Pubblicità

Cambiamenti nella regolazione delle emozioni del bambino dopo l'aiuto psicologico alla madre per la depressione post-partum

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 856 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'aiuto PSICOLOGICO per le madri con depressione post-partum consente indirettamente anche ai figli neonati di beneficiare del trattamento.

depressione e neonati


Molteplici studi hanno affermato che quando una donna sperimenta un periodo depressivo successivo al parto potrebbe, anche in modo temporaneo, minare il 'normale' sviluppo della capacità di regolazione delle emozioni del bambino.

Uno studio, condotto con un campione composto da 40 neonati figli di donne con diagnosi di depressione post-partum che sono stati confrontati con 40 neonati figli di madri non depresse suddivise per età, sesso e stato socioeconomico, ha dimostrato che l'aiuto psicologico fortino alle madri con depressione post-partum ha permesso ai nascituri di beneficiarne indirettamente.

Le madri con depressione post-partum hanno partecipato a nove settimane di Terapia Cognitivo Comportamentale (CBT) di gruppo. I bambini sono stati tutti monitorati sia prima del trattamento e sia nove settimane dopo, inclusa la valutazione di un questionario sul comportamento del bambino compilato dalla madre e dal suo partner.

Ciò che hanno scoperto è che, dopo il periodo di aiuto psicologico delle loro mamme l'attività cerebrale del loro bambino si è 'normalizzata' ai livelli osservati nei bambini sani, come ha confermato Ryan Van Lieshout, capoprogetto dello studio, psichiatra e professore associato di psichiatria e neuroscienze comportamentali presso la Michael G. DeGroote Scuola di Medicina di McMaster il quale afferma: ''crediamo che questa sia la prima volta che qualcuno ha dimostrato che il trattamento della depressione post-partum delle mamme può portare a cambiamenti sani nella fisiologia del cervello dei loro bambini, una scoperta che riteniamo fornisca molte buone notizie''.

Pubblicità

Ryan Van Lieshout ha dichiarato che è noto che i figli di donne con depressione post-partum hanno cambiamenti nel funzionamento dell'attività cerebrale che renderebbe più probabile gli sviluppi di problemi emotivi e comportamentali più avanti nella vita.

Tuttavia, prima del seguente studio non si era a conoscenza che il trattamento della depressione post-partum della madre potesse invertire questi cambiamenti e in quali termini.

Lo studio è stato sostenuto dalla Brain and Behavior Research Foundation con sede negli Stati Uniti in collaborazione con la McMaster University.

 

Riferimento:

John E. Krzeczkowski, Louis A. Schmidt, Ryan J. Van Lieshout. Changes in infant emotion regulation following maternal cognitive behavioral therapy for postpartum depression. Depression and anxiety, 2021; DOI: 10.1002 / da.23130

 

 

 

(a cura della dott.ssa Assunta Giuliano)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: depressione post-partum neonati

0
condivisioni

Guarda anche...

Depressione

Corpo e depressione

La depressione è come un collasso interno, un morire dentro, emotivamente e psicologicamente, e questo spiega perché è spesso accompagnata da pensieri, azioni o sentimenti suicidi. Questa relazione...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

News Letters

0
condivisioni