Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Farmaci per il DPTS e rischio di demenza

on . Postato in News di psicologia

I risultati di alcune ricerche hanno mostrato come il Disturbo Post – Traumatico da Stress (DPTS) possa configurarsi come un fattore di rischio significativo nello sviluppo della demenza.

Farmaci DPTS

 La demenza è una patologia in grado di compromettere la memoria e di influenzare la capacità di una persona di svolgere i compiti abituali.

Essa è una tra le principali cause di gravi malattie, disabilità e morte. Spesso richiede il ricovero in una casa di cura o in altri servizi di assistenza a lungo termine per le persone di 65 anni e più.

Prima d’ora non era ancora chiaro ai ricercatori se i farmaci somministrati ai pazienti affetti da DPTS potessero aumentare il rischio di sviluppare demenza. Fra questi farmaci erano inclusi gli antidepressivi, gli antipsicotici, i sedativi o tranquillanti.

Un nuovo studio, pubblicato all’interno della rivista “Journal of the American Geriatrics Society” ha cercato di esaminare tale connessione.

Nel loro studio, i ricercatori hanno utilizzato le informazioni provenienti da 3,139,780 veterani dai 56 anni ed oltre, i quali inizialmente ricevevano assistenza sanitaria dal servizio “Veterans Health Administration”. Quasi tutti i veterani erano maschi e l'82% di questi era bianco. Il 5,4% tra i partecipanti presentava una diagnosi di DPTS. Poiché i ricercatori intendevano esaminare i dati attraverso un follow – up, nove anni dopo, hanno incluso anche i veterani con una diagnosi di demenza.

La ricerca ha, in primo luogo, dimostrato che i veterani con DPTS presentavano una maggiore probabilità di incorrere in problematiche legate alla salute e in un più alto rischio di demenza. Tra le patologie erano incluse lesioni traumatiche del cervello, diabete, malattie polmonari croniche ostruttive (BPCO), disturbi psichiatrici, abuso di sostanze e altri problemi di salute.

Pubblicità

Successivamente, è stato scoperto che l’assunzione di alcuni farmaci, quali Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRIs), Antidepressivi nuovi e Antipsicotici atipici, aveva aumentato significativamente il rischio dei partecipanti di sviluppare demenza, rispetto a coloro i quali non ne assumevano. Inoltre, è emerso che sia i veterani che assumevano tali farmaci e coloro ai quali era stato diagnosticato un DPTS presentavano lo stesso aumentato rischio di sviluppare demenza.

I veterani che utilizzavano tre classi di farmaci, nello specifico i nuovi antidepressivi, inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (SNRIs) e le benzodiazepine, presentavano una maggiore probabilità di sviluppare demenza, indipendentemente dalla diagnosi di DPTS. I ricercatori hanno osservato che un'interazione tra questi farmaci "psicoattivi" potrebbe potenzialmente influenzare il modo in cui DPTS possa avere un impatto nel rischio di sviluppare demenza.

Gli autori di tale studio hanno concluso che sono necessarie ulteriori ricerche per meglio comprendere l’interazione tra DPTS e farmaci psicoattivi, esaminandone il dosaggio, il tempo relativo alla somministrazione del farmaco e il modo in cui i soggetti potrebbero trarne beneficio.

 

Tratto da: sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


 

Tags: demenza antidepressivi DPTS

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di rimanere sola (14…

queenemy85, 33             Ho paura di rimanere sola. Ho paura di dire qualcosa perchè ho paura di sbagliare. ...

Pensieri fastidiosi (149511804…

Sara, 22              Buon pomeriggio! Mi chiamo sara e ho 22 anni vi scrivo per avere un parere esterno perche da ...

Minaccia di uccidersi ( 148516…

Actarus, 50         Buongiorno, ho 50 anni e sono sposato con una donna che mi ama da circa 20 anni, ed abbiamo due ragazze, una di 1...

Area Professionale

L'importanza del modello bio-p…

Nella gestione delle problematiche psicologiche e/o comportamentali, Il trattamento deve  ispirarsi al modello bio-psico-sociale e  affrontare tutti q...

Il perdono nella pratica clini…

Secondo recenti ricerche il perdono e la capacità di perdonare possono essere correlati alla propria struttura di personalità, al processo di matu...

L' odio come paura dell’altro …

Gli atti di odio sono tentativi di distrarre sè stessi da sentimenti come la solitudine, l'impotenza, l'ingiustizia, l'inadeguateza e la vergogna. L'odio...

Le parole della Psicologia

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self help (definiti ...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che e...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come distu...

News Letters