Pubblicità

Sono un fallito (1457796561368)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 910 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

 le risposte dellespertoLuca, 46

 

D
  
   

Forse quello che dirò non farà altro che confermare quello che penso di me, cioè che sono una persona inutile e dannosa per gli altri e l'unica cosa che potrebbe aiutare chi mi sta vicino è la mia morte o meglio se non fossi mai esistito.


Sono una persona spregevole e non sono stato in grado di capire quali sono i veri valori nella vita, ho una famiglia stupenda che non sono stato in grado di proteggere dai miei sbagli e per questo mi sento un inutile fallito capace solo di fare del male alle persone.

Ho rovinato la vita a mia moglie e ai mie figli con la mia stupidità. Mi chiedo solo perché questo destino perché non sono stato capace di avere una vita normale, perché tanto dolore per chi mi sta vicino.

Adesso chiedo solo di morire cosi che nessuno soffra più. Non faccio altro che piangere perché amo mia moglie e i miei figli ma non ho saputo dimostrarlo anzi al contrario ho solo fatto loro del male. Aiuto aiuto non resisto più al mio senso di colpa. Scusatemi e ditegli che li amo.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 

 

Caro Luca,

innanzitutto prendere atto dei propri sbagli è già un atto positivo in quanto significa passare da una dimensione egoistica a quella altruistica mutando in meglio la propria vita. Non so che cosa lei abbia fatto di terribile ma sono sicura che la sua famiglia saprà perdonarle qualsiasi errore lei abbia commesso, soprattutto se ha ammesso le proprie colpe con il cuore in mano, come sembrerebbe lei abbia fatto.

Quando si vive una disperazione come la sua è difficile immaginare di poter trovare una soluzione e si pensa che smettere di vivere possa essere l’unica strada possibile. Invece quello non è assolutamente un rimedio, ma sarebbe l’errore più grande che lei possa compiere perchè provocherebbe molta più sofferenza di quella che c’è in questo momento.

La prima cosa da fare è sicuramente quella di farsi aiutare da un professionista che possa cercare di lenire il suo malessere. Poi, quando starà meglio, avrà modo di poter rimediare ai suoi errori e dimostrare ai suoi cari tutto il suo affetto.

Ora si sente inutile e spregevole ma, quando riuscirà a vedere una via d’uscita, cambierà anche la percezione che ha di se stesso acquisendo più fiducia in se e nelle risorse che sicuramente sono presenti in lei ma che in questo momento non riesce a vedere.

Per qualsiasi altro dubbio rimango a sua disposizione.

Cordiali saluti,

dott.ssa Eleonora Mercadante

 

( A cura della Dottoressa Eleonora Mercadante)

 

Pubblicato in data 05\04\2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: dolore senso di colpa famiglia destino morire coppia sbagli proteggere

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Due nemici sotto lo stesso tet…

maria, 69 anni     Salve ! Sto vivendo un momento abbastanza difficile e complicato della mia vita e da sola non riesco ad uscirne, ecco perch...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

News Letters

0
condivisioni