Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

I disturbi alimentari nell’anziano

on . Postato in News di psicologia

Secondo la National Eating Disorders Association, i disturbi alimentari, tra cui anoressia nervosa, bulimia nervosa e binge eating, sono patologie psichiatriche caratterizzate dalla presenza di sentimenti estremi e comportamenti legati al peso e al cibo che possono mettere in pericolo la vita di chi ne soffre. Queste condizioni emergono generalmente durante l’adolescenza e nella prima età adulta, ma le persone di mezza età e gli anziani non sono immuni, soprattutto se non sono state risolte problematiche relative all’immagine corporea.

disturbi alimentari nell anziano

Una ricerca condotta nel 2012 ha mostrato come il 13% delle donne di mezza età e più anziane ha sperimentato sintomi di un disturbo alimentare nei precedenti cinque anni; il 70% stava cercando di perdere peso e per il 62% il peso ha influenzato negativamente la propria vita.

Come accade per i cambiamenti corporei dell’adolescenza, quelli geografici che avvengono durante la prima età adulta e quelli familiari e di carriera che possono verificarsi durante la mezza età, anche molte delle transizioni tipiche dell’età avanzata, come la pensione, i lutti in famiglia e tra gli amici, possono causare un disturbo alimentare. La presenza di svariati fattori stressanti durante questa fase della vita, infatti, lascia emergere il rinnovato desiderio di avere qualcosa da poter controllare.

Tuttavia, i disturbi alimentari sono difficili da identificare negli anziani, poiché molte condizioni più comuni legate all’età, come la perdita del gusto e la demenza e un accesso limitato alle risorse alimentari, possono causare problemi alimentari. Inoltre, i medici che lavorano con gli anziani sono stati educati a considerare i disturbi alimentari come la causa di sintomi quali debolezza, vertigini e disidratazione.

Individuare un disturbo alimentare in età avanzata può essere un problema, dal momento che il trattamento si differenzia da quello che si effettua per i disturbi alimentari in altre fasi della vita, anche se le conseguenze del deficit nutrizionale - un sistema immunitario debole, un lento recupero dalle ferite, ansia, deficit cognitivi, muscoli e ossa indeboliti e aumento del rischio di cadute – sono le stesse.

L’alimentazione non andrebbe trascurata in qualsiasi momento della vita, soprattutto quando si è anziani. Se avete qualche dubbio sulle abitudini alimentari di un anziano di vostra conoscenza, prendete in considerazione questi suggerimenti degli esperti:

 

1. Non saltare alle conclusioni.

Non date per scontato che un’inspiegabile perdita di peso o delle restrizioni alimentari siano la causa di un disturbo alimentare, prima di scavare più a fondo. Quando un anziano ha delle difficoltà a mangiare, è presente quasi sempre una causa medica alla base (effetti collaterali dei farmaci, limitazioni fisiche, barriere economiche, demenza, depressione, ecc).

Altri anziani, invece, possono mangiare meno a causa della riduzione della loro attività, una strategia per mantenere il proprio peso. Dall’altro lato, non bisogna dare per scontato che un anziano in sovrappeso possa avere un disturbo alimentare o problemi nutrizionali.

 

2. Approccio alla cura.

Il miglior modo di determinare la causa della perdita di peso è andare direttamente alla fonte. Provate, ad esempio, ad invitare una persona per un pasto e osservarne i potenziali ostacoli.

Si può scoprire che ci sono difficoltà legate alla preparazione del cibo, disinteresse per il cibo stesso o la paura di diventare grassi. Bisogna, inoltre, ricordare che gli anziani sono troppo orgogliosi per ammettere di avere difficoltà economiche o di non avere le forze per andare a fare la spesa.

 

3. Un trattamento è disponibile. E funziona.

A seconda della causa della perdita di peso o di declino nutrizionale, è possibile insegnare all’anziano nuove strategie per aiutarlo. Se, ad esempio, il cibo non ha un buon sapore come in passato, si consiglia la sperimentazione di spezie che contribuiscono a renderlo di nuovo gradevole.

Se, invece, l’anziano non mangia abbastanza perché depresso o affetto da demenza, il trattamento di questi disturbi può aiutare a migliorare le abitudini alimentari. Se il problema risiede nell’accesso alle risorse alimentari, possono risultare utili servizi di consegna dei pasti e se vi sono difficoltà nella preparazione del cibo, si può ricorrere a cibi precotti o attrezzature in grado di ridurre tali difficoltà.

Se, invece, si tratta di un disturbo alimentare, è necessario rivolgersi ad un professionista della salute mentale. Trattamenti come la terapia cognitivo – comportamentale è efficace con i disturbi alimentari, in ogni fascia d’età.

Ad esempio, la Dottoressa Margaret Maine, nel suo lavoro con le donne anziane che presentano disturbi alimentari, prima aiuta loro ad imparare che tale condizione è una patologia, non un difetto del carattere, poi lavora con loro per cambiare il modo di considerare il proprio corpo.

Istruire sul corpo è fondamentale, dal momento che molte donne non sono consapevoli, ad esempio, che il tessuto adiposo della pancia tende ad aumentare durante la menopausa ed è una forma di adattamento protettivo volto a sostituire alcuni degli estrogeni che stanno perdendo.

 

Tratto da: usnews

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

 

 

 

Tags: anziano disturbi alimentari

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sfogo... (1504940202677)

andrea, 30       Individuo probabilmente schizofrenico... all'età di tre anni la madre, esasperata dal rapporto con il padre cerca di soff...

blocchi mentali (1505330248387…

PASHINO, 42       Sono in terapia da quattro anni, ho avuto una vita molto difficile e di solitudine con genitori ciechi e una sorella anch...

DEPERSONALIZZAZIONE? (15044611…

Emanuele, 20       Salve, dopo un lungo periodo lavorativo all' estero in cui ho vissuto isolato dal mondo in un ranch in Australia (terra...

Area Professionale

Psicologo a scuola senza conse…

In merito ai fatti avvenuti ad Arezzo, coinvolgente la figura professionale dello psicologo e la cui presenza in aula a scopi valutativi senza consenso da parte...

Il Jobs Act Autonomi 2017: nov…

Il Jobs Act autonomi 2017, contenuto all'interno della precedente Legge di Stabilità del 2016, è in vigore dal 14 giugno 2017. Il disegno di legge prevede 21 ar...

Linee guida per le prestazioni…

LINEE GUIDA PER LE PRESTAZIONI PSICOLOGICHE VIA INTERNET E A DISTANZA Realizzate dalla Commissione ATTI TIPICI del CNOP le nuove linee guida per le prestazio...

Le parole della Psicologia

Masochismo

Deviazione sessuale di meta che spinge l'individuo a cercare l'eccitazione e il piacere solo attraverso la violenza fisica o morale che gli viene inflitta. Spes...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

News Letters