Pubblicità

Cambiare i tuoi modelli di pensiero per superare l'insonnia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1562 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Secondo una nuova ricerca australiana, la terapia basata sulla mindfulness e la terapia cognitiva sono ugualmente efficaci nel combattere l' insonnia. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Behaviour Change, evidenzia anche i meccanismi cognitivi sottostanti che portano al recupero da notti insonni.

insonnia terapia"L' insonnia è comune e comporta un elevato carico di malattia e capire come funzionano i trattamenti più efficaci è una priorità importante per perfezionarli ulteriormente e migliorarli", ha spiegato l'autrice dello studio Melissa J. Ree del Marian Centre and Sleep Matters.

"Una persona su tre ha regolarmente difficoltà a dormire e circa il 10% della popolazione adulta soffre del disturbo clinico dell' insonnia (American Psychiatric Association, 2013). L' insonnia è qualcosa con cui è difficile convivere e aumenta il rischio di problemi di salute fisica, disturbi dell'umore, incidenti, qualità della vita peggiore e riduce le prestazioni occupazionali.

Pubblicità

"Sfortunatamente, molte persone con insonnia che cercano aiuto ricevono solo sonniferi, che sappiamo non essere la migliore soluzione a lungo termine. (La terapia cognitivo-comportamentale è il trattamento di scelta raccomandato). Comprendere meglio come e perché questi trattamenti più efficaci funzionano aiuterà a migliorarli. Quali sono le cose fondamentali (processi) che devono essere spostate per trattare l' insonnia? ", ha detto Ree.

"Per molti anni la terapia cognitivo-comportamentale per l' insonnia (CBT-I) è stata il trattamento di prima linea raccomandato: circa il 75% delle persone con insonnia risponde bene. Sappiamo a lungo termine che questo approccio è più efficace dei farmaci. Ricerche più recenti hanno suggerito che gli approcci basati sulla mindfulness sono anche trattamenti efficaci per l' insonnia.

"In questo studio abbiamo confrontato la terapia basata sulla mindfulness (che coinvolge la meditazione, l'accettazione, e non rimanere intrappolati in pensieri o frustrazione ansiosi) e la terapia cognitiva (che implica imparare come cambiare schemi di pensiero e credenze inutili sul sonno in modo più produttivo, pensieri utili e credenze), " ha detto Ree.

Quarantasette partecipanti hanno ricevuto quattro sedute di CBT per l'insonnia prima di essere assegnati in modo casuale ad altre quattro sessioni di terapia cognitiva o a quattro sessioni di terapia basata sulla mindfulness.

I ricercatori hanno scoperto che entrambi i trattamenti erano ugualmente efficaci. Anche se la terapia basata sulla mindfulness non indirizzava direttamente a pensieri inutili, sembrava ancora cambiare in meglio i modelli di pensiero dei partecipanti.

"E' interessante notare che, affinché i trattamenti siano efficaci, il contenuto dei pensieri e delle convinzioni delle persone deve essere modificato - più cambiamenti nel modo in cui le persone hanno pensato al loro sonno, meglio hanno risposto al trattamento", ha spiegato Ree.

"Ad esempio, una persona che crede di non potercela fare senza 8 ore di sonno ogni notte sarà più incline a preoccuparsi del proprio sonno, e questa preoccupazione potrebbe peggiorare il loro sonno - la convinzione sul sonno è una profezia che si autoavvera".

"Inoltre, potrebbero cambiare il modo in cui gestiscono il loro giorno dopo una notte di sonno povero - potrebbero usare caffeina extra, e possono annullare riunioni, esercizi, ecc. - Queste scelte possono anche avere un impatto negativo sul sonno la notte seguente", ha detto Ree. "Al contrario, una persona che crede di riuscire a farcela, avrà meno probabilità di preoccuparsi e più probabilmente di ottenere un sonno migliore."

"In sostanza, sembra che imparare a preoccuparsi meno del sonno sia utile nelle persone con insonnia - e questo può essere ottenuto attraverso la terapia cognitiva o la terapia basata sulla mindfulness".

Ma lo studio - come tutte le ricerche - include alcune limitazioni.

"Sarebbe utile replicare questo studio con un campione più ampio e osservare il cambiamento di pensieri e convinzioni in un trattamento puramente comportamentale", ha detto Ree.

Lo studio, “Effective Insomnia Treatments: Investigation of Processes in Mindfulness and Cognitive Therapy", è stato scritto da Christopher William Lee, Melissa J. Ree e Mei Yin Wong.

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: insonnia Mindfulness terapia cognitivo-comportamentale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

News Letters

0
condivisioni