Pubblicità

L'attivazione cerebrale delle madri al pianto dei bambini

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 4732 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (8 Voti)

In uno studio su delle madri di 11 diversi paesi, è stato evidenziato che, il pianto dei bambini era in grado di attivare regioni cerebrali specifiche legate al movimento ed al linguaggio. Dai risultati di questo studio, è emerso che i comportamenti e le attività cerebrali sottostanti le risposte delle madri al pianto dei bambini sono state coerenti nonostante le differenti culture di appartenenza delle stesse.

piantobambinoIl pianto dei bambini attiva regioni cerebrali specifiche legate al movimento ed al linguaggio, secondo uno studio del National Institutes of Health condotto su delle madri in 11 differenti paesi.

I risultati, ottenuti dai ricercatori dell'NIH, Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD), hanno identificato che i comportamenti e le attività cerebrali sottostanti utilizzate, sono le medesime anche se le madri appartengono a diverse culture.

La comprensione di questi fattori potrebbe aiutare i professionisti per meglio identificare e trattare tutti quei comportamenti a rischio dei "caregivers", come il maltrattamento sui minori od altri comportamenti problematici.

Il team di ricercatori ha quindi condotto una serie di studi comportamentali e di brain imaging utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI). In un gruppo di 684 neo-mamme in Argentina, Belgio, Brasile, Camerun, Francia, Israele, Italia, Giappone, Kenya, Corea del Sud e Stati Uniti, i ricercatori hanno osservato e registrato un'ora di interazione tra le madri ed i loro bambini di 5 mesi, a casa.

Pubblicità

 Il team ha inoltre, analizzato come le madri rispondevano al pianto del proprio figlio attraverso differenti comportamenti: affetto, distrazione, rispondendo ai bisogni fisiologici primari (come il nutrimento o il  cambio del pannolino), prendendoli in braccio ed abbracciandoli, o parlandogli. Indipendentemente da quale paese provenivano, le madri si è potuto osservare che il comportamento maggiormente utilizzato in generale era quello di prendere in braccio e tenere stretto a sè o parlare con il bambino che piangeva.

Attraverso nuovi studi con l’fMRI su altri gruppi di donne, il team di ricerca ha poi scoperto che il pianto dei bambini attivava regioni cerebrali simili sia nelle neo-mamme che nelle madri che avevano già avuto dei figli in precedenza: l'area motoria supplementare, associata all'intenzione di muoversi e di parlare; le regioni inferiori frontali, che sono coinvolte nella produzione del parlato; e le regioni temporali superiori che sono collegate all’elaborazione dei suoni.

Nel complesso, i risultati suggeriscono che le risposte delle madri al pianto dei neonati sono le medesime e quindi generalizzabili in tutte le culture. Lo studio si è basato infine, anche su lavori precedenti che dimostrano che i cervelli delle donne e degli uomini rispondono in modo diverso al pianto dei bambini.

 

Tratto da Science Daily

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: linguaggio bambini, pianto madri news di psicologia comportenti; movimento;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

News Letters

0
condivisioni