Pubblicità

L'autocontrollo infantile prevede il ritmo dell'invecchiamento

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 325 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Quando parliamo di autocontrollo facciamo riferimento a quelle capacità di gestione delle emozioni, azioni e pensieri che permettono ad ognuno di noi di entrare nelle relazioni sociali assai complesse e regolate. In uno studio, è stata indagata la relazione fra l'autocontrollo e il lento invecchiamento.

Lautocontrollo infantile prevede il ritmo dellinvecchiamento

Il molteplice sistema di autocontrollo interviene anche per l’interesse e il benessere dell’individuo, permettendo scelte non impulsive, di gestire il corso dei comportamenti necessari a raggiungere un determinato obiettivo, di resistere alle distrazioni, ai pensieri indesiderati e alle tentazioni presenti nell’ambiente.

Le capacità di autocontrollo si possono osservare sin da bambini all’interno delle relazioni con adulti e tra pari.

Uno studio longitudinale pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences, ha osservato un campione ampio ben 1.037 soggetti dalla nascita sino ai 45 anni di età.

L’obiettivo dello studio è stato comprendere l’esistenza della relazione fra autocontrollo infantile e ritmo di invecchiamento, dove per ritmo si intende la valutazione di determinati aspetti quali: valutazioni biologiche e fisiologiche, scansioni di immagini strutturali del cervello, valutazioni degli osservatori, autovalutazioni e valutazione dei documenti sulla capacità gestionale e amministrativa delle vite del campione.

Attraverso l’osservazione di studi precedenti, con lo stesso obiettivo di ricerca, è emerso che l'autocontrollo dei bambini è correlato alle loro circostanze socio-economiche e alla loro intelligenza. Sia la classe sociale che l'intelligenza sono state implicate nella durata della vita e della salute, infatti, sia la classe sociale che l'intelligenza sono state chiamate “cause fondamentali” della salute in età avanzata. La classe sociale è stata proposta come causa fondamentale perché influenza molteplici esiti di malattia attraverso svariati meccanismi, rappresenta l'accesso a risorse importanti e le sue associazioni con gli esiti di salute vengono mantenute anche quando i meccanismi intervenienti cambiano. L'intelligenza è stata concettualizzata come una causa fondamentale per ragioni simili.

Ciò che è emerso evidenzia che i bambini che hanno mostrato un maggiore autocontrollo, in termini di numero di occasioni osservate (a scuola, con i coetanei, etc.), hanno mostrato un invecchiamento che potremmo definire ‘più lento’ in età adulta, con previsioni positive per l'età avanzata.

Pubblicità

Rispetto alle condizioni “fondamentali” di classe sociale e intelligenza, intese come correlazioni importanti al vaglio di una ricerca di questo tipo, rimangono aspetti sui quali si potrà indagare nelle ricerche future, anche se non hanno avuto una forte rilevanza in questo studio.

Nell’articolo si osserva che “è noto che un maggiore autocontrollo prevede la longevità. I nostri risultati suggeriscono che i giovani con un migliore autocontrollo non solo vivono più a lungo, ma invecchiano anche più lentamente da adulti e sono meglio preparati verso la mezza età a gestire il processo di invecchiamento. In questo studio prospettico di cinque decenni su una coorte di nascita rappresentativa della popolazione, i bambini che hanno esercitato un migliore controllo sulle proprie emozioni, pensieri e comportamenti in seguito hanno sperimentato un calo del corpo legato all'età meno, hanno mostrato meno segni di invecchiamento cerebrale, sono stati più attenti alla pratica di informazioni sanitarie e finanziarie, erano più coerenti nell'attuazione di comportamenti sanitari e finanziari positivi, mostravano atteggiamenti e aspettative più positivi nei confronti dell'invecchiamento, erano più integrati socialmente ed erano più soddisfatti della vita.”

Gli adulti, che avevavo mostrato un bagaglio di un maggiore autocontrollo infantile, mostravano meno segni di invecchiamento cerebrale, avevano volti dall'aspetto più giovane, camminavano più velocemente ed erano più dotati nel saper gestire le esigenze sanitarie, finanziarie e sociali delle loro vite.

 

Riferimento:

  • Childhood self-control forecasts the pace of midlife aging and preparedness for old age. Leah S. Richmond-Rakerd, Avshalom Caspi, Antony Ambler, Tracy d’Arbeloff, Marieke de Bruine, Elliott, HonaLee Harrington, Sean Hogan, Renate M. Houts, David Ireland, Ross Keenan, Annchen R. Knodt, Tracy R. Melzer, Sena Park, Richie Poulton, Sandhya Ramrakha, Line Jee Hartmann Rasmussen, Elizabeth Sack, Adam T. Schmidt, Maria L. Sison, Jasmin Wertz, Ahmad R. Hariri, andTerrieE.Moffitt. PNAS January 19, 2021 118 (3) e2010211118; https://doi.org/10.1073/pnas.2010211118. APA 2020.

 

 

(a cura della dott.ssa Assunta Giuliano)

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: invecchiamento bambini, autocontrollo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Psicologia professione sanitar…

di Catello Parmentola La Legge 3-2018 ha configurato la Psicologia come professione sanitaria ma la questione ha una complessità culturale ed epistemologica ch...

Le parole della Psicologia

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

News Letters

0
condivisioni