Pubblicità

Il ruolo della "Feeling fat" nei disturbi alimentari

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 429 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

La sensazione di essere grassi: cos'è e come affrontarla.

Il ruolo della

La sensazione di essere grassi è un'esperienza riportata da molte persone, in particolare le donne, ma l'intensità e la frequenza di questa sensazione sembrano essere molto maggiori tra quelle con disturbi alimentari, che siano sottopeso, peso normale o sovrappeso. Ci sono state pochissime ricerche sulla "feeling fat" nei disturbi alimentari; in effetti, è stato scritto molto poco al riguardo, sebbene il termine sia usato in molte lingue in tutto il mondo.

Sentirsi grassi non è un'emozione (cioè essere felice, triste, impaurito, sorpreso o arrabbiato) o una sensazione fisica (cioè sentirsi pieno o gonfio), ma fluttua di intensità di giorno in giorno e persino nell'arco dello stesso giorno, mentre il reale peso corporeo è più stabile.

La sensazione di essere grassi, dalla lente della teoria cognitivo-comportamentale per i disturbi alimentari, sembra spesso il risultato dell'etichetta errata di certe emozioni ed esperienze corporee.

È un obiettivo importante per il trattamento poiché tende ad essere equiparato all'essere grasso, qualunque sia il vero peso e la forma dell'individuo.

Perché ciò accada non è noto, ma potrebbe essere una conseguenza della lunga e grave preoccupazione per il peso nelle persone con disturbi alimentari.

A sua volta, la sensazione di essere grassi rafforza l'insoddisfazione e sollecita la dieta, e quindi deve essere affrontata.

L'importante ruolo della "feeling fat" nel mantenimento dei disturbi alimentari è stato supportato da alcuni studi che mostrano un'associazione tra la sua intensità di base e il raggiungimento del peso normale a 6 e 12 mesi dopo i trattamenti sia negli adulti che negli adolescenti con anoressia nervosa.

La terapia cognitivo-comportamentale potenziata (CBT-E), un trattamento raccomandato dalle principali linee guida internazionali per adulti e adolescenti con disturbi alimentari, affronta la sensazione di grasso all'interno del modulo “Body Image” con le seguenti strategie e procedure.

Pubblicità

In primo luogo, i pazienti vengono aiutati a capire che la sensazione di grasso varia di giorno in giorno e durante il giorno, mentre la forma del corpo cambia a malapena in un lasso di tempo così breve.

Pertanto, è probabile che qualcos'altro sia responsabile delle fluttuazioni deelle sensazioni di essere grassi.

In effetti, sentirsi grassi sembra derivare da un'etichetta errata di alcune esperienze:

  • Consapevolezza del corpo (in coloro che sono insoddisfatti del proprio aspetto)
  • Stati fisici avversi
  • Stati emotivi avversi

In secondo luogo, i pazienti vengono educati a identificare le esperienze che innescano la sensazione di essere grassi e ad affrontarle direttamente.
Nel tempo, ciò si traduce in pazienti che non identificano più il sentirsi grassi con l'essere grassi e cessa di essere un meccanismo di mantenimento.

La strategia prevede tre passaggi:

  • Identificazione dei periodi di "punta" per la sensazione di essere grassi
  • Identificazione dei fattori scatenanti
  • Indirizzare direttamente i trigger

I pazienti sono incoraggiati a porsi, subito dopo ogni picco, le seguenti due domande:

"È successo qualcosa nell'ultima ora che potrebbe aver innescato la mia sensazione di essere grasso?"
"Cos'altro sto provando in questo momento (oltre a sentirmi grasso)?"

Quindi i pazienti vengono aiutati a determinare il modo migliore per affrontare questi trigger direttamente e immediatamente; ecco alcuni esempi di come farlo:

  • Innesco di una maggiore consapevolezza del corpo (ad esempio, commenti sull'aspetto, controllo del corpo, contatto fisico, sudore, oscillazioni del corpo, indumenti stretti).Questi richiedono una rivalutazione con o senza cambiamento del comportamento (ad esempio, vestiti più larghi) e una continua focalizzazione sull'affrontare l'immagine del corpo.
  • Innesco dello stato fisico avverso (ad es. Sensazione di gonfiore, periodo premestruale, sazietà, postumi di una sbornia o essere assonnato).
    Richiede una nuova valutazione con o senza cambio di comportamento (ad esempio, fare un pisolino).
  • Innesco dello stato emotivo avverso (ad esempio, sentirsi depresso, solo, annoiato, non amato). Richiede la rivalutazione e l'applicazione della procedura di risoluzione dei problemi.

Durante questo periodo, la frequenza e l'intensità della "feeling fat" generalmente diminuisce gradualmente e i pazienti diventano in grado di smettere di equipararla all'essere grassi.

Una volta che ciò accade, la sensazione di essere grassi perde la sua potenza nel rafforzare i problemi sulla forma fisica dei pazienti.

 

References:

  1. Calugi, & Dalle Grave. (2019). Body image concern and treatment outcomes in adolescents with anorexia nervosa. International Journal of Eating Disorders, 52(5), 582-585. doi:10.1002/eat.23031
  2. Calugi, El Ghoch, Conti, & Dalle Grave. (2018). Preoccupation with shape or weight, fear of weight gain, feeling fat and treatment outcomes in patients with anorexia nervosa: A longitudinal study. Behaviour Research and Therapy, 105, 63-68. doi:undefined
  3. Dalle Grave, & Calugi. (2020). Cognitive behavior therapy for adolescents with eating disorders. New York: Guilford Press

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 
 

Tags: terapia cognitivo-comportamentale disturbi del comportamento alimentare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Frotteurismo

Il Frotteurismo è una parafilia consistente nell’impulso di toccare e strofinarsi contro persone non consenzienti, al fine di conseguire l’eccitazione e il piac...

Psicodramma

Lo Psicodramma è la più antica terapia di gruppo.   Lo psichiatra Jacov Levi Moreno (1889-1974) in un suo lavoro giovanile (1911) e in un suo scritto sul...

News Letters

0
condivisioni