nulla a  che vedere con la nostra famiglia. Ma la questione non si risolve perchè lui rimane dello stesso parere e continua pertanto a dire che un secondo  lavoro non ci pensa nemmeno a farlo e che quindi se non chiedo soldi ai miei genitori, devo attingere ai miei risparmi.

Sono ad un vicolo cieco.  Premetto inoltre che gli ho già prestato oltre 5000 euro per una  necessità sopraggiunta. Come posso comportarmi? io non ho alcuna intenzione di chiedere soldi ai miei genitori. E' normale che io mi  senta così? Ha ragione mio marito? se non avessi problemi con la mia  famiglia, chiederei loro dei soldi? non so più cosa pensare. Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 

 


Gentile Signora,
la gestione dei rapporti con la propria famiglia è una questione molto  personale e soggettiva che diventa ancora più delicata nel caso in cui si  debbano affrontare difficoltà di tipo economico. Nelle sue parole rimanda l’ impressione di essere molto influenzata dalle affermazioni di suo marito in  merito ai rapporti che lei ha con la sua famiglia.

Le chiedo di provare ad affrancarsi per un momento da quello che pensa suo  marito e di focalizzarsi invece su quello che lei pensa rispetto al rapporto  che ha con i suoi genitori.

Ha avuto modo di condividere e di esprimere le sue  attuali preoccupazioni con loro? Se lei in questo momento si sente disorientata rispetto ai passi da  intraprendere e ha delle perplessità rispetto alla situazione incerta che sta  vivendo, sarebbe opportuno aprire dei varchi comunicativi anche con la sua  famiglia di origine in modo da poter avere una visione più ampia e non parziale  del suo  problema.

Sarebbe così possibile per lei sviluppare una sua personale  e precisa idea in modo indipendente rispetto al punto di vista di suo marito.  Quando si è combattuti e incerti sul da farsi è importante poter attingere  alle proprie personali riflessioni per raggiungere un’autonomia di giudizio che  risulta possibile solo dopo un’opportuna condivisione della comunicazione. 

Augurandole una soluzione positiva del suo attuale problema, le mando un caro  saluto.


A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 

Pubblicato in data 20/09/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: indecisione coppia preoccupazioni problemi economici chiedere aiuto famigliari rapporto con i genitori riflessioni personali

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Poligamia

In antropologia è quella particolare forma di matrimonio dove un uomo o una donna possono avere più consorti contemporaneamente. Ci sono due tipi: Poliginia...

News Letters

0
condivisioni