Pubblicità

Differenze di Genere e depressione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1526 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Eventi di vita stressanti determinerebbero un maggiore rischio negli uomini, rispetto alle donne, di sviluppare la depressione

uomini e donne.differenze di genereSecondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), sono maggiormente le donne ad essere affette da depressione rispetto agli uomini.

A tal proposito, le differenze biologiche tra uomo e donna, come gli ormoni, possono spiegare una parte di tale fenomeno.

Oltre a questo però, i fattori sociali, le cosiddette differenze di genere, possono svolgere un ruolo addirittura maggiore.

Le donne, ad esempio, esperiscono un maggiore stress sociale rispetto agli uomini, e le ultime ricerche hanno infatti dimostrato che tale stress è una delle cause principali della depressione.

Nonostante tale evidenza, è stata effettuata una nuova ricerca allo scopo di capire come mai siano le donne ad essere più depresse degli uomini, quando questi ultimi risulterebbero più vulnerabili a tale patologia nel momento in cui vanno incontro a eventi di vita stressanti.

Lo stress, nel piano di ricerca, è stato operazionalizzato come quelle modifiche allo Status quo che possono parzialmente causare tensione mentale o emotiva.

Questi eventi di vita stressanti includono il matrimonio, il divorzio, la separazione, lesioni personali, malattia, licenziamento e così via.

In questa nuova ricerca si è osservato che gli eventi stressanti della vita determinerebbero un maggiore rischio negli uomini a sviluppare la depressione, anziché nelle donne.

Sono stati esaminati i dati di uno studio rappresentativo a livello nazionale, indagando come i fattori psicologici influenzano la salute fisica e mentale degli individui nel corso del tempo.

Sono stati valutati gli effetti di eventi di vita stressanti su uomini e donne in un lasso di tempo di 25 anni ed è stato riscontrato che l’effetto di tali eventi sul rischio di depressione clinica è stata del 50% più forte per gli uomini rispetto alle donne.

Questo può essere spiegato, secondo gli autori, dal fatto che l’esposizione cumulativa allo stress da una parte può migliorare la resilienza, nel senso che le persone si abituano ad esso e lo affrontano in maniera adattiva, dall’altra può invece determinare una sempre maggiore vulnerabilità che sfocia poi nella patologia depressiva.

Una caratteristica interessante è che gli uomini che soffrono di depressione non cercano sempre una figura che li aiuti e supporti, in quanto vivono la depressione come una debolezza.

Questo potrebbe in parte spiegare perché vi è un maggiore tasso di suicidio in uomini depressi (in particolare uomini bianchi) rispetto a donne affette dalla stessa patologia.

In conclusione, gli autori sottolineano, come il genere influenzi il rischio di depressione in diversi modi.

Non solo determina il rischio di esposizione alle avversità, ma cambia la nostra personale vulnerabilità allo stress e determina altresì quali risorse utilizzare per fronteggiare lo stress e la depressione.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione stress donne uomini vulnerabilità differenze di genere fattore di rischio eventi di vita stressanti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

News Letters

0
condivisioni