Pubblicità

Le donne ora sono considerate uguali o più competenti degli uomini

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1206 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Le donne hanno fatto molta strada negli Stati Uniti negli ultimi 70 anni, al punto che ora sono viste competenti come gli uomini, se non di più, secondo le ricerche pubblicate dall'American Psychological Association.

competenze donne uomini

"Sfidando le tradizionali affermazioni secondo cui gli stereotipi di donne e uomini sono fissi o rigidi, il nostro studio si unisce ad altri, nel trovare stereotipi flessibili ai cambiamenti nei ruoli sociali," ha affermato Alice Eagly, PhD, della Northwestern University e autrice principale dello studio. "Poichè i ruoli delle donne e degli uomini sono cambiati dalla metà del 20 º secolo, così esistono credenze circa i loro attributi."


La ricerca è stata pubblicata in American Psychologist. Eagly e i suoi coautori hanno condotto una meta-analisi di 16 sondaggi di opinione pubblica rappresentativi a livello nazionale che coinvolgono più di 30.000 adulti statunitensi, dal 1946 al 2018.

Hanno osservato tre tipi di tratti: comunione (cioè, compassione, sensibilità), agenzia (cioè, ambizione, aggressione), e competenza (cioè, intelligenza, creatività), e se i partecipanti pensavano che ogni tratto fosse più vero per le donne o per gli uomini o ugualmente vero per entrambi.

Gli stereotipi di competenza sono cambiati radicalmente nel tempo. Per esempio, in un sondaggio del 1946, solo il 35% degli intervistati pensava che gli uomini e le donne erano ugualmente intelligenti, e di coloro che credevano che ci fosse una differenza, maggiormente gli uomini pensavano di essere il sesso più competente.

Al contrario, in un sondaggio del 2018, l'86% riteneva che uomini e donne fossero ugualmente intelligenti, il 9% credeva che le donne fossero più intelligenti e solo il 5% credeva che gli uomini fossero più intelligenti.

Gli stereotipi comuni che vedono le donne come più compassionevoli e sensibili rispetto agli uomini si sono rafforzati nel tempo. Al contrario, gli stereotipi di "agenzia" che considerano gli uomini più ambiziosi e aggressivi delle donne non sono cambiati significativamente nel tempo.

"Questi stereotipi attuali dovrebbero favorire l'occupazione femminile perché la "competenza" è, naturalmente, un requisito lavorativo per tutte le posizioni. Inoltre, i lavori premiano sempre più le competenze sociali, rendendo la maggiore "comunione" delle donne un ulteriore vantaggio", ha detto Eagly.

Pubblicità


"Da un punto di vista meno positivo, la maggior parte dei ruoli di leadership richiedono più 'agenzia' che 'comunione'. Pertanto, la minore 'agenzia' attribuita alle donne rispetto agli uomini è uno svantaggio rispetto alle posizioni di leadership."

Eagly ha teorizzato che il notevole cambiamento delle credenze di competenza deriva, in parte, dal cambiamento dei ruoli di uomini e donne. La partecipazione delle donne alla forza lavoro è aumentata dal 32% nel 1950 al 57% nel 2018, mentre la partecipazione degli uomini è scesa dall'82% al 69%. Le donne ora conseguono più lauree, master e dottorati rispetto agli uomini, a differenza di decenni fa.

"La nostra interpretazione di questi risultati è che la crescente partecipazione delle donne alla forza lavoro e l'istruzione, sono alla base dell'aumento della loro competenza percepita, ma che la segregazione professionale e la divisione dei ruoli domestici sono alla base dei risultati per la comunione e l'agenzia", ha affermato.

I posti di lavoro delle donne sono rimasti concentrati in professioni che premiano le competenze sociali o offrono un contributo alla società. Secondo Eagly, le donne dedicano inoltre circa il doppio del tempo al lavoro domestico e alla cura dei figli, rispetto agli uomini.

Al contrario, gli uomini sono concentrati nei ruoli di leadership e nelle professioni che richiedono forza fisica, concorrenza, interazione con le cose, e capacità analitiche, matematiche e tecniche.

"L'osservazione di queste forti differenze nei ruoli tipici delle donne e degli uomini, fa sì che le persone attribuiscano loro caratteristiche diverse, come mostrato in altri studi di ricerca. Gli stereotipi di genere riflettono quindi la posizione sociale delle donne e degli uomini nella società, ma cambiano quando questa posizione sociale cambia", ha affermato.

 

fonte:

  • Alice H. Eagly, Christa Nater, David I. Miller, Michèle Kaufmann, Sabine Sczesny. Gender stereotypes have changed: A cross-temporal meta-analysis of U.S. public opinion polls from 1946 to 2018.. American Psychologist, 2019; DOI: 10.1037/amp0000494

 

Articolo a cura della dottoressa Arianna Patriarca

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: competenze donne vs uomini, news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

MUTISMO SELETTIVO

Il "Mutismo Selettivo", è un disordine dell'infanzia caratterizzato dall'uso appropriato del linguaggio in alcune situazioni, in particolare quelle familiari, e...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters

0
condivisioni