Pubblicità

Cambiare i tuoi modelli di pensiero per superare l'insonnia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1123 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Secondo una nuova ricerca australiana, la terapia basata sulla mindfulness e la terapia cognitiva sono ugualmente efficaci nel combattere l' insonnia. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Behaviour Change, evidenzia anche i meccanismi cognitivi sottostanti che portano al recupero da notti insonni.

insonnia terapia"L' insonnia è comune e comporta un elevato carico di malattia e capire come funzionano i trattamenti più efficaci è una priorità importante per perfezionarli ulteriormente e migliorarli", ha spiegato l'autrice dello studio Melissa J. Ree del Marian Centre and Sleep Matters.

"Una persona su tre ha regolarmente difficoltà a dormire e circa il 10% della popolazione adulta soffre del disturbo clinico dell' insonnia (American Psychiatric Association, 2013). L' insonnia è qualcosa con cui è difficile convivere e aumenta il rischio di problemi di salute fisica, disturbi dell'umore, incidenti, qualità della vita peggiore e riduce le prestazioni occupazionali.

Pubblicità

"Sfortunatamente, molte persone con insonnia che cercano aiuto ricevono solo sonniferi, che sappiamo non essere la migliore soluzione a lungo termine. (La terapia cognitivo-comportamentale è il trattamento di scelta raccomandato). Comprendere meglio come e perché questi trattamenti più efficaci funzionano aiuterà a migliorarli. Quali sono le cose fondamentali (processi) che devono essere spostate per trattare l' insonnia? ", ha detto Ree.

"Per molti anni la terapia cognitivo-comportamentale per l' insonnia (CBT-I) è stata il trattamento di prima linea raccomandato: circa il 75% delle persone con insonnia risponde bene. Sappiamo a lungo termine che questo approccio è più efficace dei farmaci. Ricerche più recenti hanno suggerito che gli approcci basati sulla mindfulness sono anche trattamenti efficaci per l' insonnia.

"In questo studio abbiamo confrontato la terapia basata sulla mindfulness (che coinvolge la meditazione, l'accettazione, e non rimanere intrappolati in pensieri o frustrazione ansiosi) e la terapia cognitiva (che implica imparare come cambiare schemi di pensiero e credenze inutili sul sonno in modo più produttivo, pensieri utili e credenze), " ha detto Ree.

Quarantasette partecipanti hanno ricevuto quattro sedute di CBT per l'insonnia prima di essere assegnati in modo casuale ad altre quattro sessioni di terapia cognitiva o a quattro sessioni di terapia basata sulla mindfulness.

I ricercatori hanno scoperto che entrambi i trattamenti erano ugualmente efficaci. Anche se la terapia basata sulla mindfulness non indirizzava direttamente a pensieri inutili, sembrava ancora cambiare in meglio i modelli di pensiero dei partecipanti.

"E' interessante notare che, affinché i trattamenti siano efficaci, il contenuto dei pensieri e delle convinzioni delle persone deve essere modificato - più cambiamenti nel modo in cui le persone hanno pensato al loro sonno, meglio hanno risposto al trattamento", ha spiegato Ree.

"Ad esempio, una persona che crede di non potercela fare senza 8 ore di sonno ogni notte sarà più incline a preoccuparsi del proprio sonno, e questa preoccupazione potrebbe peggiorare il loro sonno - la convinzione sul sonno è una profezia che si autoavvera".

"Inoltre, potrebbero cambiare il modo in cui gestiscono il loro giorno dopo una notte di sonno povero - potrebbero usare caffeina extra, e possono annullare riunioni, esercizi, ecc. - Queste scelte possono anche avere un impatto negativo sul sonno la notte seguente", ha detto Ree. "Al contrario, una persona che crede di riuscire a farcela, avrà meno probabilità di preoccuparsi e più probabilmente di ottenere un sonno migliore."

"In sostanza, sembra che imparare a preoccuparsi meno del sonno sia utile nelle persone con insonnia - e questo può essere ottenuto attraverso la terapia cognitiva o la terapia basata sulla mindfulness".

Ma lo studio - come tutte le ricerche - include alcune limitazioni.

"Sarebbe utile replicare questo studio con un campione più ampio e osservare il cambiamento di pensieri e convinzioni in un trattamento puramente comportamentale", ha detto Ree.

Lo studio, “Effective Insomnia Treatments: Investigation of Processes in Mindfulness and Cognitive Therapy", è stato scritto da Christopher William Lee, Melissa J. Ree e Mei Yin Wong.

 

Tratto da PsyPost

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: insonnia Mindfulness terapia cognitivo-comportamentale

0
condivisioni

Guarda anche...

Per saperne di più

La tecnica dell'EMDR

Desensibilizzazione e rielaborazione del ricordo traumatico La desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (Eye Movement Desensitization Reprocessing), meglio nota come EMDR,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters

0
condivisioni