Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Farmaci per il DPTS e rischio di demenza

on . Postato in News di psicologia | Letto 287 volte

I risultati di alcune ricerche hanno mostrato come il Disturbo Post – Traumatico da Stress (DPTS) possa configurarsi come un fattore di rischio significativo nello sviluppo della demenza.

Farmaci DPTS

 La demenza è una patologia in grado di compromettere la memoria e di influenzare la capacità di una persona di svolgere i compiti abituali.

Essa è una tra le principali cause di gravi malattie, disabilità e morte. Spesso richiede il ricovero in una casa di cura o in altri servizi di assistenza a lungo termine per le persone di 65 anni e più.

Prima d’ora non era ancora chiaro ai ricercatori se i farmaci somministrati ai pazienti affetti da DPTS potessero aumentare il rischio di sviluppare demenza. Fra questi farmaci erano inclusi gli antidepressivi, gli antipsicotici, i sedativi o tranquillanti.

Un nuovo studio, pubblicato all’interno della rivista “Journal of the American Geriatrics Society” ha cercato di esaminare tale connessione.

Nel loro studio, i ricercatori hanno utilizzato le informazioni provenienti da 3,139,780 veterani dai 56 anni ed oltre, i quali inizialmente ricevevano assistenza sanitaria dal servizio “Veterans Health Administration”. Quasi tutti i veterani erano maschi e l'82% di questi era bianco. Il 5,4% tra i partecipanti presentava una diagnosi di DPTS. Poiché i ricercatori intendevano esaminare i dati attraverso un follow – up, nove anni dopo, hanno incluso anche i veterani con una diagnosi di demenza.

La ricerca ha, in primo luogo, dimostrato che i veterani con DPTS presentavano una maggiore probabilità di incorrere in problematiche legate alla salute e in un più alto rischio di demenza. Tra le patologie erano incluse lesioni traumatiche del cervello, diabete, malattie polmonari croniche ostruttive (BPCO), disturbi psichiatrici, abuso di sostanze e altri problemi di salute.

Pubblicità

Successivamente, è stato scoperto che l’assunzione di alcuni farmaci, quali Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRIs), Antidepressivi nuovi e Antipsicotici atipici, aveva aumentato significativamente il rischio dei partecipanti di sviluppare demenza, rispetto a coloro i quali non ne assumevano. Inoltre, è emerso che sia i veterani che assumevano tali farmaci e coloro ai quali era stato diagnosticato un DPTS presentavano lo stesso aumentato rischio di sviluppare demenza.

I veterani che utilizzavano tre classi di farmaci, nello specifico i nuovi antidepressivi, inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (SNRIs) e le benzodiazepine, presentavano una maggiore probabilità di sviluppare demenza, indipendentemente dalla diagnosi di DPTS. I ricercatori hanno osservato che un'interazione tra questi farmaci "psicoattivi" potrebbe potenzialmente influenzare il modo in cui DPTS possa avere un impatto nel rischio di sviluppare demenza.

Gli autori di tale studio hanno concluso che sono necessarie ulteriori ricerche per meglio comprendere l’interazione tra DPTS e farmaci psicoattivi, esaminandone il dosaggio, il tempo relativo alla somministrazione del farmaco e il modo in cui i soggetti potrebbero trarne beneficio.

 

Tratto da: sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

Tags: demenza antidepressivi DPTS

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre con disturbo narcisistic…

emcla, 32     Dopo diversi anni di quella che riconosco essere una dipedenza affettiva mi sono trovata a leggere del disturbo narcisistico di per...

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni ...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

News Letters