Pubblicità

Fumare e bere attivano aree cerebrali distinte

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 494 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Fumare e bere sono i due comportamenti di dipendenza più diffusi al mondo.

fumare e bere

Uno studio recente ha scoperto come fumare e bere abbiano livelli di connettività funzionale opposti.

I ricercatori dell'Università di Warwick hanno scoperto che una bassa connettività funzionale della corteccia orbitofrontale laterale - legata alla tendenza a fumare - è associata con un aumento di impulsività. L'alta connettività della corteccia orbitofrontale mediale - legata alla ricompensa di un comportamento può aumentare la tendenza a bere e ad essere attratti dalla gratificazione del consumo di alcool. Un nuovo studio del Professore Jianfeng Feng ed Edmund Rolls del Dipartimento di Scienze Informatiche dell'Università di Warmick, in collaborazione con il Dr. Wei Cheng della Fudan University in Cina, ha esaminato i meccanismi neurali sottostanti i due tipi di comportamenti di uso di sostanze: fumare e bere.

Loro hanno trovato in 2000 partecipanti che i fumatori avevano bassa connettività funzionale in generale e nello specifico nella corteccia laterale orbitofrontale, regione del cervello associata a comportamenti impulsivi. Questo suggerisce che le persone che fumano potrebbero cosi aumentare la loro connettività cerebrale totale con l'effetto di stimolazione della nicotina e l'essere impulsivi potrebbe essere un fattore che spinge a fumare. I bevitori di alcool mostrano invece, un'alta connettività cerebrale, specialmente nella corteccia orbitofrontale mediale, regione implicata nella ricompensa e gratificazione. Questo suggerisce che l'alta connettività di questa regione cerebrale collegata alla ricompensa potrebbe essere il fattore che spinge alcuni individui al bere alcool.

Pubblicità

In modo importante, l'entità di questa connettività funzionale cambia nel cervello di chi fuma e beve e correla nel numero di alcool e nicotina consumato.Questo si può notare anche negli individui che fumano poche sigarette al giorno o bevono solo una volta al giorno. Un altro fattore chiave è che è possibile osservare la connettività già all'età di 14 anni in chi fuma ed a 19 in chi beve. Questo apre all'argomento della causalità nelle dipendenze. Il Professore Jianfeng Feng commenta: "Queste ricerche potrebbero avere implicazioni importanti sulla salute pubblica dei fumatori e bevitori di alcool del mondo. In accordo ad una investigazione di "WHO" ci sono più di 1,1 miliardi di persone che fumano tabacco nel mondo e più di 7 milioni di persone che muoiono ogni anno per aver fumato".

"Inoltre, 2,3 miliardi di persone al mondo sono bevitori di alcool, con più di un quarto di loro che bevono già all'età di 15-19 anni. Più di 3 milioni di persone muore all'anno come risultato di un consumo dannoso di alcool. Questi sono i dati che ci hanno spinto ad una comprensione maggiore delle basi neurologiche del fumare e bere e che forniscono anche nuove evidenze sui differenti meccanismi neurologici che sono collegati a questi due tipi di comportamenti umani di dipendenza, fumare e bere, e questo ci porta ad implicazioni nella prevenzione e trattamento di questi due usi di sostanze" ha concluso Feng.

 



Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: fuma alcool connettività nicotina news di psicologia tabacco fumare bere corteccia orbitofrontale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

News Letters

0
condivisioni