Pubblicità

Affettivo (157472)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 79 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Len, 19

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 19 anni ovviamente normalissima e come tante con molti problemi di accettazione e soprattutto con mancanza di affetto, questo mi porta a legarmi molto alle persone nel giro di poco tempo e fare tanto per farle restare con me.
In uno di tanti giochi che esistono su internet, dove si chatta e si conosce gente, ho parlato con una ragazza. Dico senza problemi che non vado su questi siti per fare chissà cosa ma semplicemente perchè sono sempre stata lasciata da sola e anche solo parlare e scambiare hobby mi fa sentire un po meno...sola, dico anche che non so perchè ma il mio essere ragazza non mi piace come ho già detto ho problemi di accettarmi ma non posso dire di essere brutta anche se ovviamente cambierei tante cose e quindi il fatto di non poter essere ragazzo nella vita reale mi porta a provare giocando.
Così in questo gioco ero ovviamente un ragazzo e questa ragazza ignara comincia a parlarmi, ci scambiamo msn in poche parole cominciamo a conoscerci. Io ho iniziato tutto come un gioco, non facevo nemmeno caso se potevo parlare con lei o meno anche perchè non sono lesbica, ci scambiamo il numero di telefono e ci mandiamo solo qualche messaggio quà e là.
Un giorno poi mi dice che vuole stare con me che le piaccio io non so perchè ma nn chiudo lì la cosa e vado avanti mettendomi con lei. Comincio ad affezionarmi chattiamo tantissimo vuole sapere di me, mi sento amato.
Andiamo avanti per molto per le vacanze estive vuole che vado da lei ma non posso...così anche altre volte e questo mi spezza il cuore perchè davvero se potessi taglierei i miei capelli farei di tutto per essere un ragazzo e correrei da lei.
Mi sono innamorato davvero, non era più un gioco provavo davvero qualcosa di forte, mi mancava...cominciamo a parlare di più cominciamo a messaggiare di più e poi vuole che ci chiamiamo. Riesco a abbassare quel tanto la mia voce da sembrare al telefono un ragazzo e dopo poco ci prendo l'abitudine così tanto che una volta mi chiamò la mia migliore amica e risposi con quella voce e mi disse scusa chi sei.
Passano mesi e mesi.
So di amarla da morire diventa tutto per me, se non la sento sto male ho bisogno di lei e sono felice quando ridiamo insieme. Facciamo anche 10 mesi ma un giorno dopo una la contatta e le dice che non esisto...stavamo parlando quando è successo, è caduto tutto. Non gli ho detto di essere una lei sarebbe stato un colpo troppo forte ma solo che quello che vedeva non ero io ma tutto sta cadendo ci siamo lasciati ma parliamo ma è sempre peggio e sto malissimo.
Non sono malata nè pazza solo che mi sono innamorato e ho fatto di tutto per non perdere la mia ragazza perchè era la persona più importante per me e non posso stare senza di lei.

Cara Len,
dal raccono si evince che non hai ben chiaro quale può essere il tuo orientamento sessuale.
Non accetti la tua femminilità e cerchi di essere un ragazzo già queste affermazioni necessitano di un maggior approfondimento che non si può certo fare con una risposta
Tutti noi abbiamo l'omosessualità insia nel nostro dna e questo non deve preoccupare poichè con l'evoluione si può orientarsi in eterosessualità o omosessualità poichè non si tratta di malattia ne disturbo psichico ne di scelta.
Per avere una maggior chiarezza del proprio Io consiglio di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a trovare la tua giusta collocazione esistenziale.
Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 30/01/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

News Letters

0
condivisioni