Pubblicità

Gli abbracci ci proteggono dai conflitti interpersonali

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1206 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

In accordo con le nuove ricerche, ricevere abbracci, un comune comportamento di supporto che gli individui utilizzano con gran parte dei loro partner sociali, si crede possa attutire i cambiamenti negativi del tono umorale correlati a conflitti interpersonali.

Abbracci

Le persone che usano più frequentemente il contatto interpersonale, hanno una migliore salute fisica e psicologica e delle migliori relazioni interpersonali.

Le ricerche hanno mostrato che i benefici dovuti al benessere del contatto interpersonale aiutano a proteggerci contro le conseguenze negative dei disagi psicologici ed il contatto tramite l'abbraccio potrebbe suscitare una particolare emozione protettrici dei conflitti interpersonali.

Questa ipotesi ha implicazioni potenziali importanti per la salute e per il benessere perché i conflitti con gli altri sono associati con un gran gruppo di disturbi psicologici e legati a conseguenze fisiche. Tuttavia la generalizzazione delle passate ricerche su questa tematica, è stata limitante perché gli studi si sono largamente focalizzati esclusivamente sul ruolo del contatto nelle relazioni amorose. Nel nuovo studio della Carnegie Mellon University, presente nel giornale PLoS ONE, i ricercatori Micheal Murphy e i suoi colleghi della Pittsburgh University, si sono focalizzati sullo studio degli abbracci.

Pubblicità

E' stato intervistato un campione di 404 adulti, ogni sera per 14 giorni consecutivi, chiedendo loro dei propri conflitti, del ricevere abbracci e dei sentimenti positivi o negativi a riguardo” ha spiegato l’autore dello studio Micheal Murphy .

I risultati hanno dimostrato che c’era un’interazione tra ricevere un abbraccio e l'esposizione ad un conflitto, tale che ricevere un abbraccio era associato ad un minor conflitto collegato ad una diminuzione del sentimento positivo, quando valutato contemporaneamente. “Ricevere abbracci era inoltre stato associato in prospettiva, con solo un minor incremento del conflitto correlato al sentimento negativo del giorno successivo, ma non con un aumento del sentimento positivo”.

Questi risultati concordano con l’ipotesi che gli abbracci ci proteggono dagli squilibri nell'umore negativo associati ad un vissuto di conflitto interpersonale.

Questa ricerca è solo al suo primo stadio di sviluppo” rivela il Dr. Murphy. “Noi abbiamo ancora delle domande su quando, come e perché gli abbracci risultano essere utili, suggerendo che gli abbracci consensuali potrebbero essere necessari per dare supporto a qualcuno, durante un conflitto relazionale”.

 

Tratto da Sci-News

 

(Traduzione ed adattamento a cura dell Dottoressa Giulia Inglese)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: conflitto news di psicologia abbracci interpersonale

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti conflittuali e inesprimibili attraverso...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters

0
condivisioni