Pubblicità

La diffidenza nelle esperienze passate e sintomi ossessivo-compulsivi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 352 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Nuove scoperte potrebbero aiutare i pazienti e i fornitori di cure a comprendere comportamenti apparentemente irrazionali

Le persone con sintomi ossessivo-compulsivi più elevati possono essere più diffidenti rispetto alle loro esperienze passate, portando ad una maggiore incertezza, indecisione e comportamenti esplorativi, secondo una nuova ricerca presentata in PLOS Computational Biology di Isaac Fradkin della Hebrew University of Jerusalem, Israel, and colleagues.


Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è caratterizzato da pensieri, impulsi o immagini invadenti che causano marcato disagio e rituali comportamentali o mentali ripetitivi.

Ad esempio, dopo aver spento le luci, una persona con disturbo ossessivo compulsivo può facilmente essere incerta se le luci sono spente e tornare ripetutamente per controllare. Tale comportamento potrebbe riflettere difficoltà nel fidarsi dell'esperienza acquisita, portando a un'eccessiva necessità di raccogliere prove aggiornate.

Per verificare tale ipotesi, Fradkin e colleghi hanno chiesto a 58 persone con diversi livelli di sintomi ossessivo-compulsivi di completare un compito decisionale in cui dovevano bilanciare il peso assegnato all'esperienza precedente con il peso attribuito a osservazioni più recenti.

Definendo il processo decisionale con una serie di equazioni matematiche, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che i partecipanti con sintomi ossessivo-compulsivi più elevati tendevano effettivamente a diffidare dell'esperienza passata, portando a una costante esperienza dell'ambiente imprevedibile.

Pubblicità

Questi partecipanti erano anche meno in grado di prevedere il feedback ricevuto per le loro scelte, tanto da essere sia più sorpresi dal feedback prevedibile che meno sorpresi dal feedback imprevedibile.

"I nostri risultati evidenziano un nuovo quadro per la comprensione del processo cognitivo e computazionale che provoca sintomi ossessivi compulsivi", ha detto Fradkin. "I risultati sono anche in netto contrasto con il preconcetto comune del disturbo ossessivo compulsivo come caratterizzato da un comportamento inflessibile, distinto dall'eccessiva dipendenza dall'esperienza passata."

A differenza di altre ricerche sul DOC che si sono concentrate su incertezza, dubbi e indecisione, questo studio ha esaminato un processo più specifico e ben definito che potrebbe essere definito matematicamente.

Le nuove scoperte potrebbero contribuire allo sviluppo di modelli computazionali che delineano i meccanismi esatti che portano a specifici sintomi clinici, potenzialmente informando la progettazione di nuovi trattamenti per il DOC.

 

Reference

Isaac Fradkin, Casimir Ludwig, Eran Eldar, Jonathan D. Huppert. Doubting what you already know: Uncertainty regarding state transitions is associated with obsessive compulsive symptoms. PLOS Computational Biology, 2020; 16 (2): e1007634 DOI: 10.1371/journal.pcbi.1007634

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: doc sintomi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni