Pubblicità

L'attivazione cerebrale delle madri al pianto dei bambini

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 5408 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (9 Voti)

In uno studio su delle madri di 11 diversi paesi, è stato evidenziato che, il pianto dei bambini era in grado di attivare regioni cerebrali specifiche legate al movimento ed al linguaggio. Dai risultati di questo studio, è emerso che i comportamenti e le attività cerebrali sottostanti le risposte delle madri al pianto dei bambini sono state coerenti nonostante le differenti culture di appartenenza delle stesse.

piantobambinoIl pianto dei bambini attiva regioni cerebrali specifiche legate al movimento ed al linguaggio, secondo uno studio del National Institutes of Health condotto su delle madri in 11 differenti paesi.

I risultati, ottenuti dai ricercatori dell'NIH, Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD), hanno identificato che i comportamenti e le attività cerebrali sottostanti utilizzate, sono le medesime anche se le madri appartengono a diverse culture.

La comprensione di questi fattori potrebbe aiutare i professionisti per meglio identificare e trattare tutti quei comportamenti a rischio dei "caregivers", come il maltrattamento sui minori od altri comportamenti problematici.

Il team di ricercatori ha quindi condotto una serie di studi comportamentali e di brain imaging utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI). In un gruppo di 684 neo-mamme in Argentina, Belgio, Brasile, Camerun, Francia, Israele, Italia, Giappone, Kenya, Corea del Sud e Stati Uniti, i ricercatori hanno osservato e registrato un'ora di interazione tra le madri ed i loro bambini di 5 mesi, a casa.

Pubblicità

 Il team ha inoltre, analizzato come le madri rispondevano al pianto del proprio figlio attraverso differenti comportamenti: affetto, distrazione, rispondendo ai bisogni fisiologici primari (come il nutrimento o il  cambio del pannolino), prendendoli in braccio ed abbracciandoli, o parlandogli. Indipendentemente da quale paese provenivano, le madri si è potuto osservare che il comportamento maggiormente utilizzato in generale era quello di prendere in braccio e tenere stretto a sè o parlare con il bambino che piangeva.

Attraverso nuovi studi con l’fMRI su altri gruppi di donne, il team di ricerca ha poi scoperto che il pianto dei bambini attivava regioni cerebrali simili sia nelle neo-mamme che nelle madri che avevano già avuto dei figli in precedenza: l'area motoria supplementare, associata all'intenzione di muoversi e di parlare; le regioni inferiori frontali, che sono coinvolte nella produzione del parlato; e le regioni temporali superiori che sono collegate all’elaborazione dei suoni.

Nel complesso, i risultati suggeriscono che le risposte delle madri al pianto dei neonati sono le medesime e quindi generalizzabili in tutte le culture. Lo studio si è basato infine, anche su lavori precedenti che dimostrano che i cervelli delle donne e degli uomini rispondono in modo diverso al pianto dei bambini.

 

Tratto da Science Daily

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: linguaggio bambini, pianto madri news di psicologia comportenti; movimento;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

News Letters

0
condivisioni