Pubblicità

Combattere ansia e depressione con l’esercizio fisico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2010 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Un nuovo studio suggerisce che molti professionisti che si occupano di salute mentale, stanno sempre e più frequentemente consigliando ed includendo nei piani terapeutici dei loro pazienti attività legate all’esercizio fisico.

esercizioI ricercatori della Michigan State University e della University of Michigan hanno quindi, condotto uno studio su 295 pazienti che già ricevevano un trattamento in una clinica di salute mentale.

A questi ultimi fu chiesto se desiderassero essere maggiormente fisicamente attivi e si cercò di indagare l’effettiva efficacia dell'esercizio fisico e del suo contributo nel a migliorare lo stato d'animo e di ansia dei pazienti. E’ stato inoltre chiesto loro se volessero che il loro terapista li aiutasse a diventare più attivi.

L’85% dei soggetti partecipanti allo studio ha dichiarato di voler svolgere più attività fisica ed un buon 80% del campione, credeva che l'esercizio contribuisse effettivamente a migliorare il loro stato d'animo ed a diminuire l'ansia nel corso del tempo.

Quasi la metà dei soggetti ha espresso inoltre, interesse a ricevere un consulto ed un aiuto da parte della figura del terapeuta per ricevere consigli su come meglio mantenersi in attività fisica.

Pubblicità

Tale studio è stato pubblicato nella rivista General Hospital Psychiatry.

"E’ stato dimostrato che l'attività fisica è efficace nel ridurre i livelli di depressione e di ansia da moderati a lievi", ha affermato Carol Janney, autore principale dello studio.

"Nelle attuali terapie vengono consigliati almeno 30 minuti di attività fisica da svolgere cinque giorni alla settimana per promuovere la salute mentale e fisica, ma molti dei partecipanti allo studio, purtroppo non hanno seguito queste raccomandazioni".

Più della metà dei partecipanti aveva riferito infatti, che spesso a causa loro umore non riusciva a svolgere le ore di attività fisica raccomandate limitandone così anche gli effetti benefici da essa derivanti.

"Offrire programmi di attività fisica all'interno delle cliniche di salute mentale può essere uno dei molti approcci centrati sul paziente che possono migliorare la salute mentale e fisica dei pazienti", ha dichiarato Janney e con lui concorde Marcia Valenstein, co-autorice allo studio.

“Sarebbe auspicabile che i programmi di trattamento di salute mentale collaborassero con i programmi di fitness per meglio elicitare i loro pazienti a mantenersi maggiormente in esercizio fisico", ha riferito la Valestein. "Questa collaborazione potrebbe essere effettuata ad es. procedendo all’inserimento di figure professionali, quali personal trainer specializzati, nelle cliniche di salute mentale ".

Sia Valenstein che Janney hanno affermato che psichiatri ed altre figure terapeutiche potrebbero discutere con i pazienti della necessità generale di fare esercizio, e dei risvolti positivi che lo svolgimento di quest’ultima potrebbe portare relativamente la loro salute non solo fisica, ma anche mentale.

"Tuttavia i professionisti della salute mentale come psichiatri e terapeuti potrebbero non avere una formazione sufficiente per prescrivere delle attività fisiche mirate come parte della loro terapia", ha dichiarato Janney.

"D’altra parte, invece,  collaborando con personale qualificato nello svolgimento di specifici programmi di esercizio, i professionisti della salute mentale potrebbero essere agevolati nel prescrivere e ad offrire raccomandazioni mirate per l'attività fisica nel setting clinico".

Se si potesse rendere più facile, sia per i terapeuti che per i loro pazienti, di aver accesso più facilmente ai servizi di attività fisica, allora probabilmente molti più pazienti verrebbero aiutati a ridurre i loro livelli di depressione ed ansia.

Una volta dimostrata l'efficacia di questo approccio, sarebbe anche più facile pensare poter promuovere servizi di copertura assicurativa che aiutino le persone che vogliono svolgere esercizio per mantenersi in salute psico-fisica.

"Molte agenzie assicurative già lo fanno per la prevenzione del diabete, quindi non è un obiettivo impossibile da raggiungere" conclude Valestein.

 

 

Tratto da Psy Post

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: depressione ansia salute mentale esercizio fisico esercizio news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La parola afefobia, data dall’unione di due...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni