Pubblicità

Il caffè ci protegge dal declino cognitivo legato all'età

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 478 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il caffè è una delle bevande più consumate nel mondo con 500 miliardi di tazze consumate annualmente.

caffè

Un nuovo studio, pubblicato sul giornale Frontiers in Neuroscience, mostra come alcuni composti polifenolici trovati nel caffè possano inibire l'aggregazione di frammenti delle proteine beta-amiloide e tau presenti nell' Alzheimer e nel Parkinson.

Le bevande al caffè sono accessibili in una grande varietà di sapori, livello di tostatura ed anche con o senza caffeina. E' generalmente accettato che la caffeina ed il caffè con la caffeina elicitino miglioramenti a breve termini nell' attenzione, allerta e memoria, ma l'abilità di protezione contro il declino cognitivo legato all' età è meno chiaro. "Il consumo di caffè sembra essere in correlazione con un minor rischio di sviluppare Alzheimer e Parkinson" ha spiegato l'autore senior dello studio Dr. Donald Weaver, co-direttore del Krembil Brain Institute.

"Ma noi volevamo investigare perchè, quali composti ed in che misura fossero coinvolti nel declino cognitivo legato all' età. Il Dr. Weaver ed i colleghi ipotizzarono che i composti trovati nel caffè possano elicitare effetti neuroprotettivi grazie all'inibizione dell' aggregazione delle proteine beta-amiloidi, tau o alfa-sinucleina. Loro hanno investigato tre diversi tipi di caffè (caffè con tostatura chiara, caffè con tostatura scura e caffè decaffeinato con tostatura scura) e sei componenti del caffè (caffeina, acido clorogenico, acido chinico, acido caffeico, quercetina e fenilindane).

 

Pubblicità

 

"Il caffè con tostatura scura e quello decaffeinato con tostatura scura hanno entrambi le stesse quantità proteiche nel test iniziale. Cosi noi osservammo presto che l'effetto protettivo del caffè non era dovuto alla caffeina" ha spiegato il primo autore Dr. Ross Mancini del Krembil Brain Institute. "Poi abbiamo identificato la fenilindina, che emerge come il risultato del processo di tostatura per i chicchi di caffè. La fenilindina è unica poichè è il solo composto investigato nello studio che inibiva le proteine beta amiloide e la tau dai grumi.

"Cosi la fenilindina è un inibitore duale. Questo è stato molto interessante, soprattutto perchè non ce lo aspettavamo" spiega il Dr. Weaver. Poichè la tostaura porta a maggior quantità di fenilindina, il caffè con tostatura scura sembra avere effetti protettivi maggiori rispetto al caffè con tostatura chiara. "E' la prima volta che qualcuno ha investigato come la fenilindina interagisce con le proteine responsabili del Parkinson e dell'Alzheimer.

Il prossimo step dovrà essere quello di capire quali sono i benefici di questi composti, se hanno l'abilità di entrare nel sangue o attraversare la barriera ematica-cerebrale. Il fatto che questo sia un composto naturale e non sintetico ha anche un vantaggio maggiore poichè è possibile studiarlo in natura" ha concluso il Dr. Mancini.

 

 

Tratto da Sci-news

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: invecchiamento parkinson news di psicologia declino cognitivo caffè

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

News Letters

0
condivisioni