Pubblicità

Effetti sulla salute mentale delle malattie croniche infantili

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2331 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

un recente studio che ha esaminato gli effetti delle patologie croniche nei bambini sulla salute mentale a lungo termine ha mostrato come tali esperienze siano in grado di aumentare la probabilità di sviluppare depressione e ansia in età adulta.

malattie croniche

I ricercatori dell'Università di Sussex e dell’University College di Londra hanno monitorato sistematicamente le cartelle cliniche provenienti da un gran numero di studi medici, con l’intento di individuare associazioni tra otto patologie croniche infantili (artrite, asma, cancro) e problematiche emotive sviluppate dai pazienti successivamente nella vita.

L’indagine, pubblicata all’interno del Journal of Child Psychology and Psychiatry (JCPP), ha rivelato che i malati affetti da tutte le malattie croniche esaminate presentavano un rischio maggiore di sviluppare depressione o ansia, problemi emotivi che persistevano oltre l'infanzia e l'adolescenza e nella vita adulta.

Tali evidenze suggeriscono che le strategie di prevenzione e di intervento in favore della salute mentale dirette a bambini e adolescenti che soffrono di malattie croniche potrebbero essere di vitale importanza nel trattamento delle problematiche legate alla salute mentale, prima che possano svilupparsi condizioni ben più gravi.

Il Dottor Darya Gaysina, primo ricercatore dello studio, commentando i risultati, ha affermato: “Attualmente, si conoscono poco gli effetti della malattia cronica infantile sulla salute mentale. I nostri risultati hanno evidenziato come le patologie croniche infantili abbiano avuto un significativo impatto e abbiano concorso allo sviluppo di depressione in molti tra i 45.000 pazienti adulti analizzati dallo studio”.

Pubblicità

"In particolare, abbiamo riscontrato che il cancro è stato associato in modo significativo con la depressione adulta. Anche se la ricerca su altre condizioni croniche è risultata limitata, ci si è accorti che, pur eliminando dal campione i pazienti affetti da cancro, la correlazione era ancora presente. Quindi, è stato dimostrato che non solo il cancro, ma anche altre patologie possono essere associate a disturbi emotivi in età adulta”.

Il Dottor Gaysina ritiene, infatti, che tale correlazione potrebbe essere d’aiuto per tutti i professionisti della salute mentale nel mostrarsi più sensibili e attenti ai giovani pazienti affetti da varie tipologie di condizioni croniche.

 

Tratto da : sciencedaily

 

(Traduzione e adattato dalla Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: salute mentale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Fisting

Il fisting è una pratica sessuale, è l'atto di inserire l'intera mano o anche di due mani contemporaneamente, dentro la vagina o il retto Naturalmente richiede...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni