Pubblicità

Antidepressivi e disturbi nella prole

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1344 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L'uso di antidepressivi durante la gravidanza può essere associato alla presenza di disturbi del linguaggio dell'infanzia nella prole.

antidepressivi e proleSecondo una nuova ricerca, le madri che hanno utilizzato antidepressivi almeno due volte durante la gravidanza hanno avuto un 37 % di aumento del rischio di disturbi del linguaggio e/o linguistici tra i loro figli, rispetto alle madri con depressione e altri disturbi psichiatrici che non sono stati trattate con antidepressivi.

I risultati per gli scienziati della Mailman School of Public Health e della Columbia University Medical Center della Columbia University saranno pubblicati on-line in JAMA Psychiatry.

"In base alle nostre conoscenze, questo è il primo studio per esaminare la relazione tra l'uso materno di antidepressivi e i disturbi motori e linguistici nella prole. Lo studio ha beneficiato di un'ampia popolazione campione e ha seguito i bambini oltre i 3 anni ", ha detto Alan Brown, MD, MPH, Mailman School of Public Health professore di Epidemiologia e professore di Psichiatria.

I disturbi del linguaggio includono i disturbi di espressività e percezione della lingua e quelle che coinvolgono l'articolazione dei suoni.

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) come la fluoxetina, citalopram, paroxetina, sertralina, fluvoxamina, e escitalopram attraversano la placenta ed entrano nella circolazione fetale. E sono sempre più utilizzati durante la gravidanza.

Sulla base di un campione di 845.345 individui, nati vivi tra il 1996 e il 2010 desunti dai registri nazionali in Finlandia, i gruppi di esposizione sono stati classificati come: madri che hanno acquistato SSRI una o più volte, prima o durante la gravidanza (15.596); quelli con diagnosi di un disturbo psichiatrico un anno prima o durante la gravidanza, ma senza l'utilizzo di antidepressivi (9.537); e madri che non hanno utilizzato antidepressivi né avevano diagnosi depressive (31.207).

Pubblicità

Dal momento che il grado di esposizione SSRI è stata maggiore per le madri con più di un utilizzo di SSRI durante la gravidanza, il Dr. Brown e colleghi hanno anche esaminato l'esposizione per numero di acquisti ripetuto (uno, due, o più), e hanno condotto due supplementari analisi per determinare se le associazioni tra l’utilizzo materno di due o più SSRI e il rischio di disturbi del linguaggio nella prole sono stati ulteriormente colpiti dalla gravità di uno stato depressivo. I risultati non sono cambiati sensibilmente e sono rimasti comunque significativi.

"Crediamo che la nostra conclusione sui bambini le cui madri hanno utilizzato almeno due prescrizioni di SSRI durante la gravidanza è particolarmente significativa perché queste donne hanno maggiori probabilità di aver preso questi farmaci, quindi è più probabile che i bambini siano stati esposti per un periodo più lungo e per grandi quantità di SSRI in gravidanza, in confronto a madri donne che hanno riempito una sola prescrizione ", ha osservato il dottor Brown.

Tuttavia, in tutto il campione, a prescindere dal numero di acquisti, il rischio di disturbi del linguaggio è aumentato tra figli di madri che hanno utilizzato SSRI durante la gravidanza, così come i figli di madri con depressione e altri disturbi psichiatrici che non hanno assunto un SSRI.

Inoltre non vi era alcuna prova che l'esposizione materna a SSRI fosse legata a disturbi accademici di prestazioni e motori nella prole.

"I punti di forza del nostro studio comprendono la grande popolazione di nascita, i futuri dati sugli acquisti SSRI durante la gravidanza, un gruppo di confronto di madri con depressione che non avevano assunto farmaci antidepressivi, e un ampio database nazionale, il registro che ha incluso altri fattori noti," ha osservato Dr. Brown. "Tuttavia la gravità della depressione materna non può essere esclusa come spiegazione per l'aumento di disturbi del linguaggio e disturbi infantili tra le madri che hanno riempito più di una prescrizione di SSRI, ed un ulteriore studio è garantito."

Anche se il Dr. Brown e colleghi non sono stati in grado di confermare che sono stati presi i farmaci acquistati, l'associazione tra l’assunzione di SSRI e disturbi del linguaggio era presente solo tra le madri con più di un acquisto SSRI durante la gravidanza. Inoltre, studi precedenti hanno anche dimostrato correlazioni tra dati provenienti da registri di prescrizione e l'uso auto-riferito di antidepressivi.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: antidepressivi disturbi linguistici, disturbi motori, prole,

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

News Letters

0
condivisioni