Pubblicità

Effetti sulla salute mentale delle malattie croniche infantili

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1772 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

un recente studio che ha esaminato gli effetti delle patologie croniche nei bambini sulla salute mentale a lungo termine ha mostrato come tali esperienze siano in grado di aumentare la probabilità di sviluppare depressione e ansia in età adulta.

malattie croniche

I ricercatori dell'Università di Sussex e dell’University College di Londra hanno monitorato sistematicamente le cartelle cliniche provenienti da un gran numero di studi medici, con l’intento di individuare associazioni tra otto patologie croniche infantili (artrite, asma, cancro) e problematiche emotive sviluppate dai pazienti successivamente nella vita.

L’indagine, pubblicata all’interno del Journal of Child Psychology and Psychiatry (JCPP), ha rivelato che i malati affetti da tutte le malattie croniche esaminate presentavano un rischio maggiore di sviluppare depressione o ansia, problemi emotivi che persistevano oltre l'infanzia e l'adolescenza e nella vita adulta.

Tali evidenze suggeriscono che le strategie di prevenzione e di intervento in favore della salute mentale dirette a bambini e adolescenti che soffrono di malattie croniche potrebbero essere di vitale importanza nel trattamento delle problematiche legate alla salute mentale, prima che possano svilupparsi condizioni ben più gravi.

Il Dottor Darya Gaysina, primo ricercatore dello studio, commentando i risultati, ha affermato: “Attualmente, si conoscono poco gli effetti della malattia cronica infantile sulla salute mentale. I nostri risultati hanno evidenziato come le patologie croniche infantili abbiano avuto un significativo impatto e abbiano concorso allo sviluppo di depressione in molti tra i 45.000 pazienti adulti analizzati dallo studio”.

Pubblicità

"In particolare, abbiamo riscontrato che il cancro è stato associato in modo significativo con la depressione adulta. Anche se la ricerca su altre condizioni croniche è risultata limitata, ci si è accorti che, pur eliminando dal campione i pazienti affetti da cancro, la correlazione era ancora presente. Quindi, è stato dimostrato che non solo il cancro, ma anche altre patologie possono essere associate a disturbi emotivi in età adulta”.

Il Dottor Gaysina ritiene, infatti, che tale correlazione potrebbe essere d’aiuto per tutti i professionisti della salute mentale nel mostrarsi più sensibili e attenti ai giovani pazienti affetti da varie tipologie di condizioni croniche.

 

Tratto da : sciencedaily

 

(Traduzione e adattato dalla Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

Tags: salute mentale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. Le complicanze mediche più frequenti, tutt...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

News Letters

0
condivisioni