Pubblicità

La durata del sonno infantile legata a depressione materna

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 675 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Le ricerche hanno mostrato che le madri che hanno avuto esperienze di depressione prenatale o parto cesareo potrebbero influenzare la durata e la qualità del sonno dei loro figli.

sonno news depressione

Lo studio ha analizzato i dati di genitori Canadesi e scoperto che il minor sonno dei loro figli a 3 mesi di età era presente nelle madri che non avevano ottenuto una laurea all'università, mentre avevano avuto esperienze di depressione durante la gravidanza oppure avevano avuto un parto cesareo di emergenza.

Lo studio ha esaminato le associazioni tra il livello di isturuzione nelle madri, i livelli di depressione prenatale, il tipo di parto e la durata del sonno dei figli. Lo studio è stato pubblicato sul giornale "Sleep Medicine". E' stato scoperto che i neonati nati da madri senza una laurea dormivano in media 14 ore al giorno, 23 minuti in meno rispetto ai neonati di madri con una laurea. Nell'articolo sono presenti delle linee guida della Sleep National Foundation che stipula una media di 14-17 ore di sonno al giorno a tre mesi di età.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 619 neonati e le loro madri hanno partecipato allo studio "AllerGen's CHILD Cohort Study" - un gruppo di studio nazionale sulle nascite che raccoglie una vasta gamma di informazioni sulla salute, sullo stile di vita e sull'influenza genetica ed ambientale di quasi 3.500 bambini e delle loro famiglie dal periodo di gravidanza fino all'adolescenza.

"Il sonno influenza la crescita, l'apprendinento e lo sviluppo emotivo del bambino ed è una delle preocupazioni più comuni dei nuovi genitori. Alcune ricerche precedenti hanno collegato lo status socioeconomico delle madri ed il livello d'istruzione alla minore durata del sonno infantile. Il nostro studio ha rivelato che il 30% dell'effetto dell'educazione materna sulla durata del sonno infantile è effettivamente spiegato dalla depressione prenatale di una madre cosi come dal tipo di parto" ha spiegato Piusht Mandhane, autore dello studio e professore associato di Psichiatria alla University of Alberta.

In particolare i ricercatori hanno scoperto che le madri senza diploma universitario hanno un rischio significativamente più elevato di sviluppare sintomi di depressione durante i periodi pre e post-natale, o solo nel periodo prenatale, rispetto alle donne con una laurea. Ci sono diverse possibili spiegazioni per l'assocciazione tra la depresione materna e sonno infantile secondo l'autrice dello studio e professoressa di pediatria alla University of Alberta Anita Kozyrskyj:" Le madri in difficoltà tendono ad avere problemi di sonno durante la gravidanza, questo può essere trasmesso al feto attraverso il ritmo circadiano dell'orologio interno della madre e dai livelli di melatonina.

Pubblicità

I parti cesarei e la depressione materna causano livelli elevati di cortisolo che, a sua volta, determinano una risposta esagerata di stress nei neonati che influisce negativamente sulla durata e qualità del loro sonno". Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i bambini nati con parto cesareo di emergenza dormivano circa un'ora meno rispetto ai neonati nati con parto naturale. "Questo è stato un risultato interessante poichè non avevamo previsto un'associazione tra un minore sonno ed il tipo di parto.

Siamo ancora ad uno stadio precoce nella comprensione dei meccanismi biologici, ma il nostro studio suggerisce che la depressione prenatale e la modalità di nascita devono essere oggetti di ulteriori studi dai professionisti dell'assistenza sanitaria per migliorare la durata del sonno infantile. Le madri che manifestano depressione o che hanno avuto un parto cesareo d'emergenza devono essere supportate in modo tale che i problemi di sonno infantile non persistano nell'infanzia" ha spiegato la prima autrice Brittany Matenchuk, tirocinante alla AllerGen e studentessa al Master formativo della University of Alberta.

Secondo il team di ricerca, gli studi precedenti hanno dimostrato che il sonno ha un grande impatto sullo sviluppo emotivo, cognitivo e comportamentale del bambino. "Noi abbiamo bisogno di sostenere le mamme prima della nascita dei bambini. Dovrebbero essere istituiti dei progetti di prevenzione per far capire ai genitori l'importanza di un sonno sano delle madri, che ha effetto anche sui loro figli" ha concluso Mandhane.

 

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Arianna Patriarca)

 



Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione sonno parto depressione post-partum news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Depressione

Corpo e depressione

La depressione è come un collasso interno, un morire dentro, emotivamente e psicologicamente, e questo spiega perché è spesso accompagnata da pensieri, azioni o sentimenti suicidi. Questa relazione...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Ansia

L’ansia è una sensazione soggettiva caratterizzata da un senso spiacevole di apprensione e preoccupazione spesso accompagnata da sintomi fisici di tipo autonomi...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

News Letters

0
condivisioni