Pubblicità

È stato trovato un nuovo pezzo del puzzle dell'Alzheimer

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1281 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Due anni dopo aver scoperto un modo per neutralizzare una proteina "cattiva" legata alla malattia di Alzheimer, il professore e neurologo dell'University of Alberta, Jack Jhamandas, ha trovato un nuovo pezzo del puzzle dell'Alzheimer, avvicinandosi così a una cura per la malattia.

pezzo puzzle Alzheimer

In uno studio, pubblicato su Scientific Reports, Jhamandas e il suo team hanno scoperto due brevi peptidi, o stringhe di aminoacidi, che, quando iniettati quotidianamente nei topi con il morbo di Alzheimer, per cinque settimane, miglioravano significativamente la memoria dei topi. Il trattamento ha anche ridotto alcuni dei cambiamenti fisici dannosi nel cervello associati alla malattia.


"Nei topi che hanno ricevuto i farmaci, abbiamo riscontrato un minor accumulo di placca amiloide (cumuli di proteine che svolgono un ruolo centrale nel morbo di Alzheimer) e una riduzione dell'infiammazione cerebrale", ha affermato Jhamandas, che è anche membro del Neuroscience and Mental Health Institute.

"Questo è stato molto interessante ed eccitante perché ci ha mostrato che non solo c'è stato un miglioramento della memoria nei topi, ma i segni distinitivi della patologia cerebrale nella malattia di Alzheimer sono notevolmente migliorati. È stata una sorpresa per noi".

Questa scoperta si basa su precedenti scoperte di un composto chiamato AC253 che può bloccare gli effetti tossici di una proteina chiamata beta amiloide, che si ritiene contribuisca in modo determinante all'Alzheimer perché si trova spesso in grandi quantità nel cervello dei pazienti con questa malattia. L'AC253 impedisce alla beta amiloide di attaccarsi a determinati recettori nelle cellule cerebrali, un processo che Jhamandas paragona a "tappare un buco della serratura".

Tuttavia, mentre l'AC253 ha dimostrato di prevenire un accumulo di beta amiloide, non è molto efficace nel raggiungere il cervello e non viene rapidamente metabolizzato nel flusso sanguigno. Di conseguenza, il trattamento con l'AC253 richiede che grandi quantità del composto siano efficaci, il che è poco pratico e aumenta le possibilità del corpo di sviluppare una reazione immunitaria al trattamento. Trasformare l'AC253 da un farmaco iniettabile in una pillola aiuterebbe a superare i problemi del metabolismo e aumenterebbe l'efficacia, ma l'AC253 era troppo complesso da trasformarlo in un farmaco orale efficace.

Pubblicità


La soluzione di Jhamandas è stata quella di tagliare l'AC253 in pezzi per vedere se si potevano creare stringhe di peptidi più piccole che bloccavano la beta amiloide allo stesso modo dell'AC253. Attraverso una serie di test che utilizzano topi geneticamente modificati per trasportare la malattia di Alzheimer, il team di Jhamandas ha trovato due pezzi più corti dell'AC253 che replicavano le capacità preventive e riparative del peptide più grande.

Con i brevi peptidi identificati, Jhamandas e il suo team, che comprende i virologi Lorne Tyrell e Michael Houghton, hanno utilizzato un processo di modellizzazione computerizzata e intelligenza artificiale per scoprire un farmaco a piccole molecole, simile ai farmaci usati per trattare la pressione alta o il colesterolo. Ora è in via di sviluppo.

Il team si concentra sulla produzione di una versione ottimizzata e orale del farmaco in modo che possano iniziare studi clinici sull'uomo, ha affermato Jhamandas, che ha aggiunto "i farmaci a piccole molecole sono preferibili per i trattamenti, in particolare per le aziende farmaceutiche, poiché sono più economici da produrre, possono essere presi per via orale e può raggiungere più facilmente il cervello attraverso il sangue."

Jhamandas è ottimista sul potenziale del suo nuovo farmaco di cambiare il modo in cui è gestito l'Alzheimer e ci tiene a sottolineare gli anni di ricerca che lui e altri ricercatori hanno impiegato per arrivare fino a questo punto.

"Sono stati 15, 20 anni di lavoro scrupoloso e incrementale", ha detto. "Ed è come costruire una casa: metti giù un mattone, poi ne metti un altro sopra e ben presto hai delle fondamenta e poi una casa."


Fonte:

  • Rania Soudy, Ryoichi Kimura, Aarti Patel, Wen Fu, Kamaljit Kaur, David Westaway, Jing Yang, Jack Jhamandas. Short amylin receptor antagonist peptides improve memory deficits in Alzheimer’s disease mouse model. Scientific Reports, 2019; 9 (1) DOI: 10.1038/s41598-019-47255-9

 



Articolo a cura del dottor Andrea di Maio




Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: Alzheimer, cura news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni