Pubblicità

Il ruolo della "Feeling fat" nei disturbi alimentari

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 686 volte

4.5 1 1 1 1 1 Votazione 4.50 (2 Voti)

La sensazione di essere grassi: cos'è e come affrontarla.

Il ruolo della

La sensazione di essere grassi è un'esperienza riportata da molte persone, in particolare le donne, ma l'intensità e la frequenza di questa sensazione sembrano essere molto maggiori tra quelle con disturbi alimentari, che siano sottopeso, peso normale o sovrappeso. Ci sono state pochissime ricerche sulla "feeling fat" nei disturbi alimentari; in effetti, è stato scritto molto poco al riguardo, sebbene il termine sia usato in molte lingue in tutto il mondo.

Sentirsi grassi non è un'emozione (cioè essere felice, triste, impaurito, sorpreso o arrabbiato) o una sensazione fisica (cioè sentirsi pieno o gonfio), ma fluttua di intensità di giorno in giorno e persino nell'arco dello stesso giorno, mentre il reale peso corporeo è più stabile.

La sensazione di essere grassi, dalla lente della teoria cognitivo-comportamentale per i disturbi alimentari, sembra spesso il risultato dell'etichetta errata di certe emozioni ed esperienze corporee.

È un obiettivo importante per il trattamento poiché tende ad essere equiparato all'essere grasso, qualunque sia il vero peso e la forma dell'individuo.

Perché ciò accada non è noto, ma potrebbe essere una conseguenza della lunga e grave preoccupazione per il peso nelle persone con disturbi alimentari.

A sua volta, la sensazione di essere grassi rafforza l'insoddisfazione e sollecita la dieta, e quindi deve essere affrontata.

L'importante ruolo della "feeling fat" nel mantenimento dei disturbi alimentari è stato supportato da alcuni studi che mostrano un'associazione tra la sua intensità di base e il raggiungimento del peso normale a 6 e 12 mesi dopo i trattamenti sia negli adulti che negli adolescenti con anoressia nervosa.

La terapia cognitivo-comportamentale potenziata (CBT-E), un trattamento raccomandato dalle principali linee guida internazionali per adulti e adolescenti con disturbi alimentari, affronta la sensazione di grasso all'interno del modulo “Body Image” con le seguenti strategie e procedure.

Pubblicità

In primo luogo, i pazienti vengono aiutati a capire che la sensazione di grasso varia di giorno in giorno e durante il giorno, mentre la forma del corpo cambia a malapena in un lasso di tempo così breve.

Pertanto, è probabile che qualcos'altro sia responsabile delle fluttuazioni deelle sensazioni di essere grassi.

In effetti, sentirsi grassi sembra derivare da un'etichetta errata di alcune esperienze:

  • Consapevolezza del corpo (in coloro che sono insoddisfatti del proprio aspetto)
  • Stati fisici avversi
  • Stati emotivi avversi

In secondo luogo, i pazienti vengono educati a identificare le esperienze che innescano la sensazione di essere grassi e ad affrontarle direttamente.
Nel tempo, ciò si traduce in pazienti che non identificano più il sentirsi grassi con l'essere grassi e cessa di essere un meccanismo di mantenimento.

La strategia prevede tre passaggi:

  • Identificazione dei periodi di "punta" per la sensazione di essere grassi
  • Identificazione dei fattori scatenanti
  • Indirizzare direttamente i trigger

I pazienti sono incoraggiati a porsi, subito dopo ogni picco, le seguenti due domande:

"È successo qualcosa nell'ultima ora che potrebbe aver innescato la mia sensazione di essere grasso?"
"Cos'altro sto provando in questo momento (oltre a sentirmi grasso)?"

Quindi i pazienti vengono aiutati a determinare il modo migliore per affrontare questi trigger direttamente e immediatamente; ecco alcuni esempi di come farlo:

  • Innesco di una maggiore consapevolezza del corpo (ad esempio, commenti sull'aspetto, controllo del corpo, contatto fisico, sudore, oscillazioni del corpo, indumenti stretti).Questi richiedono una rivalutazione con o senza cambiamento del comportamento (ad esempio, vestiti più larghi) e una continua focalizzazione sull'affrontare l'immagine del corpo.
  • Innesco dello stato fisico avverso (ad es. Sensazione di gonfiore, periodo premestruale, sazietà, postumi di una sbornia o essere assonnato).
    Richiede una nuova valutazione con o senza cambio di comportamento (ad esempio, fare un pisolino).
  • Innesco dello stato emotivo avverso (ad esempio, sentirsi depresso, solo, annoiato, non amato). Richiede la rivalutazione e l'applicazione della procedura di risoluzione dei problemi.

Durante questo periodo, la frequenza e l'intensità della "feeling fat" generalmente diminuisce gradualmente e i pazienti diventano in grado di smettere di equipararla all'essere grassi.

Una volta che ciò accade, la sensazione di essere grassi perde la sua potenza nel rafforzare i problemi sulla forma fisica dei pazienti.

 

References:

  1. Calugi, & Dalle Grave. (2019). Body image concern and treatment outcomes in adolescents with anorexia nervosa. International Journal of Eating Disorders, 52(5), 582-585. doi:10.1002/eat.23031
  2. Calugi, El Ghoch, Conti, & Dalle Grave. (2018). Preoccupation with shape or weight, fear of weight gain, feeling fat and treatment outcomes in patients with anorexia nervosa: A longitudinal study. Behaviour Research and Therapy, 105, 63-68. doi:undefined
  3. Dalle Grave, & Calugi. (2020). Cognitive behavior therapy for adolescents with eating disorders. New York: Guilford Press

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 
 

Tags: terapia cognitivo-comportamentale disturbi del comportamento alimentare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Efefilia

Fa parte delle parafilie, nota anche come "feticismo della stoffa". Si tratta di una perversione che consiste nel provare piacere sessuale nel toccare vari tipi...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters

0
condivisioni