Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Alta pressione e rischio di demenza nelle donne

on . Postato in News di psicologia

L’alta pressione sanguigna nelle donne di mezza età aumenta le probabilità di sviluppare la demenza successivamente.

alta pressione demenzaSecondo un nuovo studio, le donne che hanno un’alta pressione sanguigna intorno ai 40 anni possono avere maggiori probabilità di sviluppare la demenza anni dopo.

"L'alta pressione sanguigna nella mezza età è un noto fattore di rischio per la demenza; questi risultati possono infatti aiutarci a comprendere meglio quando questa associazione ha inizio, come i cambiamenti nella pressione sanguigna influenzino il rischio di sviluppare la demenza e quali sono le differenze principali tra uomini e donne" riporta Rachel A. Whitmer, Ph.D., della Divisione Kaiser Permanente di Ricerca ad Oakland, California.

Lo studio ha coinvolto 7.238 persone che facevano parte del sistema sanitario di Kaiser Permanente Northern California.

Tutti i partecipanti erano soggetti a controlli della pressione sanguigna e ad altri test che sono stati eseguiti dal 1964 al 1973, intorno ad un'età media di 33 anni, ed eseguiti nuovamente intorno ai 44 anni.

In circa il 22% dei partecipanti si è potuto riscontrare che essi sviluppavano un’ elevata pressione sanguigna verso i 30 anni (il 31% uomini - 14% erano donne). Intorno ai 40 anni, invece, il 22%  del campione, in generale, presentava un’ alta pressione (25% uomini - 18% donne).

Pubblicità

I ricercatori hanno poi identificato 5.646 partecipanti ancora in vita e facenti parte del sistema Kaiser Permanente nel 1996 e li hanno seguiti per una media di 15 anni per vedere chi tra di loro aveva sviluppato la demenza.

Durante questo periodo, a 532 soggetti partecipanti dello studio, è stata fatta una diagnosi di demenza.

Non è stato possibile associare il fattore di rischio “alta pressione” ad un aumento della probabilità di sviluppare la demenza negli anni successivi.

Tuttavia, è stato riscontrato che le donne che a 40 anni presentavano un'alta pressione sanguigna, nel 65% dei casi aumentava il rischio di sviluppare demenza. Inoltre, secondo i risultati dello studio, per il 73%  delle partecipanti con una pressione alta intorno i loro 40 anni, vi erano più probabilità di sviluppare la demenza rispetto alle donne che avevano avuto una pressione stabile e normale, durante i loro 30 e 40 anni.

I risultati sono stati gli stessi anche quando i ricercatori hanno considerato altri fattori che avrebbero potuto influenzare il rischio di sviluppare la demenza, come il fumo, il diabete e l'indice di massa corporea.

"Anche se l'alta pressione sanguigna era più commune negli uomini, non è stata, però, trovata alcuna prova che l'alta pressione sanguigna a 30 o 40 anni aumentasse il rischio di demenza per gli uomini", ha riferito Whitmer. "Sono necessarie quindi ulteriori ricerche per identificare le possibili vie sesso-specifiche attraverso cui l'elevata pressione sanguigna accelera l'invecchiamento del cervello".

Lo studio è stato pubblicato in Neurology, la rivista medica dell'Accademia Americana di Neurologia.

 

Tratto da PsichCentral

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Tags: donne demenza news di psicologia

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come stadio normale, nello sviluppo del...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

una vecchia storia d'amore.. (…

CRISTINA, 21       Salve, mi chimo cristina e ho 21 anni.Lo scorso marzo ho chiuso una relazione durata 1 anno e mezzo. ...

ne volevo solo parlare (150695…

Paulina, 16       Ciao, ho 16 anni e volevo parlare con qualcuno dei miei 'problemi' più che altro è un consiglio sul come comportarmi. ...

Consiglio (1507015426144)

Antonio, 42       Salve, le scrivo per un problema a cui non riesco a dare soluzione ovvero non so come devo comportarmi. ...

Area Professionale

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

L'abuso sessuale e la violenza…

Uno studio sull'abuso sessuale, condotto su 20 donne e realizzato dalla Dottoressa Loretta Sapora, utilizzando il Test semi-proiettivo I.Co.S. Il Confine del S...

La vita pratica dello psicolog…

In queste ultime settimane è emerso nel mondo della psicologia il problema POS (point of sale). Cioè se è obbligatorio o meno possederlo ed utilizzarlo. Abbiamo...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

News Letters