Pubblicità

Odoriamo la stessa cosa? L'olfatto si svela

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 521 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un nuovo studio cerca di spiegare le differenze individuali nel modo in cui percepiamo gli odori

Odoriamo la stessa cosa Lolfatto si svela
"Questo vestito lo vedi nero e blu o bianco e oro?" ormai tutti ricordiamo il famoso "enigma del vestito" che impazzò su internet un pò di tempo fa. Le persone si divisero e l'ampio dibattito è servito per evidenziare come gli essere umani possano percepire in maniera differente il proprio mondo sensoriale.

Nonostante la discordanza degli scienziati sulle motivazioni delle risposte sull'enigma del vestito, un nuovo studio condotto dalla Monnell Center insieme ad altri istituti hanno indagato le varie differenze indivuduali riguardanti la percezione degli odori, dimostrando come piccoli cambiamenti in un singolo gene di un recettore olfattivo possano influenzare il modo in cui una persona percepisce un odore come "forte" o "piacevole".

I risultati degli esperimenti vanno ad arricchire la conoscenza sul modo in cui i recettori olfattivi nel naso (circa 400 negli esseri umani) codificano le informazioni sulle proprietà degli odori ancor prima che l'informazione raggiunga il cervello.

L'autore dello studio, Casey Trimmer, sostiene come "approfittando della variazione naturale nella famiglia dei recettori olfattivi, possiamo ottenere informazioni cruciali su come funziona il sistema olfattivo e su come le differenze in questo sistema possono influire sulla scelta del cibo, sulla salute nutrizionale e sul benessere generale".

Come detto prima, gli esseri umani possiedono circa 400 recettori olfattivi nel loro naso. Una singola molecola di odore può attivare diversi recettori olfattivi diversi , mentre un determinato recettore olfattivo può essere attivato da diverse molecole di odore.

Il sistema olfattivo in qualche modo interpreta questi schemi di attivazione dei recettori per riconoscere la presenza, la qualità (ha l'odore di ciliegia o di fumo?) e l'intensità di milioni di odori diversi.

"Sappiamo ancora molto poco su come i recettori olfattivi traducono le informazioni da una molecola di odore nella percezione della qualità, dell'intensità e della piacevolezza di un odore" ha detto il neurobiologo olfattivo Joel Mainland. "Esaminando come la variazione in un gene di un recettore olfattivo cambia la percezione dell'odore, possiamo iniziare a capire la funzione di ciascun recettore, che a sua volta ci aiuterà a capire come i recettori lavorano insieme in modo da poter decifrare il codice olfattivo e decodificare l'olfatto".

Piccole differenze nei geni dei recettori olfattivi sono molto comuni nell'uomo e possono influenzare il modo in cui funziona ogni recettore. Annusando la stessa molecola di odore possiamo avere percezioni differenti.

Pubblicità


In questo studio, pubblicato online su Proceedings of the National Academies of Sciences, i ricercatori hanno esaminato questo fenomeno su un campione di 332 persone, chiedendo loro di valutare l'intensità percepita (forza) e la gradevolezza di circa 70 odori diversi, molti dei quali componenti comuni del sapore del cibo, fornendo quindi anche una rilevanza nel mondo reale per lo studio.

Sono stati rilevati anche campioni di DNA dei soggetti e sono state utilizzate tecniche capaci di processare un grandissimo numero di campioni in un tempo molto ridotto, per identificare le differenze nel DNA di oltre 400 geni dei recettori olfattivi di ciascun soggetto. Infine attraverso sofisticati modelli matematici, hanno chiesto se e in che modo le differenze di ciasciun gene influivano sulla percezione degli odori.

"Abbiamo usato i geni delle persone per identificare chi ha una forma "spezzata" di un dato recettore e abbiamo confrontato la loro percezione dell'odore con quella degli individui che hanno una versione più "funzionale" di quel recettore. L'odore è meno forte? È più piacevole?" ha detto Trimmer.

I risultati sono stati sorprendenti: un cambiamento in un singolo recettore era spesso sufficiente per influenzare la percezione dell'odore di una persona.

"Poiché la maggior parte degli odori attiva diversi recettori, molti scienziati pensavano che perdere un recettore non avrebbe fatto la differenza nel modo in cui percepiamo quell'odore, ma il nostro lavoro dimostra che non è così e le modifiche di un singolo recettore possono fare una grande differenza su come si percepisce un odore " sostiene la Mainland

Ad esempio, prendendo in esame le variazioni del recettore noto come OR11A1 e l'odore 2-ethylfenchol hanno scoperto come "l'odore associato al 2-ethylfenchol è parte della ragione per cui le verdure di radice come le barbabietole hanno un sapore terroso, quindi le differenze nel recettore OR11A1 possono spiegare perché alcune persone descrivono le barbabietole come associabli fortemente all'odore di sporco", ha detto Trimmer.

Nei prossimi studi i ricercatori tenteranno di ampliare la loro comprensione del sistema olfattivo utilizzando modelli matematici più sofisticati per esaminare il contributo dei recettori multipli implicati nella percezione degli odori.

 

fonte

C. Trimmer, A. Keller, N. R. Murphy, L. L. Snyder, J. R. Willer, M. H. Nagai, N. Katsanis, L. B. Vosshall, H. Matsunami, J. D. Mainland. Genetic variation across the human olfactory receptor repertoire alters odor perception. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2019; 201804106

 

Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: odori news di psicologia percezione degli odori recettori olfattivi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mio marito ha un disturbo? [16…

Francesca, 36 anni. Salve, ho un problema con mio marito. Lui ha 39 anni e siamo sposati da 12. Da 3 ha un'azienda tutta sua di idraulica, fa impianti, ec...

Vivo ogni giorno con sempre me…

  lola, 23 anni   Salve, sono una ragazza di 23 anni e soffro di molti dei settori sopra indicati..avrei davvero bisogno di sfogarmi con qualcun...

Come offrire aiuto ad una amic…

Soffice, 42 anni     Buongiorno, ho un’amica che soffre di dipendenza affettiva nei confronti del proprio compagno, da 20 anni. Abbiamo entra...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

News Letters

0
condivisioni