Pubblicità

L'attivazione cerebrale delle madri al pianto dei bambini

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 4940 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (9 Voti)

In uno studio su delle madri di 11 diversi paesi, è stato evidenziato che, il pianto dei bambini era in grado di attivare regioni cerebrali specifiche legate al movimento ed al linguaggio. Dai risultati di questo studio, è emerso che i comportamenti e le attività cerebrali sottostanti le risposte delle madri al pianto dei bambini sono state coerenti nonostante le differenti culture di appartenenza delle stesse.

piantobambinoIl pianto dei bambini attiva regioni cerebrali specifiche legate al movimento ed al linguaggio, secondo uno studio del National Institutes of Health condotto su delle madri in 11 differenti paesi.

I risultati, ottenuti dai ricercatori dell'NIH, Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD), hanno identificato che i comportamenti e le attività cerebrali sottostanti utilizzate, sono le medesime anche se le madri appartengono a diverse culture.

La comprensione di questi fattori potrebbe aiutare i professionisti per meglio identificare e trattare tutti quei comportamenti a rischio dei "caregivers", come il maltrattamento sui minori od altri comportamenti problematici.

Il team di ricercatori ha quindi condotto una serie di studi comportamentali e di brain imaging utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI). In un gruppo di 684 neo-mamme in Argentina, Belgio, Brasile, Camerun, Francia, Israele, Italia, Giappone, Kenya, Corea del Sud e Stati Uniti, i ricercatori hanno osservato e registrato un'ora di interazione tra le madri ed i loro bambini di 5 mesi, a casa.

Pubblicità

 Il team ha inoltre, analizzato come le madri rispondevano al pianto del proprio figlio attraverso differenti comportamenti: affetto, distrazione, rispondendo ai bisogni fisiologici primari (come il nutrimento o il  cambio del pannolino), prendendoli in braccio ed abbracciandoli, o parlandogli. Indipendentemente da quale paese provenivano, le madri si è potuto osservare che il comportamento maggiormente utilizzato in generale era quello di prendere in braccio e tenere stretto a sè o parlare con il bambino che piangeva.

Attraverso nuovi studi con l’fMRI su altri gruppi di donne, il team di ricerca ha poi scoperto che il pianto dei bambini attivava regioni cerebrali simili sia nelle neo-mamme che nelle madri che avevano già avuto dei figli in precedenza: l'area motoria supplementare, associata all'intenzione di muoversi e di parlare; le regioni inferiori frontali, che sono coinvolte nella produzione del parlato; e le regioni temporali superiori che sono collegate all’elaborazione dei suoni.

Nel complesso, i risultati suggeriscono che le risposte delle madri al pianto dei neonati sono le medesime e quindi generalizzabili in tutte le culture. Lo studio si è basato infine, anche su lavori precedenti che dimostrano che i cervelli delle donne e degli uomini rispondono in modo diverso al pianto dei bambini.

 

Tratto da Science Daily

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: linguaggio bambini, pianto madri news di psicologia comportenti; movimento;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Efefilia

Fa parte delle parafilie, nota anche come "feticismo della stoffa". Si tratta di una perversione che consiste nel provare piacere sessuale nel toccare vari tipi...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni