Pubblicità

I manager empatici sono bravi a valutare il gruppo di lavoro

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 212 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un nuovo esperimento mostra come l'abilità di valutare le reazioni degli altri sia molto importante.

manager news

Gli esperti hanno mostrato per la prima volta che un manager che legga le emozioni altrui possa formare migliori valutazioni del lavoro di gruppo.

I manager che sono naturalmente più in sintonia con le emozioni degli altri sono più in grado di giudicare quanto i piccoli gruppi collaborino tra di loro, anche quando i tempi di osservazione sono brevi.  Lo studio, "Thin Slices of Workgroups", della professoressa Patricia Satterstrom della New York University, è stato pubblicato sulla rivista accademica "Organizational Behaviour and Human Decision Processes".

Lo studio è il primo del suo genere a dimostrare che le persone possono esprimere giudizi accurati su come efficacemente i piccoli gruppi lavorino insieme - e riescono a farlo osservando solo da 10 a 30 secondi di interazioni di gruppo-.

I ricercatori della New York University, della Harvard Business School, di Exeter e di altri istituti hanno scoperto che chi è abile nel rilevare le emozioni negli altri è anche più bravo nel valutare l'efficacia dell'interazione di gruppo.

"Nell'attuale clima di lavoro, il tempo è spesso breve e lo sono anche le interazioni, e un manager potrebbe aver bisogno di unirsi brevemente ad una chiamata in conferenza o semplicemente di dare un'occhiata alla sessione di un gruppo che lavora insieme prima di dedicarsi ad altro lavoro, quindi è importante capire se ciò che interpretano durante quei brevi momenti è un ritratto accurato di ciò che sta realmente accadendo".

Pubblicità

"La nostra ricerca dimostra che, in gran parte, lo è" ha spiegato uno dei co-ricercatori, Oliver Hauser, docente universitario di economia presso Exeter. I ricercatori hanno creato 40 gruppi, ciascuno composto da quattro persone che sono state assegnate a un ruolo diverso con informazioni diverse.

I gruppi di lavoro sono stati videoregistrati mentre prendevano parte ad un compito decisionale di gruppo per assumere un nuovo direttore finanziario. La chiave per trovare il candidato migliore per la posizione richiedeva un lavoro di squadra efficace, come la condivisione delle informazioni disponibili e l'ascolto reciproco.

Alcuni gruppi erano più efficaci di altri e quindi riuscivano meglio a completare il compito del team. I ricercatori hanno quindi mostrato questi gruppi a centinaia di manager e hanno scoperto che la maggior parte, anche se non tutti, erano in grado di prevedere con precisione il successo o il fallimento dei gruppi.

"In tutti i settori, in particolare nel settore sanitario e scientifico, i team vengono utilizzati e messi in risalto come mai prima d'ora. La nostra ricerca suggerisce che, se decidete chi nominare come manager supervisore di queste squadre, sarete più abili nel tenere conto della sensibilità sociale delle persone" ha spiegato la Satterstrom, l'autrice principale dello studio.

I ricercatori, tuttavia, non hanno trovato alcuna prova a sostegno dell'idea che un "giudizio istintivo" di qualcuno su un gruppo fosse più accurato di una riflessione più consapevole. Invece, ciò che conta di più è se i manager possano giudicare con precisione gli stati emotivi di altre persone e le caratteristiche di gruppo come la fiducia in breve tempo.

 

 

Tratto da Sciencedaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Arianna Patriarca)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: emozioni manager news di psicologia gruppo lavoro di gruppo

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni